Magazine Cultura

Immondizia? Una risorsa per Partinico

Creato il 17 novembre 2014 da Casarrubea
immondizia

immondizia

Ascolto con curiosità le principali notizie su una emittente locale, in un giorno, come in un altro. Non ce n’è una che mi apra il cuore, che mi dia speranza. Così penso alla gente e anche ai cervelli che se ne sono andati, già dagli inizi del secolo scorso. Da Francis Vincent, padre del più noto musicista e mito del jazz Frank Zappa, a uno dei massimi trombonisti del secolo passato, Frank Rosolino, la cui famiglia è originaria di Partinico, stando agli studi effettuati da Gianmichele Taormina. Ma ne potremmo citare altri. Da Sebastiano La Franca, luminare della scienza medica, entrato da tempo nel dimenticatoio, a Dominik Scaglione che fu al vertice della Manhattan Bank, dopo essere stato per anni braccio operativo di David Rockfeller.
E potremmo continuare. Tutti dimenticati, passati sotto il setaccio o il macinino di questo marchingegno che è Partinico costruito apposta come macinino, o meglio, un tritacarne fatto apposta per distruggere il meglio di sé.
Il sommario introduttivo della tv mi da già l’assaggio delle informazioni che avrò:
- la banda degli accendini. Negli ultini anni centinaia di macchine, case, mezzi per il movimento terra, e quant’altro, dati alle fiamme;
- Profanazione di tombe;
- Furti e scassi negli appartamenti;
- Furti di corrente elettrica;
- Furti di rame;
- Rapine ai supermercati e a qualche stabilimento nautico nella zona;
- Ricettazione e traffico di droga;
- Inquinamento della rete idrica e furti di acqua.
E poi dobbiamo aggiungere pizzo e racket, evasioni fiscali, immondizia da tutte le parti: davanti ai cancelli chiusi della villa comunale, in via Catania dove prima nessuno osava buttare un sacchetto di spazzatura, divenuta ormai immondezzaio pubblico. Osservi le strade vicine: non vedi un solo sacchetto di immondizia. Casalinghe e mariti preferiscono regalare la loro immondizia ai portoni e alle porte altrui. Ma perché la gente la dovrebbe depositare davanti casa sua, quando impunemente può accumulare una montagnola marcescente e nauseabonda davanti alle altre case? Si vede che il partinicoto non sente come propria la villa comunale, gioiello delle amministrazioni passate, o la strada pubblica, o la piazza, o che la porta del vicino deve essere rispettata come la sua stessa porta di casa! Ecco il desiderio inconscio di questo nostro compaesano: morire sommerso dai suoi stessi escrementi, pensando di scaricarli nelle vicinanze, poco importa dove. Non trovo altre spiegazioni.
A ben vedere, dunque, il notaio e storico partinicese Giuseppe Di Bartolomeo, nel suo libro sul nostro paesello, scrisse, verso la fine del 1700 che il simbolo del nostro territorio non è la vite ad alberello, ma il fico, maledetto persino da Gesù nel Nuovo Testamento. Per il notaio Partinico produce:
“… portogalli, agrumi, noci, fichi secchi e simili frutti in copia tanto considerevole quanto a parte di restarne la città provveduta ne avvanza un’infinità capace ad abbondare le vicine terre e città e se ne estrarregna per Napoli ed isole aggiacenti alla nostra Sicilia”.

Ora si capisce per quale ragione in questo paese non possa attecchire nulla di buono, tranne le processioni, i fuochi d’artificio per ciascun santo del calendario e le campane delle chiese che o suonano a morto o quando suonano in tempi normali, seguono ognuna ritmi e orari diversi. Perché qui “Ogni testa è tribunale”, e ognuno cammina per i fatti suoi, ma senza un ordine, senza una regola.
Così, in oltre cento anni, siamo andati indietro e il sindaco/ timoniere di questa nave che affonda pare sia contento di portarci tutti in una immensa porcilaia. Siamo già sulla buona strada.
Giuseppe Casarrubea


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Janare, una testimonianza

    Janare, testimonianza

    Questa storia l'abbiamo sentita raccontare dalle vecchiette, ma probabilmente deriva da un poemetto napoletano ottocentesco dal titolo "Storia della famosa... Leggere il seguito

    Da  Salvatore Ruggiero
    CULTURA
  • Una domenica...

    domenica...

    una bella domenica casalinga, nonostante fuori ci sia da ieri un'estate prorompente (e io ne sia già stufa...).una domenica passata a sistemare le scarpe... Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    SOCIETÀ
  • Una canzone

    canzone

    (…)  Il ballo venne interrotto da un improvviso stridio lamentoso nel  momento in cui qualcuno sollevò la puntina del grammofono a metà del disco, e sembrò che... Leggere il seguito

    Da  Pioggiadinote
    CULTURA, DANZA, PALCOSCENICO
  • Ho una certa opinione…

    certa opinione…

    Ormai posso scrivere liberamente siamo soli, soletti, è iniziata l’estate e io non offro più notizie ma solo emozioni. Le mie quindi grazie e continuiamo. Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ
  • Una vita da mediano

    Dell'intervista a Renzi apparsa sul corriere sabato, mi era sfuggito questo passaggio, che prendo dal blog Nonleggerlo: «Calcisticamente parlando, qualcuno pens... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Ma come è possibile... beni per 360 milioni sequestrati a imprenditore a...

    come possibile... beni milioni sequestrati imprenditore Partinico

    Praticamente a questo anonimo tizio di un paesino della Sicilia sono stati sequestrati beni per un mese di "mancetta 80 euro" . Leggere il seguito

    Da  Tafanus
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Emmy, una su ottocento

    Emmy, ottocento

    Uno su mille ce fa, cantava Gianni Morandi. Ed è più o meno la situazione dei bambini Down in Danimarca, dove il 95% delle coppie, alla scoperta di un... Leggere il seguito

    Da  Giulianoguzzo
    OPINIONI, SOCIETÀ