Magazine Italiani nel Mondo

In diretta dalla Maratona di Rio de Janeiro

Creato il 20 luglio 2010 da Ottoaprile
In diretta dalla Maratona di Rio de JaneiroOgni anno nel mese di Luglio si tiene a Rio la Maratona , una corsa di 42 chilometri che si snoda lungo il litorale della Cidade Maravilhosa , da Barra da Tijuca a Botafogo passando per la splendida praia di Copacabana .Anche quest'anno l'amico Donato ha partecipato alla manifestazione e mi ha inviato questo divertente reportage sulla sua esperienza . Proprio vero che ogni maratona è una storia a sé, si sa soltanto che sono 42195 metri da correrre, ma tutto il resto è sempre un'incognita. A cominciare dal tassista che mi ha portato in zona partenza e che non sapeva dove si trovava il Pontal do Tim Maia (è un grande cantante, okay, ma adesso non me ne frega una mazza però), ed è toccato a me indicare a lui la direzione (certo che però non deve essere facile fare il tassista in una città di 1256 Kmq, grande quanto mezza Valle d'Aosta...).
Fortuna che poi a un semaforo abbiamo acchiappato un altro tassista un po' più esperto. Insomma arrivo là 15' prima della partenza, nemmeno il tempo di consegnare la borsa e già mi ritrovo a correre in mezzo a più di 3000 runners.
Clima più fresco dell'anno scorso ma sempre molto umido e col suolo bagnato, in più un vento bello forte e rompicoglioni. Memore delle difficoltà del 2009 parto con un prudente 5'40''. Al terzo Km avverto un strano senso di calore alle gambe: no!... dimenticato di togliere il bermuda... ok, mi fermo, lo tolgo e lo getto via - e menomale che sotto avevo già indossato i pantaloncini, sennò in mutande mi toccava correre.

Mi porto lentamente sui 5'30'' e vorrei aumentare, ma comincio ad avvertire un certo mal di pancia: speriamo bene. Il litorale di Barra da Tijuca è alla mia destra, e quasi nessuno da quelle parti, a parte noi runner e gli elicotteri che ci hanno accompagnato per i primi chilometri.
Niente: il mal di pancia aumenta, al 15mo comincio a pensare di fare uno stop fisiologico, ma provo a resistere, vediamo che succede. E succede che dopo un po' provo a scorreggiare: Cristo Redentore! NOO!!... (non era propriamente una scorreggia...), e adesso?... Adesso c'è gente, siamo verso il finale di Barra e nemmeno mi posso fermare. Deve essere stato quell'aipim fritto di ieri mattina... "O senhor tá gostando?"... Al signore piace?... Sim, é uma delícia!... una delizia cara e amara, sticazzi!

Vabbé, stringi i denti, Donato, anzi le chiappe e vai!
Arrivano le due temibili salite, e devo dire fortunatamente, questa volta: il mal di pancia e il senso di disagio passano in secondo piano e riesco persino a mantenere il ritmo. Adesso mi sento meglio, strano ma vero: sudato, sporco e arrancando sulla salita, qualcosa si è mosso - a parte la pancia... Supero un bel po' di gente e finalmente si comincia a scendere verso Ipanema, coi bambini della favela Rocinha che mi danno il cinque. Nel tunnel di São João la musica e le sfere luminose che la Compagnia di Elettricità Light aveva preparato erano fantastici, per non dire della splendida vista sul litorale a destra, e delle cascatelle dell'abbondante pioggia notturna a sinistra giù per la roccia.
Siamo al 35mo: Copacabana, il quartiere dove sono albergato, il quartiere dove secondo me finisce Rio de Janeiro, perché giá Ipanema è differente, São Conrado e Barra da Tijuca sono vuoti, solo residenze e supermarket e alberghi: niente favelas, niente popolo genuinamente carioca, niente movimento nelle strade a parte i locali notturni e i bagnanti. A me piace Copacabana, perché è popolare, si sentono tutti gli odori e le puzze della città. Bene: altra energia che mi sprona, e così mi porto sui 5'10''. Il mal di pancia ritorna, devo solo stringere i denti e farmi questi ultimi chilometri, non posso crollare adesso.
Termina Copacabana e siamo a Botafogo: alla mia destra il Pão di Açucar sfila fino a scomparire, ed ecco poco dopo l'arrivo: sprint finale fra la gente che applaude e via!!... 3:53', tempo abbastanza buono per me: vendicato così il 4:22' dello scorso anno, colpa di una mezza influenza.
Ma prima di prendere la medaglia... dov'è il bagno??? O senhor, cioè io, sta cercando un bagnooo!!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :