Magazine Cultura

In Silence

Creato il 12 gennaio 2011 da Yourconfusion

E' indubbio che la musica, quella vera, sia un'arte sublime e celestiale.
Perchè quello che una sola canzone di quattro minuti e spiccioli riesce a trasmettere, riesce impossibile per tutte le parole che possono venire in mente.
Il riferimento è ad "Atmosphere", una delle ultime poesie in musica composta da Ian Curtis nel 1980.
Questa magnifica canzone, dalle atmosfere (appunto) eteree, rarefatte e celestiali, può essere considerata la summa della vita e del disagio di quel ragazzo di Manchester, che di li a poco si sarebbe tolto la vita, cedendo all'incapacità di riuscire ad affrontare se stesso.
Perchè è proprio questo che, come in un triste monologo, Ian Curtis cerca di comunicare.
La pacatezza con cui Ian si rivolge al suo animo sa molto di rassegnazione e di distacco, distacco con cui la sua attenzione si rivolge a chi, diversamente da lui, non sente questo malessere:

"People like you find it easy,
Naked to see,
Walking on air."

Pare un' arrendevole ammissione di colpa, un ultimo tentativo di svuotarsi dalle sue sensazioni, di cercare un interlocutore con cui condividere i suoi tormenti. Cosa che gli riusciva con la musica, ma che gli è sempre stato impossibile nella vita.Ma lui stesso lo ammette, lui stesso ammette e canta questo suo isolamento:
"Walk in silence,
Don’t walk away, in silence.
See the danger,
Always danger,
Endless talking,
Life rebuilding,
Don’t walk away."

Molti hanno cercato, a mio avviso riduttivamente, di spiegare questo suo testo, con ampi riferimenti alla sua incapacità di reggere il matrimonio e alla sua difficoltà nel gestire e comprendere i propri sentimenti.
Ritengo questo tentativo di spiegazione un insulto, perchè il messaggio è molto più ampio e importante.
E' un messaggio di dolore e di disperazione, un'ammissione di resa, di un ragazzo incredibilmente sensibile che ha fallito, senza trovare spiegazioni.
"Walk in silence,
Don’t turn away, in silence.
Your confusion,
My illusion,
Worn like a mask of self-hate,
Confronts and then dies.
Don’t walk away."

Le illusioni, la confusione, ma anche la fermezza di non volersi guardare mai indietro perchè sarebbe inutile, e per questo continua a camminare nel silenzio, con rimorso, fino a esprimere un senso di colpa che giunge all'odio di sè (worn like a mask of self hate). Ma tutto ciò non può cambiare la realtà. La consapevolezza che ormai è troppo tardi rimane.
Non resta che non guardarsi più indietro e morire.
Non resta che Confronts and then dies. Don’t walk away.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • In vacanza...

    vacanza...

    http://scorzetta.blogspot.com/feeds/posts/default? Leggere il seguito

    Da  Liz1968
    MUSICA
  • In pena

    pena

    per un cielo infrantoper la pioggia che ci bagneràvado pensando alla gioia grandeche se vorremo ci prenderà.Tra dovere ed inquietudineesita quasta vita rude. Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA, POESIE
  • In attesa

    attesa

    C’è qualcosa di meraviglioso nell’attesa.Ok, ok: questa cosa e già stata detta talmente tante volte talmente bene da talmente illuminati autori che anche solo... Leggere il seguito

    Da  Fabsound
    CULTURA
  • In Patagonia

    Patagonia

    Geografia intima e lontanaAlcuni concittadini che leggono sul Corriere di Arezzo le mie note di viaggio mi hanno scritto per chiedermi se sono vere le notizie... Leggere il seguito

    Da  Barbini
    CULTURA, VIAGGI
  • In Afghanistan

    Non siamo, né siamo mai stati in Afghanistan in missione di pace, ma in guerra. E non per difendere la democrazia, ma in forza della convinzione che questo sia... Leggere il seguito

    Da  Ppcaserta
    CULTURA, SOCIETÀ
  • In lettura...

    lettura...

    Sto dedicando meno tempo alla lettura, lo ammetto. Da una parte mi dispiace perché a questo hobby vorrei dedicare almeno tre ore giornaliere (è la mia dose... Leggere il seguito

    Da  Mirco
    CULTURA, LIBRI
  • In viaggio

    Mentre viaggiavo verso l’aeroporto di Catania, e poi sul volo per Milano, ho cominciato a leggere Cecità di Josè Saramago. Un libro incredibile. Non riuscivo a... Leggere il seguito

    Da  Ilsignork
    CULTURA

Magazines