Magazine Cultura

In un paese di merda!

Creato il 17 gennaio 2011 da Cielosopramilano
IN UN PAESE DI MERDA!
Ha ragione una mia amica che piano piano e zitto zitto se ne è andata dall'Italia.
Che questa storia è figlia di un italietta di merda.
Quando ero giovane e di belle speranze che pensava di essere il Paul Auster italiano, andai in un cinema porno.
Ci rimasi 10 minuti piu o meno. Lo raccontai sul vecchio blog nella community e fini' per ricevere dei commenti scandalizzati.se
Nessuno fece ironie.....furono piu i che schifo che oh mi ci porti la prossima volta.
Questo in pubblico.
Perchè in privato quelle che non commentarono ma lessero mi chiesero se avevo vito cazzi, se avevo visto uomini che si trombavano.
(ovviamente non vidi na mazza...).
Quel racconto mi bastò per capire chi siamo noi italiani.
Perchè il veneto ha il maggior numero di coppie scambiste AL MONDO (non in italia..si al mondo) che il piemonte dopo la california è il posto che fattura di piu AL MONDO per la compravendita online di oggettistica erotica.(cioè secondi dopo la california..robba che non fai i preliminair di champions').
Ecco..se poi uno gira per biella o per cuneo o novara vede le coppie con i carrozzini e i cartocci di paste.
Poi vanno a casa e tirano fuori le manette.
O come diceva la mia amica che immaginava la segretaria di Marchionne al lingotto che batteva al pc con le palline infilate nella patata. (vabbe lei ha scritto fregna..ma anche se è una stimata manager è una bimba cattiva).
I peccati so altri.
I peccati e che non siamo piu un paese.
Perchè vogliamo essere tecnologicamente avanzati ma a cazzi nostri. Con i nostri motofonini o melafonini e poi non saperli usare.
Non siamo piu italiani perchè ci dividiamo in caste, che ci vantiamo in giro se una cosa ci va bene giusto per metterci al centro dell'attenzione.
Ecco siamo un paese di merda.
Che non ha pietà per gli sconfitti.
Perchè alla fine vince chi posa il cartoccio delle paste e poi tira fuori lo snuff movie.
Con la stessa naturalezza quando mette la x sulla scheda per quel capocomico con i capelli di plastica.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines