Magazine Diario personale

In uno strano periodo della mia vita…

Creato il 24 giugno 2015 da Bellatrix74

DSCN0405Diventavo un albero, una volta a settimana.
Mi avevano consigliato la teatroterapia per risolvere i problemi con me stessa, così, io e me stessa,  ne abbiamo parlato un po’ e poi abbiamo iniziato a seguire un corso in cui imparavamo a rotolare, a saltare, a camminare a respirare e infine a raccogliere le forze per diventare  albero. Io sceglievo sempre un albero strano, tanto che l’insegnante mi chiedeva perchè  non riuscissi a mai a decidere che forma dare ai miei rami. Le rispondevo che era colpa di me stessa, che lo voleva bello e affascinante, eccentrico e ammirato, con la chioma tonda e ricca, un albero che andasse in tv. Questo ci faceva perdere un sacco di tempo e andava a finire che mentre gli altri del corso si godevano l’aria fresca della sera tra i germogli dei loro rami, noi, in bilico e senza radici, non riuscissimo neanche a capire se fosse inverno o primavera, se avessimo bisogno d’acqua, se fosse di qualche utilità la nostra presenza nell’ecosistema. Il corso è finito prima che io e me stessa potessimo scendere a patti. Il tempo è passato e io ho guardato il panorama da tente stanze, studiando gli alberi intorno alle colline e quelli dei giardinetti di periferia, imitandone le forme nel tentativo di cercarne una mia, sempre convinta che sarei stata un buon albero solo quando i passanti mi avrebbero notato. Mi sono arrabbiata e ho scavato presuntuosa la terra, facendomi sanguinare le unghie, urlando che non era giusto che non ci fosse posto per me.

DSCN0403

Stasera ho ritrovato questa foto, di quella volta che mi sono imbattuta in questo albero qui, in un parco che sembrava lontano dal mondo.  L’ho toccato. Tutti lo toccavano. Tutti scattavano foto. L’albero firmava autografi. Io ho chiesto a me stessa se davvero quello lì fosse migliore di altri, se fosse più felice, più sano, se avesse radici forti. Le ho chiesto se riuscisse a distinguerlo dagli altri che la mano paziente dello stesso giardiniere aveva scolpito tutti uguali e se davvero l’intenzione di quell’albero lì era di essere così.
Me stessa è stata finalmente zitta e io, ho ripensato alla fatica dei miei rami che in questi anni, senza che io potessi accorgermene, hanno preso la forma che volevano, che già c’era forse.
Non posso dire di me stessa che fosse stupida.
Posso dire solo che fosse giovane.
Ma è stato divertente capire cosa non andava, è stato divertente capire cosa voglio veramente, cosa davvero conta per essere felice.

Non è il successo, ma il sorriso. Le radici, la virtù, e i fiori a primavera per i passanti.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Come in cielo cosi' in terra

    Come cielo cosi' terra

    Karl Popper diceva "Ogni qual volta muore un uomo è un universo intero a venir distrutto. Ce ne rendiamo conto non appena ci identifichiamo con quel uomo. Leggere il seguito

    Da  Marta Saponaro
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • In nome omen

    nome omen

    È successo.Hanno usato il MIO nome!Quello scelto con cura certosina;quello che cullo da tempo immemore tra neuroni ed ovaie;quello che mi fa sberluccicare gli... Leggere il seguito

    Da  Patalice
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • La musica in microcircolo

    musica microcircolo

    Sì, lo so. Ero sparita nuovamente e per di più senza lasciare qualche messaggio strappalacrime ecc ecc.Che volete che vi dica? No, non sono partita per qualche... Leggere il seguito

    Da  Doppiogeffer
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI, UNIVERSITÀ
  • Confusi in un playback

    E si consumano le scarpe da pallone, dentro la polvere E sei lì, e ti senti un panchinaro. E ti piace pure, la tua vita da panchinaro di lusso che si vede... Leggere il seguito

    Da  Iomemestessa
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • In infradito

    In questi giorni di adrenalina e ansia, mentre tutti loro a scuola corrono e fanno ciò che devono fare, ma un pensiero corre fisso a una data, e una soltanto (i... Leggere il seguito

    Da  Povna
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, SCUOLA
  • In the Beginning was.

    Beginning was.

    Per un 2015 migliore.- Focus sul presente- Affrancarsi e farsi solo accompagnare da un passato che non è più- Farsi psicoanalizzare- Limite di utilizzo annuo... Leggere il seguito

    Da  Danielabigi81
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • Astinenza & latte in polvere

    Luchi tu sei un vitello, ma tua mamma non é una mucca Con la solita eleganza ed empatia la pediatra ( alias Gestapo) ha emesso la sua sentenza: integrazione... Leggere il seguito

    Da  Sgangerata
    MATERNITÀ, PER LEI