Magazine Informazione regionale

Incidente circumvesuviana: è di Ercolano il 14enne rimasto gravemente ferito

Creato il 18 novembre 2015 da Vesuviolive

Circumvesuviana

Mentre Antonio Di Rosa – questa il nome del ragazzo – lotta tra la vita e la morte, nuovi particolari emergono sulla dinamica dell’incidente occorso ieri mattina presso la stazione della circumvesuviana di Ercolano Scavi, che sta tenendo col fiato sospeso un’intera città.

False, infatti, si sono dimostrate le prime ipotesi, secondo le quali il protagonista di questa tragica vicenda era prima un rom e poi un residente di Torre del Greco. In realtà si tratta proprio di un ragazzo di Ercolano, 14enne e non 16enne. Assieme ad un suo amico stava attraversando i binari della circumvesuviana, sui quali era già fermo un primo treno. Sarebbe stato proprio quest’ultimo ad ostacolare la vista dell’altro – proveniente da Napoli – ai due adolescenti. Mentre, però, l’amico è riuscito prontamente a mettersi in salvo, Antonio purtroppo non ce l’ha fatta a risalire sulla “banchina di attesa” ed è rimasto incastrato con la gamba tra questa e il veicolo.

Subito trasportato al “Loreto Mare” ieri, nel tardo pomeriggio, è stato operato dai medici dell’ospedale, che sono intervenuti anche su alcuni organi interni oltre che sulle articolazioni. L’intervento è andato bene, ma i dottori non si sono ancora sbilanciati sulle possibilità che il ragazzo possa essere totalmente fuori pericolo.

Tutta la città di Ercolano sta dimostrando grande vicinanza alla famiglia di Antonio, alla quale sono rivolti molti messaggi di incoraggiamento sui social network. In particolare ieri lo stesso sindaco Ciro Buonajuto si è recato presso la struttura ospedaliera per sincerarsi personalmente delle condizioni del giovanissimo cittadino ercolanese, invitando tutti gli abitanti del paese vesuviano a pregare per il ragazzo. Stamattina, peraltro, sono andati a trovarlo anche alcuni amici e compagni di classe, sperando – come tutti – di ricevere una notizia molto positiva.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :