Magazine Arte

Inediti di Paolo Gulfi

Creato il 23 agosto 2012 da Wsf

Inediti di Paolo Gulfi

***

Serata fra amici. Solita Routine.

Un Compleanno.

La gente mi attraversa e non me ne rendo conto,

quando tra i fumi che svolgono canne

palpante una ragazza dipinge

cuneiformi le forme del corpo, il sembiante

forse su tela o su un vetro. Riflesso il suo sguardo

come spirito abbraccia un mantello al mio collo

e la guardo: occhi di perla e

rugiada per bocca.

“Il silenzio risponde al silenzio

in un’ondata di calma,

si rammenda con ruggine

nella tempesta”

Ma dalle labbra sorse un sorriso e

la follia, lentamente, prese il coraggio di un lusso.

In vicendevoli legami dello sguardo,

la mia voce carezzevole

divenne lustro nel suo orecchio

languido miele nel suo petto.

Ritrovata l’amica gioia

qui, al mio fianco.

Non ci credetti: era un ammanco!
Salutandoci – il suo sguardo –

fu una smorfia di rimorso.

Più tardi al pub un amico bisbigliando:

“L’avevamo capito tutti

Era pietà il suo mantello!”

***

Squilla il telefono. Una chiamata.

“Pronto, sono Victoria sono appena arrivata!”

A quella voce una serata di sollievo

birra tra amici, ne rifulge il pensiero

a organizzare, costruire, cercare:

Una sigaretta tirerà una boccata, poi un’altra

e la serata trascorse allegra inviolata, velata

   da quella dolce danza.

“L’etere del lusso danza

sulle tue cosce nel cielo, un’esplosione

su di te, su ciò che saremo

perla ucraina sbarcata in Sicilia”

Di noi che tu sola ne facesti una cosa soltanto

una trinità di inconciliabile amicizia, poiché lo

sapevamo entrambi in radioestesica coesione:

sentivi più di me i movimenti del cuore,

l’ordine che guidava la mano ad offrire alcool e

   [sigarette,

offrendoti la parte terminale del suo cuore.
“Alcool sulle tue cosce e nelle vene

rosse sentore le vidi sgorgare

in voluttà e ardore,

dalla mano fino al palmo dei miei ulivi”

E noi tre (poiché soli non eravamo affatto)

a bere fiumi di Campari sospiranti fumi e sigarette

rosse come il rosso delle labbra in cui si perde,

ironia della sorte, la nostra amicizia.

In tono di promessa me lo disse:

“Accompagnala a casa, mi raccomando!”

Quella notte, fu una notte di sesso

ed ancora lo ricordano

quel trasudare di alcool,

le poltrone della mia 600.

La luce che dai nostri corpi ne avveniva

rifulgeva dagli specchietti nelle zone di campagna

dove passando, girando ancora ne veniva

l’aria del nostro compagno

o di un sottoposto che reggeva la bandiera.

“Il tono dalla nostra auto non smise di tuonare

finché la nostra sera non ebbe a finire”

La ricordo ancora quella sera

mentre i giorni volgono:

I tuoi fiori crescono

sul davanzale dei ricordi

immobili,

come tempeste in atolli di remita.

Immobili i miei abissi,

inamovibile la mia colpa.

Nota Biografica:

Nasco a Ragusa il 3 Giugno del 1986.
Nel 2006 prendo parte al progetto “Poeti chiaramontani”, sponsorizzato dall’AVIS e curato dal poeta Giovanni Catania. Nel 2007 il poeta Sergio D’angelo inserisce la poesia Confessione del poeta viandante all’interno “Gocce di luce”, opera collettiva di poeti e amici. Nel 2009 partecipo al concorso nazionale di poesia di Chiaramonte Gulfi ricevendo la segnalazione per merito. Nel 2010 pubblico la prima raccolta di poesie dal titolo “Mosaico”, i cui ricavati verranno devoluti in beneficenza. Nello stesso anno conseguo la laurea in Filosofia all’Università di Catania. Da novembre 2011 prendo contatto con Serse Cardellini e l’Ass. Culturale Thauma,  ricoprendo il ruolo di curatore editoriale in Sicilia. Nel dicembre dello stesso anno organizzo e co-direziono con Sebastiano Adernò il primo incontro fra poeti e  giovani scrittori siciliani  Orgoglio di Frontiera. Nel marzo del 2012 ho curato l’uscita della silloge di poesia “In luogo dei punti” di Sebastiano Adernò edita per i tipi della collana poetica itinerante Thauma Edizioni.

Alcune mie poesie sono apparse su blog di poesia come TornoGiovedì, Poetarum Silva, e Il Club dei poeti e su riviste come La Masnada. Collaboro le riviste on-line Sitosofia e Filosoficamente.

Ho un blog personale di poesia e filosofia: http://paologulfi.wordpress.com/


Filed under: poesia, scritture Tagged: Inediti, Nudità Delle Parole, Paolo Gulfi, poesia, WSF

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Inediti di Francesca Canobbio

    Inediti Francesca Canobbio

    CONCERTO AL MINIMO Hai scavalcato il pianoforte fino alla sua coda- fino a tastare le corde che tese a capestro con un pizzico o più di follia davano la morte... Leggere il seguito

    Da  Wsf
    ARTE, CULTURA
  • Inediti di Greta Rosso

    Inediti Greta Rosso

    (altri livelli) la non belligeranza nelle palpebre, ma i denti dicono il contrario: sapremmo vincere senza farli stridere? manuale di insolubità. Leggere il seguito

    Da  Wsf
    ARTE, CULTURA
  • Inediti di Iole Toini

    Inediti Iole Toini

    Nicoletta Ceccoli * Ti dirò, da questo ceppo primitivo, albero del pane e del sangue, fondo il silenzio delle vesti, tue ossa e mie. Lì il portento dei fiori.... Leggere il seguito

    Da  Wsf
    ARTE, CULTURA
  • Inediti di Q.

    Inediti

    * Altro che non siano esercizi di memoria, o giochi, portano alla destrezza degli uccelli? Non ricordavo i nomi dei colli romani, quelli dei Sette Nani neppure. Leggere il seguito

    Da  Wsf
    ARTE, CULTURA
  • Inediti di Vincenzo Errico

    Inediti Vincenzo Errico

    Risorgimental Di molto son piene le fosse: di fatti che erano idee di rivolta, di regimi chiusi ai popoli sparsi, di un futuro e moderno orizzonte di statuti... Leggere il seguito

    Da  Wsf
    ARTE, CULTURA
  • Inediti di Maria Allo

    Inediti Maria Allo

    carne offesa non risuona alcuna voce umana quel mare su cui rotola il sole morente infrange onde gonfie di gelo non c’è incanto non c’è estasi il solo dio che... Leggere il seguito

    Da  Wsf
    ARTE, CULTURA
  • Di lingue storte (Inediti di Marco Nuzzo)

    lingue storte (Inediti Marco Nuzzo)

    Di lingue storte Folleggio, statuendo cataclismi tra intercapedini di testo, se resta frangia a sé di un conquistato intercalare lo vedrai serafico, l’ardire... Leggere il seguito

    Da  Wsf
    ARTE, CULTURA