Magazine Calcio

Inter caos

Creato il 23 gennaio 2014 da Zootz

La vicenda Guarin-Vucinic  è imbarazzante per la “nuova” Inter di Thohir. Nuova? Non tanto, che cosa è cambiato nella società nerazzurra dalla presidenza Moratti a quella Thohir? Praticamente nulla, Moratti è sempre lì, Branca, Fassone e Ausilio sono sempre lì.

Le accuse di “inaffidabilità” pronunciate da Marotta,lasciano il tempo che trovano visto che sono espresse da un dirigente che nell’agosto del 2012 cerco di soffiare il famigerato Berbatov, alla società viola che lo aveva già “preso” ed era in viaggio verso Firenze. È inutile ripercorrere la vicenda anche perché alla fine fu Berbatov ad ingannare sia i bianconeri che la Viola riprendendo l’aereo e andando ha firmare per il Fulham di Londra. Un bel soggetto il bulgaro, ma ciò non toglie che Marotta abbia poco da dire in quanto a correttezza.

Per me la vicenda è imbarazzante solo perché è imbarazzante l’assoluta mancanza di chiarezza all’interno della società nerazzurra. L’arrivo di Thohir non ha portato nessun cambiamento e, il magnate indonesiano, per ora ha dimostrato tutta la sua ignoranza nel campo calcio.

Non è difficile capire che quando un nuovo presidente entra in carica deve portare con se anche un cambio nella dirigenza, anche perché Thohir vive ed opera in Indonesia ed invece una squadra di calcio ha bisogno di una presenza fissa perché si sa che; “quando il gatto non c’è i topi ballano”.

Non dico assolutamente che il magnate indonesiano debba essere presente a Milano, non serve. Basta che ci sia una persona di fiducia che comandi e diriga le strategie. Un Oriali? Un Bergomi? Boh a me va bene tutto basta che ci sia chiarezza e strategie definite. Non solo per il calciomercato, ma anche per la varie “grane” che in tutti i consessi sociali si verificano sia esso calcio o vita di tutti i giorni.

Ci vuole un uomo Inter, appunto tipo Oriali, Bergomi o altri, ed un esperto di mercato. Pradè? Meglio Eduardo Macia specialmente assieme a Pantaleo Corvino per esempio di giovani se ne intende molto. Insomma se la situazione non cambia e non viene definito “chi fa cosa” tutto andrà a rotoli molto velocemente.

Infine se un attaccante segna in Serie A 96 gol in 296 match, non è un certo un fuoriclasse checché ne pensi Mister X al secolo Mazzarri.

Marotta



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

A proposito dell'autore


Zootz 2 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Dossier Paperblog

Magazines