Magazine Cultura

Intervista a Francesca Barra

Creato il 14 settembre 2010 da Sulromanzo
Intervista a Francesca BarraDi Morgan Palmas
Un incontro con Francesca Barra
Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinata alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.
Scrivere non è mai un caso fortuito. È allenamento, è cura della parola. Scrivo da quando ho 5 anni racconti. Sognavo di diventare come Jo di piccole donne, la scrittrice. Avevo una macchina da scrivere lettera 22. Mi mettevo in un angolo della casa, nel “torrino” e il mio primo romanzo prodotto in quel modo fu: il desiderio di Lorin. Ricordo il pianto a dirotto per il finale tanto che tutti mi dicevano: allora cambialo. Ma io rispondevo: se ha fatto piangere me vuol dire che funziona.
Se consideriamo come estremi l’istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?
Istinto creativo che si applica con cura per lo stile, i dettagli, la forma.
Moravia, cascasse il mondo, era solito scrivere tutte le mattine, come descriverebbe invece il suo stile? Ha un metodo rigido da rispettare o attende nel caos della vita un’ispirazione? Ce ne parli.
Scrivo ovunque e quando posso. Non ho orari o momenti particolari. Mi basta una carta e una matita, un registratore o una tastiera…
Di che cosa non può fare a meno mentre si accinge alla scrittura? Ha qualche curiosità o aneddoto da raccontarci a riguardo?
Non ho superstizioni, credo solo al potere degli oggetti come fossero talismani. Ma la scrittura non appartiene a nessun rituale particolare, se non ad una buona dose di concentrazione. La mia vita è frenetica, non potrei mai avere la libertà di sedermi ad un tavolo senza essere distratta. Per molti il lavoro “da casa” non è lavoro. Scrivere è un passatempo. È dura far comprendere di avere bisogno di spazi. Non scrivo con troppa luce. Preferisco le ore della notte, questo sì. E mi ispirano mansarde, soffitte o spazi aperti come loft. Non mi isolo per farlo.
Wilde si inchinò di fronte alla tomba di Keats a Roma, Marinetti desiderava “sputare” sull’altare dell’arte, qual è il suo rapporto con i grandi scrittori del passato? È cambiata nel tempo tale relazione?
Sono fonti di ispirazione. Leggere è il primo presupposto per scoprire di essere portato, di amare la scrittura. Non sono un intellettuale, odio questa definizione e non ho bisogno di sentirmi “contro” per appartenere ad una élite.
L’avvento delle nuove tecnologie ha mutato i vecchi schemi di confronto fra centro e periferia, nonostante ciò esistono ancora luoghi italiani dove la letteratura e gli scrittori si concentrano? Un tempo c’erano Firenze o Venezia, Roma o Torino, qual è la sua idea in merito?
Sempre più scrittori emigrano in luoghi isolati, tranquilli a scrivere, per poi ritornare nei grandi centri per partecipare a incontri, salotti… è inevitabile e discutibile e per fortuna non per tutti è così.
Scrivere le ha migliorato o peggiorato il percorso di vita? In altre parole, crede che la letteratura le abbia fornito strumenti migliori per portare in atto i suoi desideri?
Scrivere non può peggiorare la vita, sempre che il tuo strumento non abbia limitato la tua o la libertà di chi ti circonda. Scrivere è un atto onesto e come tale, se non tradisce la tua natura, non può non seguire il suo naturale sviluppo e corso.Scrivere è un atto d’amore verso sé e verso il destinatario. A cui si pensa. Sempre. O meglio si dovrebbe, come se scegliessi di raccontare la tua storia ad un caro amico.Scrivere è una ambizione. Far arrivare il tuo pensiero, magari cambiare qualche posizione, far viaggiare con la mente, sognare…Scrivere è magia.
La ringrazio e buona scrittura. 
Per maggiori informazioni su Francesca Barra:www.francescabarra.it

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intervista a Veronica Tomassini

    Intervista Veronica Tomassini

    Di Morgan Palmas Un incontro con Veronica Tomassini Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinata alla scrittura e se è stato o meno un... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Banana Yoshimoto

    Intervista Banana Yoshimoto

    Banana Yoshimoto Il giornale Brescia Oggi ha realizzato nelle scorse settimane una intervista in esclusiva con Banana Yoshimoto, famosa e apprezzata scrittrice... Leggere il seguito

    Da  Nippolandia
    CULTURA, LIBRI
  • "La casa di Sveva" by Francesca Panzacchi

    casa Sveva" Francesca Panzacchi

    Uscita fine novembre 2010La casa di Sveva by Francesca PanzacchiSveva si ritrova suo malgrado rinchiusa nella sua stessa casa per mano di un uomo che viene da u... Leggere il seguito

    Da  Ciessedizioni
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Lorenza Bernardi

    Intervista Lorenza Bernardi

    Lorenza Bernardi debutta con il suo primo romanzo per young adult Vorrei che fossi tu edito dalla Piemme Freeway. Alle spalle una lunga gavetta nella RCS e com... Leggere il seguito

    Da  Mirco
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Intervista a Lorenza Foschini

    Intervista Lorenza Foschini

    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinata alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito. Ho cominciato da bambina, a Positano... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Lorenzo Belvederesi

    Intervista Lorenzo Belvederesi

    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato/a alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito. Mi sono avvicinato alla scrittura... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • Intervista a Roberto Ferrucci

    Intervista Roberto Ferrucci

    “Sentimenti sovversivi” (Ed. Meet les bilingues) “Se nella tua vita sono tante, di solito, le case che hai abitato, che abiti, e che abiterai, mi sono accorto... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI