Magazine Società

Ioannes Paulus PP. II Centesimus annus

Creato il 19 giugno 2010 da Artigianauta

........La domanda di un'esistenza qualitativamente più soddisfacente e più ricca è in sé cosa legittima; ma non si possono non sottolineare le nuove responsabilità ed i pericoli connessi con questa fase storica. Nel modo in cui insorgono e sono definiti i nuovi bisogni, è sempre operante una concezione più o meno adeguata dell'uomo e del suo vero bene: attraverso le scelte di produzione e di consumo si manifesta una determinata cultura, come concezione globale della vita. È qui che sorge il fenomeno del consumismo. Individuando nuovi bisogni e nuove modalità per il loro soddisfacimento, è necessario lasciarsi guidare da un'immagine integrale dell'uomo, che rispetti tutte le dimensioni del suo essere e subordini quelle materiali e istintive a quelle interiori e spirituali. Al contrario, rivolgendosi direttamente ai suoi istinti e prescindendo in diverso modo dalla sua realtà personale cosciente e libera, si possono creare abitudini di consumo stili di vitaoggettivamente illeciti e spesso dannosi per la sua salute fisica e spirituale. Il sistema economico non possiede al suo interno criteri che consentano di distinguere correttamente le forme nuove e più elevate di soddisfacimento dei bisogni umani dai nuovi bisogni indotti, che ostacolano la formazione di una matura personalità. È, perciò, necessaria ed urgente una grande opera educativa e culturale, la quale comprenda l'educazione dei consumatori ad un uso responsabile del loro potere di scelta, la formazione di un alto senso di responsabilità nei produttori e, soprattutto, nei professionisti delle comunicazioni di massa, oltre che il necessario intervento delle pubbliche Autorità...............


La Chiesa apprezza il sistema della democrazia, in quanto assicura la partecipazione dei cittadini alle scelte politiche e garantisce ai governati la possibilità sia di eleggere e controllare i propri governanti, sia di sostituirli in modo pacifico, ove ciò risulti opportuno.93 Essa, pertanto, non può favorire la formazione di gruppi dirigenti ristretti, i quali per interessi particolari o per fini ideologici usurpano il potere dello Stato............
Sembra, infatti, talvolta che egli esista soltanto come produttore e consumatore di merci, oppure come oggetto dell'amministrazione dello Stato, mentre si dimentica che la convivenza tra gli uomini non è finalizzata né al mercato né allo Stato, poiché possiede in se stessa un singolare valore che Stato e mercato devono servire. L'uomo è, prima di tutto, un essere che cerca la verità e si sforza di viverla e di approfondirla in un dialogo che coinvolge le generazioni passate e future.102


Da tale ricerca aperta della verità, che si rinnova ad ogni generazione, si caratterizza la cultura della Nazione. In effetti, il patrimonio dei valori tramandati ed acquisiti è sempre sottoposto dai giovani a contestazione. Contestare, peraltro, non vuol dire necessariamente distruggere o rifiutare in modo aprioristico, ma vuol significare soprattutto mettere alla prova nella propria vita e, con tale verifica esistenziale, rendere quei valori più vivi, attuali e personali, discernendo ciò che nella tradizione è valido da falsità ed errori o da forme invecchiate, che possono esser sostituite da altre più adeguate ai tempi.

Non bisogna, peraltro, dimenticare che alle radici della guerra ci sono in genere reali e gravi ragioni: ingiustizie subite, frustrazioni di legittime aspirazioni, miseria e sfruttamento di moltitudini umane disperate, le quali non vedono la reale possibilità di migliorare le loro condizioni con le vie della pace.Per questo, l'altro nome della pace è lo sviluppo105 Come esiste la responsabilità collettiva di evitare la guerra, così esiste la responsabilità collettiva di promuovere lo sviluppo. Come a livello interno è possibile e doveroso costruire un'economia sociale che orienti il funzionamento del mercato verso il bene comune, allo stesso modo è necessario che ci siano interventi adeguati anche a livello internazionale. Perciò, bisogna fare un grande sforzo di reciproca comprensione, di conoscenza e di sensibilizzazione delle coscienze. È questa l'auspicata cultura che fa crescere la fiducia nelle potenzialità umane del povero e, quindi, nella sua capacità di migliorare la propria condizione mediante il lavoro, o di dare un positivo contributo al benessere economico. Per far questo, però, il povero — individuo o Nazione — ha bisogno che gli siano offerte condizioni realisticamente accessibili. Creare tali occasioni è il compito di una concertazione mondiale per lo sviluppo, che implica anche il sacrificio delle posizioni di rendita e di potere, di cui le economie più sviluppate si avvantaggiano.106



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Kennedy vs Nixon parte II

    Grandi ascolti nell'ultima puntata di Vieni via con me che come sapete ha destato molte polemiche nel mondo politico, giacchè ai politici piace fare polemiche s... Leggere il seguito

    Da  Wanderer
    SOCIETÀ
  • Quanto Manca? part II

    Quanto Manca? part

    Seconda parte dell'analisi riguardante la situazione politica in vista del 14 dicembre. Tocca ai partiti del nuovo vecchio grande c'entro: Futuro e Libertà per... Leggere il seguito

    Da  Confortevolmente Insensibile
    SOCIETÀ
  • Modellame again II

    Modellame again

    Ancora modella... secondo me questi sono più brutti dei primi... però altri dicono il contrario... vabbè... buona guardata!That's all FOLKS!!! Leggere il seguito

    Da  Kaosintesta
    DISEGNI, FUMETTI E VIGNETTE, TALENTI
  • Storytelling II

    Storytelling

    Altri storyboard basati sulle scene di alcuni films che stiamo studiando al seminario di storytelling.Oggi è il turno di A.I. Intelligenza Artificiale. Buona... Leggere il seguito

    Da  Kaosintesta
    DISEGNI, FUMETTI E VIGNETTE, TALENTI
  • OUTDOOR in ROME ! (II) - Video

    Leggere il seguito

    Da  Darioujetto
    ARTE, CULTURA
  • In arrivo Black Mirror II

    arrivo Black Mirror

    È in dirittura di arrivo il secondo capitolo in Black Mirror, avventura grafica delle atmosfere cupe che tanto ha colpito all'uscita gli appassionati di... Leggere il seguito

    Da  Splatterpostino
    TECNOLOGIA, VIDEOGIOCHI
  • Onomatopee (II)

    Onomatopee (II)

    °Altre onomatopee della serie televisiva "Batman". Leggere il seguito

    Da  Ciompi
    CREAZIONI, HOBBY