Magazine Racconti

Irène Némirovsky - Il vino della solitudine

Da Rossellamartielli
Irène Némirovsky - Il vino della solitudine
Il vino della solitudineIrène NémirovskyAdelphi, 2011pp. 245ISBN: 9788845925665Letteratura francese
Traduzione: Laura Frausin Guarino



Trama:Il vino della solitudine è il più autobiografico e il più personale dei grandi romanzi di Irène Némirovsky: la quale, pochi giorni prima di essere arrestata, stilando l'elenco delle sue opere sul retro del quaderno di Suite francese, accanto a questo titolo scriveva: «Di Irène Némirovsky per Irène Némirovsky». Non sarà difficile, in effetti, riconoscere nella piccola Hélène, che siede a tavola dritta e composta per evitare gli aspri rimproveri della madre, la stessa Irène; e nella bella donna che a cena sfoglia le riviste di moda appena arrivate da Parigi in quella noiosa cittadina dell'impero russo – e trascura una figlia poco amata per il giovane cugino, oggetto invece di una furente passione – quella Fanny Némirovsky che ha fatto dell'infanzia di Irène un deserto senza amore. Hélène detesta la madre con tutte le sue forze (e si sente morire all'idea di dover posare la bocca su quella guancia che vorrebbe «lacerare con le unghie»), al punto da sostituirne il nome, nelle preghiere serali, con quello dell'amata istitutrice, «con una vaga speranza omicida». Verrà un giorno, però, in cui la madre comincerà a invecchiare, e Hélène avrà diciott'anni: accadrà a Parigi, dove la famiglia si è stabilita dopo la guerra e la rivoluzione di ottobre e la fuga attraverso le vaste pianure gelate della Russia e della Finlandia, durante la quale l'adolescente ha avuto per la prima volta «la consapevolezza del suo potere di donna». Allora sembrerà giunto alfine per lei il momento della vendetta: «Ti farò piangere come tu hai fatto piangere me!». Ma Hélène non è sua madre – e forse sceglierà una strada diversa: quella di una solitudine «aspra e inebriante». Da un'infanzia infelice, diceva Irène Némirovsky, non si guarisce mai: pochi hanno saputo raccontare quell'infelicità come ha fatto lei.
La mia recensioneAppena uscito per Adelphi, Il vino della solitudine di Irène Némirovsky è probabilmente il più bello – oltre che il più autobiografico – dei libri della scrittrice ucraina, naturalizzata francese. La storia della piccola e originale Hélène, infatti, ricalca in maniera pressoché perfetta l’adolescenza di Irène, nata in una ricca famiglia dell’alta borghesia ebrea: come il padre di Hélène, anche suo padre era un banchiere dedito ad affari non sempre limpidi e completamente in balia della sua passione per il gioco d’azzardo, amatissimo dalla figlia ma del tutto incapace di mostrarle affetto. Per lui, la bambina era né più né meno che una bestiolina domestica, cui riservare quell’affetto semplice e indifferente che non può in alcun modo far fronte ai bisogni emotivi di una ragazzina che si va facendo donna. E che dire poi della madre di Hèlene, Bella, ritratto fedele di quella Fanny Némirowsky odiata e temuta, una donna che secondo la scrittrice non sarebbe mai dovuta diventare madre, perché completamente priva del più elementare istinto materno... (continua a leggere su La bottega di Hamlin)
La riscoperta di una scrittrice che fa rivivere un'epocaFamosissima nei primi decenni del Novecento, dopo il secondo conflitto mondiale Irène Némirovsky fu completamente dimenticata sia dalla Francia – nazione in un cui trascorse gran parte della sua esistenza, che l’aveva celebrata come la sua più grande scrittrice – che dal resto del mondo. 

Irène Némirovsky - Il vino della solitudine

Irène Némirovsky

Una Francia crudele, che non mostrò alcuna solidarietà per il suo destino di deportata (la Némirovsky, infatti, morì di tifo ad Auschwitz) né per quello di tanti altri ebrei francesi, e che dopo la guerra rimosse ogni ricordo assieme all’insostenibile orrore della guerra.Nata a Kiev nel 1903 in una famiglia appartenente all’alta borghesia finanziaria (suo padre era un banchiere ebreo), durante l’infanzia Irène riceve un’educazione classica e pochissimo affetto sia da parte della madre – quella Fanny Némirovsky bella e egocentrica, dedita esclusivamente ai divertimenti mondani e agli amanti, che tornerà spessissimo nella produzione letteraria della scrittrice – che da parte del padre, completamente preso dai suoi affari e succube del gioco d’azzardo. Dopo la rivoluzione bolscevica... (continua a leggere lo speciale su SulRomanzo)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Margine

    Margine

    Anche se è sabato pomeriggio ed è probabile che in pochi se ne accorgano, voglio provare a farvi un regalino. Vi dico subito che la foto qui accanto serve a far... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    TALENTI
  • Il volantino

    Guarda, ho trovato questo volantino e l’ho preso. E’ veramente divertente! E mi porge il volantino sulle mani, sorridendo. La ragazza è venuta a trovare suo... Leggere il seguito

    Da  Effettoparadosso
    PER LEI, SOCIETÀ, TALENTI
  • Il tribunale.

    tribunale.

    Eccoli là. Tutti pronti a giudicarmi. Tutti seduti sui loro scranni pesanti e lo sguardo inquisitorio.Il tribunale è affollato e mi sembra un po' eccessivo,... Leggere il seguito

    Da  Monstersandco
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • "Il gioco".

    gioco".

    Vermiglio sangue scorre giù dal mio naso, passa sul mio petto e si ramifica fino a toccare terra. Le mie gambe sono livide, lo sono le mie spalle, le mie bracci... Leggere il seguito

    Da  Astronautaperduto
    TALENTI
  • "Il giardino."

    Qui, c'è un profondo rispetto verso il tutto.C'è rispetto per quest'ape che mi ronza attorno e che all'improvviso può bucarmi, verso il gallo che annaspa nel... Leggere il seguito

    Da  Astronautaperduto
    TALENTI
  • Il Guru

    Guru

    “Tu non c’entri. Il problema sono io e non meriti di stare con una come me”.Banale, come gli spaghetti aglio, olio e peperoncino, che però sono efficaci quando... Leggere il seguito

    Da  Volobasso
    CULTURA, TALENTI
  • Il funerale

    Maledizione siam ricoperti da terribili paure....frutto di un improvviso e cocente inganno....che non da il tempo neanche di regalarti un semplice affanno....po... Leggere il seguito

    Da  Wiald
    POESIE, TALENTI

Magazines