Magazine Cultura

Ispirazione n. 10: l'opera nel tempo

Creato il 04 ottobre 2011 da Sulromanzo

L’autore e l’eroe. Teoria letteraria e scienze umane di Michael BachtinSe non si può studiare la letteratura al di fuori di tutta la cultura di un’epoca, ancora più pernicioso è chiudere un fenomeno letterario nella sola epoca della sua creazione, cioè nell’epoca che le è contemporanea. Di solito noi cerchiamo di spiegare uno scrittore e le sue opere proprio in base al suo presente e al suo immediato passato (di solito nell’ambito dell’epoca come noi la intendiamo). Abbiamo paura di allontanarci troppo nel tempo dal fenomeno studiato.

E invece l’opera affonda le sue radici nel lontano passato. Le grandi opere letterarie sono state preparate dai secoli e nell’epoca della loro creazione non si fa che cogliere i frutti maturi di un lungo e complesso processo di maturazione. Se cerchiamo di capire e spiegare un’opera soltanto partendo dalle condizioni della sua epoca, soltanto dalle condizioni del suo tempo immediato, non penetreremo mai nelle profondità dei suoi significati. Se ci si chiude dentro un’epoca, anche la vita futura dell’opera nei secoli successivi riesce incomprensibile e sembra un paradosso.

Le opere spezzano le frontiere del loro tempo e vivono nei secoli, cioè nel tempo grande, e spesso (e le grandi opere sempre) di una vita più intensa e piena che nell’età contemporanea. Per dirla con una certa semplificazione e schematicità: se il significato di un’opera viene ridotto, ad esempio, alla sua funzione nella lotta contro la servitù delle gleba (nella scuola media si fa così), quest’opera deve perdere totalmente il suo significato, quando la servitù della gleba e i suoi residui escono dalla scena, mentre l’opera spesso aumenta addirittura il suo significato, cioè entra nel tempo grande. Ma l’opera non può vivere nei secoli futuri, se non ha assorbito in sé in qualche modo anche i secoli passati.

L’autore e l’eroe. Teoria letteraria e scienze umane di Michael Bachtin

Media: Scegli un punteggio12345 Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines