Magazine Diario personale

Italiano in carcere a Cuba è festa in aeroporto per la liberazione

Da Astonvilla
Italiano in carcere a Cuba è festa in aeroporto per la liberazione
Chicca abbraccia Gramazio "È finita, finalmente è finita". Applausi, lacrime e abbracci all'aeroporto Leonardo Da Vinci dove questo pomeriggio è atterrato Emanuele Chicca, il 30enne originario di Tivoli, liberato ieri dalle carceri cubane dove era detenuto da due anni. Con il padre Antonio, la fidanzata, i parenti e gli amici, anche il senatore del Pdl Domenico Gramazio, che era andato personalmente a Cuba lo scorso 3 novembre per incontrare, insieme all'ambasciatore Marco Baccin, il vice ministro cubano per i rapporti con l'Europa, Jorge Rodriguez. Un interessamento che si è rivelato fondamentale, culminato con la liberazione e il ritorno in Itali
Chicca è stato condannato a 4 anni di reclusione nelle carceri cubane a seguito di un incidente automobilistico e ha scontato 2 anni della pena. Il giovane, in vacanza con amici a Cuba, è stato arrestato con l'accusa di disobbedienza, attentato e lesioni ai danni di un agente. Durante un tour con una Peugeot presa a noleggio, non si sarebbe fermato a un posto di blocco e avrebbe quindi avuto il diverbio con uno dei poliziotti.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
L'ANTEFATTO
Doveva essere un’allegra vacanza a Cuba con due amici. Il suo primo viaggio all’estero, ma è diventato un incubo per Emanuele Chicca, 30 anni nato a Tivoli, che dal 26 gennaio è segregato in un cella del carcere “Ceramica Roja” di Camaguey, in attesa di giudizio per un incidente stradale. E del suo stato carcerario, giudiziario e di salute non si sa nulla, nonostante l’ambasciatore italiano Domenico Vecchioni abbia chiesto più volte alle autorità cubane di poter assistere il connazionale (in base alla convenzione di Vienna) e di capire se verrà espulso, come spesso succede in questi casi o se e quando verrà processato.
Quello che si sa del giovane è che durante il tour dell’isola con una Peugeot presa a nolo ad Oriente dell’isola caraibica, non si sarebbe fermato a un posto di blocco e avrebbe quindi litigato con uno dei poliziotti. I suoi due amici dormivano mentre lui guidava, perciò non sono in grado di testimoniare. Al secondo posto di blocco il giovane sarebbe stato quindi arrestato per presunta “disobbedienza, attentato e lesioni a danni di agente di polizia”.
Rischia una condanna a 15 anni da scontare a Cuba. Ma da gennaio è in detenzione preventiva, prima nella prigione “Kilo 8” dei detenuti politici e obiettori di coscienza, sempre nella cittadina a 800 Km dall’Avana, ora in quella per detenuti comuni dove non può vedere nessuno. Inoltre può essere assistito solo da un avvocato cubano, ma neanche questo è accaduto. Malnutrito e disperato avrebbe fatto uno sciopero della fame e della sete che gli avrebbe procurato complicazioni renali a causa dei quali sarebbe stato necessario ricoverarlo al vicino ospedale “Simoni”, sempre a Camaguey. Ha bisogno di medicine che scarseggiano nell’isola per tutti, ha bisogno di cibo sano e le temperature nelle celle senza aria delle carceri cubane raggiungono in questa stagione livelli insopportabili. Ma soprattutto ha bisogno di capire come finirà la sua detenzione. L’ambasciata italiana ha sollecitato che venga trasferito nel carcere per stranieri all’Avana per poterlo assistere, ma nessuno ha risposto all’appello.
Sul suo stato di salute Vecchioni dice: «Purtroppo non sappiamo molto: abbiamo chiesto di visitarlo, che venga trasferito. Non abbiamo avuto nessuna risposta dalle autorità cubane. Non sappiamo se verrà processato o espulso».
Il giovane vive a Castel Madama, in provincia di Roma e vende auto, che sono la sua passione per cui partecipa a Rally; come sono la sua passione i cavalli. Quest’anno aveva vinto il Palio Madama Margarita per Borgo, il suo quartiere.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intercontinental di pelota - grande cuba ,benissimo italia

    Intercontinental pelota grande cuba ,benissimo italia

    Cuba torna sul tetto del mondoDa Taiwan 2006 a Taiwan 2010: Cuba spezza l’incantesimo di un triennio nero nel quale aveva perso l’oro olimpico (dopo 3) e l’oro... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Tragedia aerea a cuba

    Tragedia aerea cuba

    L'AVANAUn’aereo cubano è precipitato nell’isola caraibica provocando la morte di tutte le 68 persone che erano a bordo. Fra le vittime, secondo il sito... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Mangiare a cuba

    Mangiare cuba

    Cuba non e' uno dei paesi al mondo in cui si mangia meglio questo e' sicuro come e' sicuro che noi italiani a livello di cibo e alimentazione dobbiamo sempre e... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Vivere e lavorare a cuba

    Vivere lavorare cuba

    Quattro ragazzi via mail mi hanno chiesto alcune informazioni sul come potere andare a vivere a Cuba e sul come poter trovare un lavoro e mantenersi alla Isla. Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Milvia, la speranza abita a Cuba

    Milvia, speranza abita Cuba

    Raffaele Rosa Alberto Granado la stringe tra le braccia e lei abbozza un sorriso, i suoi occhi sono tristi ma trasmettono tanta voglia di vivere. Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Il concetto di tempo a cuba

    concetto tempo cuba

    Una persona che in vacanza,e sopratutto a Cuba,non modifica il suo concetto di tempo e di come impiegarlo e' uno che della vita davvero ha capito poco. Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Il coccobrillo a cuba

    coccobrillo cuba

    Suggerire alla Convenzione Internazionale per il Traffico di Specie in Pericolo di Estinzione (secondo la sua Risoluzione 315) che Cuba inizi un progetto per... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI