Magazine Cultura

Jekyll e altri classici della letteratura secondo Crepax

Creato il 17 settembre 2011 da Ilbicchierediverso

 

Jekyll e altri classici della letteratura secondo Crepax
Guido Crepax è un maestro assoluto. O se vogliamo ridimensionarci, uno dei maestri assoluti del fumetto mondiale.

Conosciuto dai più per la sua splendida Valentina, questo straordinario e complesso (nella sua “semplicità”) disegnatore è riuscito a dare una nuova linfa ai grandi classici della letteratura, immergendoli nella sua visionarietà e onirica bellezza, oggi raccolti dalla Black Velvet nel volume Jekyll e altri classici della letteratura primo volume di una interessante collana dal nome La biblioteca di Guido Crepax.

Dr. Jekyll e mr. Hyde è la title track di questo splendido volume, adattamento del capolavoro di Stevenson cui seguono i fumetti Casanova, che riporta alcuni episodi della vita del celebre dongiovanni veneziano con entrambe le differenti versioni di finale che esistono, Giro di Vite di Henry James, La storia immortale, tratto da Karen Blixen con i personaggi che ricordano i protagonisti dell'adattamento cinematografico firmato da Orson Welles e tre Racconti del mistero di Edgar Allan Poe (ovvero Il duplice delitto della Via Morgue, Il mistero di Marie Rogêt e La lettera rubata) ed infine Il processo di Kafka.

Tutti i fumetti sono realizzati in bianco e nero ad esclusione di La storia immortale.

Essendo stati realizzati in un arco temporale molto vasto, i disegni hanno nette differenze di stile tra i diversi racconti. Il più vecchio dei fumetti ospitati è Il duplice delitto della Via Morgue, datato 1967, mentre il più recente è Il processo, del 1997.

Un volume che di solleticherà grazie alle sue visioni erotiche e viziose intrise di profonda psicologia e introspezione, ogni mente che vorrà varcare la soglia di questa casa bianca e nera.

 

Jekyll e altri classici della letteratura

 

Autore: Guido Crepax

Black Velvet- pp.gg. 291- euro 28- 2011

 

Buona scelta

IBD

[email protected]

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :