Magazine Arte

José guadalupe posada

Creato il 26 gennaio 2011 da Catone
arte y calaveras
José Guadalupe Posada (Aguascalientes, 2 febbraio 1851 – Città del Messico, 20 gennaio 1913) è stato un incisore messicano.
 clip_image001
Molte delle sue opere furono pubblicate in stampe popolari sensazionalistiche che illustravano eventi di cronaca. Le opere più conosciute di Posada sono le sue calaveras (teschi), spesso abbigliate in modi diversi, come la Calavera de la Catrina (Il teschio della gran dama), il cui intento è satirizzare la vita della borghesia durante il regno di Porfirio Diaz. La maggior parte delle sue opere avevano significati religiosi o intenzioni satiriche. Fino alla sua morte, tuttavia, le immagini furono associate alla festa messicana del Día de los Muertos, (Il giorno dei morti). Esse infatti illustravano alcuni dei motivi tipici della cultura delle popolazioni indigene d'America.
clip_image002
A Nuestra Señora de Guadalupe
clip_image003

El Purgatorio Artístico

Broadside, engraving, continued verso, 1904

clip_image005

Aquí Está la Calavera del Editor Popular
A. Vanegas Arroyo

clip_image006

La Calavera Oaxaqueña

Broadside, etching, continued verso, 1903
clip_image007

Regalo de Calaveras,
Obsequio a las Garbanceras

Wooing of the Chickpea Sellers
clip_image003[1]

El Purgatorio Artístico

Broadside, engraving, continued verso, 1904
clip_image008
The Skeleton of the Buses
clip_image010

Don Pepito Contempla a las Presentes
Calaveras de Amigos y Parientes.

Broadside, engraving, recto, 1902
clip_image011
José Guadalupe Posada, La Calavera del Colera Morbo, black and white woodcut, 6 5/8 x 10 1/8". Collection of the ASU Art Museum Broadside, engraving and etching on orange paper, 1910
clip_image012
José Guadalupe Posada, La Calavera, black and white woodcut, 14 x 10". Collection of the ASU Art Museum
Può essere considerato un precursore della fioritura artistica messicana dopo la rivoluzione del 1910. È infatti sulla base di una tradizione d'arte popolare, rappresentata da Posada e da molti altri incisori e grafici, che si sviluppa il grande filone narrativo della pittura murale di José Clemente Orozco, di Diego Rivera, di David Alfaro Siqueiros e di Rufino Tamayo.
C'è in tutta questa tradizione, uno stretto rapporto con la vita del popolo anche nei suoi aspetti torbidi; le immagini di questi grafici toccano di frequente i toni ironici o indugiano su elementi macabri o semplicemente grotteschi.
clip_image022
clip_image014
Don Chisciotte
clip_image016
Calavera Oaxaqueña
clip_image018
Biciclette
clip_image019
Calavera de la Catrina
clip_image020
calavera revolucionaria
clip_image024
Calaveras Bailando
clip_image025
The Revolution o calavera zapatista
Fonte

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines