Magazine Coppia

Kahlil Gibran: la bellezza della poesia

Da Sessuologiacagliari @DessiAntonio
Kahlil Gibran: la bellezza della poesiaMagia della vita


In un campo ho veduto una ghianda:

sembrava così morta, inutile.
E in primavera ho visto quella ghianda
mettere radici e innalzarsi,
giovane quercia verso il sole.
Un miracolo, potresti dire:
eppure questo miracolo si produce
mille migliaia di volte
nel sonno di ogni autunno
e nella passione di ogni primavera.
Perché non dovrebbe prodursi
nel cuore dell'uomo?

Kahlil Gibran (nato a Bsharri il 6 gennaio 1883, morto a New York il 10 aprile 1931) è stato un poeta, pittore e filosofo libanese. "La Magia della vita" è una poesia molto semplice che mette in luce l'aspetto più filosofico di Gibran. La poesia è un'arte che esprime attraverso la musica dei suoi versi emozioni e stati d'animo in maniera più evocativa e potente di quanto possa fare un trattato di psicologia. La semplicità di Gibran è quella di proporci una semplice immagine: una ghianda che mette radici e con il tempo si innalza per diventare quercia.

La bellezza nell'affiancare i processi emotivi e di cambiamento dell'uomo a quelli del processo che avviene in natura è molto evocativo. Forze che esistono, che si attivano "migliaia di volte", e che potrebbero attivarsi anche nell'uomo, così come scrive nella sua domanda finale. Un messaggio aperto, provocatorio e di speranza.
Kahlil Gibran: la bellezza della poesia Kahlil Gibran: la bellezza della poesia

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Esagerazione (Kahlil Gibran)

    Un’esagerazione è una verità che ha perso la calma. Vota:Share this:CondivisioneEmailStampaFacebookTwitterLinkedInGoogle +1Like this:Mi piaceBe the first to lik... Leggere il seguito

    Da  Alextog
    OPINIONI
  • Kahlil Gibran - Quando nacque il mio dolore

    Kahlil Gibran Quando nacque dolore

    Quando nacque il mio dolore, ebbi subito per lui ogni cura, e lo vegliai con amorosa tenerezza. E il mio dolore crebbe come tutte le cose viventi, forte,... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Kahlil Gibran

    Kahlil Gibran

    Diceva un foglio bianco come la neve: “Sono stato creato puro, e voglio rimanere così per sempre. Preferirei essere bruciato e finire in cenere che essere... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La Danzatrice (Gibran)

    Danzatrice (Gibran)

    "Per un giorno, la corte del principe invita una danzatrice accompagnata dai suoi musicisti. Ella fu presentata alla corte, poi danza davanti al principeal suon... Leggere il seguito

    Da  Francescarossi
    CULTURA
  • Gibran Khalil Gibran

    Gibran Khalil

    Vorreste misurare il tempo, l'incommensurabile e l'immenso. Vorreste regolare il vostro comportamento e dirigere il corso del vostro spirito secondo le ore e... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • “Gli Dèi della terra” Kahlil Gibran

    “Gli della terra” Kahlil Gibran

    Dalla nascita del cosmo a “Quando scese la notte della dodicesima era”. Un dialogo fra tre divinità che si trovano a discutere sulla loro natura immortale, sull... Leggere il seguito

    Da  Clindi
    CULTURA, POESIE
  • GIBRAN KAHLIL GIBRAN(le ali spezzate)

    GIBRAN KAHLIL GIBRAN(le spezzate)

    ALZATI SALMA' andiamo via da questo piccolo tempio, suvvia, fuggiamo da questo paese, dalle sue costrizioni e dalla sua ignoranza, verso terre lontane... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Magazines