Magazine I nostri amici animali

L'Aquila,due anni dopo

Da Shiri
L'Aquila,due anni dopoPluto, Chicco, la Bianca e poi Morgana, e ancora Key e Prosperino. Sono i cani dell'Aquila, simboli della città. Icone identitarie del terribile scenario presentato dal sisma che colpì due anni fa i cittadini abruzzesi, simboli che rappresentano il senso di decadenza e quello di tenerezza. Sono cani di quartiere o meglio "cittadini" a tutti gli effetti, riconosciuti in base a una normativa approvata in consiglio comunale. E poi ci sono loro, le unità cinofile che accompagnano da anni quasi tutti i corpi di pubblica sicurezza del nostro Paese. Si va dai cani antidroga della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato ai cani bagnino passando da quelli per il salvataggio delle persone nelle calamità naturali, come appunto per il terremoto in Abruzzo. Veri e propri angeli a quattro zampe che fanno il loro lavoro con estrema dedizione senza richiedere nulla in cambio. E poi ancora le centinaia di animali da compagnia perduti nella notte del sisma e quelli randagi, tra pets di quartiere che hanno perso chi li assisteva e quelli abbandonati dalla gente già sfollata ma poi fuggita in condizioni di panico per le nuove scosse. A due anni dopo il terremoto dell'Aquila voglio ricordare tutte le vittime umane e a quattro zampe, anime che resteranno impresse nel nostro cuore, nella memoria per sempre.
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
L'Aquila,due anni dopo

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog