Magazine Cultura

L'Esorcista. Il romanzo.

Creato il 13 ottobre 2011 da Ilbicchierediverso

 

L'Esorcista. Il romanzo.
È in mezzo alla calma di una tranquilla famiglia che striscia invisibile la terrorizzante storia di questo libro. In mezzo all’amore di una madre per la sua Regan, una madre che fa di tutto per starle accanto. Una star del cinema, conosciuta, voluta, che cerca di non perdere un attimo del suo angelo.

In mezzo alla rassicurante presenza dei mobili di sempre, dei giocattoli, delle stanze piene di luce e dei vestiti di ogni giorno, si annida qualcosa che sta per rendere tutto semplicemente orribile.

Sono i piccoli passi nel solaio, il rumore sordo che proviene dalla stanza della bambina, i vestiti che scompaiono, a fare la loro silenziosa entrata nella pelle della piccola. Il male prende corpo, lo possiede e lo fa facendolo ammalare, deturpandolo della propria innocenza, delle sicurezze dell’amore. Il male s’impossessa e cresce come un virus, dilaniando quanto di buono e conosciuto c’era fino a quel momento. Violando Regan nella sua umanità.

Satana è assolutamente nichilista e poco gli importa se Chris, la madre, è atea o meno, poco gli importa di essere fatto studiare dalla scienza degli uomini. Lui è lì, infesta come legioni di blatte la linda casa del corpo della ragazzina. La insozza fino al parossismo. Perché nel suo deprecabile scempio non c’è unicamente l’oltraggio di una pura di cuore. Nel suo scempio c’è la caccia ad un vecchio nemico …

Nessuna luce può salvare. È questo che ferisce, che morde il cuore e l’anima nel lettore tenendolo immobile come con le fauci di un animale davanti agli occhi: l’impossibilità di nascondersi al Demonio e l’impossibilità di poterlo contrastare.

Una storia che torna dopo quasi trent’anni (con una nuova traduzione e un’affascinante prefazione) che ha ingoiato più di 13 milioni di persone e che lentamente prende la pelle e la gela la rende più sensibile, più vulnerabile, una paura che non conosce età e che spesso viene camuffata da risatine, ma che esce allo scoperto quando si resta da soli. Quando si entra nella propria camera da letto e si deve spegnere la luce. Resta sospesa nell’attimo di esitazione  che coglie impreparata la mano sull’interruttore nel preciso istante in cui gli occhi pattugliano la stanza e per un secondo sembra di scorgere una bocca che ghigna in un’ombra passeggera.

L’Esorcista

Autore: William Peter Blatty

Fazi Editore – pp.gg. 433 – euro  - 2009 

Buona scelta

IBD

[email protected]

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il lungo, il corto, il pacioccone

    È vero: offendere/criticare qualcuno per le sue caratteristiche “fisiche” è roba da bambini delle elementari. E, dato che noi siamo sensibili “maestri”, è giust... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il Decameron

    Decameron

    1971, Pier Paolo Pasolini.Eccomi al primo film della "Trilogia della vita" di Pasolini, impresa impegnativa per me ma ci provo, perlomeno a godermeli e... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Il porco, il suino e il maiale

    Ecco che il porco arriva in fattoria Sono nuovo cari compagni! Si avvicina il maiale, di corsa, arrabbiato! Cosa urli, vuoi dei pugni? Leggere il seguito

    Da  Mirco
    CULTURA, LIBRI
  • il caldo

    caldo

    Fa molto caldo a Parigi il 13 luglio del 1793: un caldo record che impedisce la pubblica esposizione delle spoglie mortali di Jean-Paul Marat, assassinato... Leggere il seguito

    Da  Luna Bianca Luna Nera
    CULTURA
  • Il risveglio.

    Che caldo! Davvero un gran caldo. La pioggerella fine poi che di tanto in tanto era scesa per tutto il giorno saliva subito in vapore ad aumentare un'umidità... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Il prestigiatore

    prestigiatore

    Come prestigiatore ho davanti a me un compito che so non sarà dei più semplici. Tra qualche ora mi recherò infatti in un hotel sul Lago Maggiore per intrattener... Leggere il seguito

    Da  Mentalista Darus
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Il Dono

    Dono

    di Iannozzi GiuseppeIo, la Strega e Freda Cinzia, che è un po’ strega; che è un po’ come una seconda mamma: che è Amica insostituibileLa mia bimba mi ha... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA