Magazine Cultura

L'Estate Fredda 2 (di Claudio Tacchi)

Creato il 09 novembre 2010 da Mcnab75
L'Estate Fredda 2 (di Claudio Tacchi)

Con un po' di giustificato ritardo sul previsto, L'estate fredda 2 è finalmente arrivata. L'attesissimo cortometraggio-zombie del talentuoso Claudio Tacchi è disponibile liberamente su YouTube. Con mio grande piacere lo condivido anche sul Blog sull'orlo del mondo: le affinità sono evidenti, palesi.

Del primo capitolo di questo singolare dittico ne ho parlato più volte, per esempio qui. L'estate fredda 2 è il riuscitissimo seguito, che si svolge nei medesimi giorni (e nei medesimi luoghi) del cortometraggio-pilota. Rispetto a esso abbiamo più attori, un make-up di primo livello, un montaggio che nulla ha da invidiare a ben più celebrate grandi produzioni. Tacchi mette insieme una classica storia d'assedio, mischiando a essa delle atmosfere da poliziottesco anni '70-'80, con alcuni richiami che danno uno spessore specifico al film.

Tutto funziona davvero bene, e il risultato è un gioiellino memorabile tanto quanto il suo predecessore. Non stiamo qui a sfiancarci di nuovo con la solita tiritera: “belli gli zombie!”, ma anche, “che palle gli zombie!”. Il punto è che siamo alle prese con un corto realizzato con tutti i crismi e senza compromessi o ammiccamenti. Alla faccia di chi crede che gli italiani non abbiano abbastanza dignità da potersi lanciare ancora una volta nei film di genere, obbligandoli invece a rimanere legati alla commedia e al macchiettismo di quart'ordine. Certo, ci vorrebbero anche produttori con le palle (e con un po' di sale in zucca), ma tanto abbiamo capito tutti che le cose migliori, in questo desolato paese nordafricano, devono necessariamente venire dal basso.

Che vengano, dunque.

 

A voi L'estate fredda 2.

 

Dopo una rapina in banca, quello che rimane di una banda di rapinatori si rifugia in una casa isolata

per dividere il malloppo.

Manca solo Frank, il basista che è "inspiegabilmente" in ritardo.

Intanto alla radio parlano di uno strano virus...

 

Regia di Claudio Tacchi

durata 30 minuti circa.
 


(parte prima)
(parte seconda)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intervista a Claudio Vergnani

    Intervista Claudio Vergnani

    Con molto piacere vi propongo un'intervista nuova di zecca fatta con Claudio Vergnani, autore de Il 18° vampiro e Il 36° giusto.Ritengo Claudio una dell... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • L'estate fredda 2

    L'estate fredda

    De L'estate fredda ne ho parlato due volte in due anni. Un record assoluto per la categoria “cortometraggi” che tratto a intervalli più o meno regolari qui sul... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • E viva Claudio!

    viva Claudio!

    Bello vedere che un sasso lanciato nel web provoca un'onda e arriva al destinatario.Claudio è spiritoso ed intelligente e ha risposto alla sua maniera.La second... Leggere il seguito

    Da  Giodoc
    CINEMA, CULTURA
  • Claudio Damiani

    Claudio Damiani

    , Poesie, Marco Lodoli cur., Fazi Editore Il fico sulla fortezza ha vita molto precaria perché quando faranno i restauri sarà certamente tagliato. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA, POESIE
  • Claudio Bellato

    Claudio Bellato

    Claudio Bellato è un mio concittadino, ma soprattutto è un chitarrista eccezionale.La sua versatilità musicale è notevole ed è possibile trovarlo in spazi... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • ♥ estaTE

    Credo che se abitassi negli stati uniti d’america, il quattro luglio sarebbe il mio giorno preferito. Magari se il mio compleanno cadesse di domenica e non... Leggere il seguito

    Da  Efeizee
    CULTURA, INDIE, MUSICA
  • Claudio villa - le canzoni al vento di claudio villa (1963)

    Claudio villa canzoni vento claudio (1963)

    Lato a)Granada (lara) orch. Armando Fragna Chitarra romana (di lazzaro) complesso a plettro, M.o O. SarraLa novia (prieto-mogol-dallara) orch. M.o MontiFirenze... Leggere il seguito

    Da  Memories
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazine