Magazine Altro Libri

L’UOMO CHE SCOPRì LA LISTA DI SCHINDLER

Creato il 03 maggio 2010 da Madyur

Forse il mondo non avrebbe saputo di Schindler , il nazista che salvò 1100 ebrei dallo sterminio , se anni dopo un australiano di passaggio a Los Angeles non fosse entrato a comprare una ventiquattrore in un negozio di Beverly Hills.

Thomas-Keneally-002

Era il 1980 quando Thomas Keneally , scrittore di Sidney, sostò davanti alla vetrina di “Poldek” , commerciante ebreo immigrato da Cracovia, Polonia. Poldek gli rifilò una storia straordinaria “ La racconto a ogni scrittore che incontro a qualcuno ha già scritto un articolo, ma merita molto di più. Mia moglie e io siamo stati salvati da un nazista. Uno che beveva forte , un contrabbandiere, un donnaiolo. Ma ha tirato la mia Misia e me fuori dai lager e per me è un Dio”.

Keneally ripartì per Sidney con pile di documenti raccolti da Poldek su quell’incredibile vicenda. Certo, come australiano, sapeva poco di nazismo e , come cattolico cresciuto in seminario , era poco addentro all’ebraismo. Ma quelle carte erano folgoranti e Poldek un torrente in piena nella sua seduttiva insistenza. Keneally, scrisse la Lista di Schindler, con cui vinse il più prestigioso premio inglese. E nel 1993 Spielberg ne ricavò un film che conquistò sette Oscar.

Ora Keneally scrive Cercando Schindler , in cui svela come è arrivato a scoprire , grazie a Poldek, tutto ciò che è raccontato nel libro e nel film. Il libro ripercorre il lungo peregrinare in Germania, Polonia, Austria, Israele sulle tracce del nazista dal volto umano ; i colloqui con gli ebrei salvati da Schindler; la visita ai luoghi della loro vita e della loro prigionia…

Il libro svela anche molte novità per chi ha visto solo il film. “Quello che mi ha subito di Oskar Schindler è stata la sua ambiguità morale: fu uno scaltro opportunista , ma capace di pietà” spiega Keneally “Spilla nazista al bavero , attrazione fatale per donne e alcool . anche come uomo d’affari era poco raccomandabile : accumulò una fortuna trafficando al mercato nero.

Ma a differenza di altri uomini d’affari , che decimavano gli ebrei ai lavori forzati ( a Monowitz ne morirono 25 mila si percosse e di stenti ndb) Schindler comprò sì i suoi operai alle Ss , ma li tenne a vita con cibo e medicine , per poi salvarli dallo sterminio finale”.

Nato in Cecoslovacchia di etnia tedesca , nel 39 Schindler raggiunge Cracovia invasa dai nazisti smaltati in fallimento, dove impiega manodopera ebrea sottocosto. Sfruttandola ma anche affrancandola dal vicino lager di Plaszow , comandato da Goeth , un sadico per chi ha visto il film se lo ricorderà. Nel ‘44 quando lager e fabbrica chiudono a causa dell’avanzata russa , Schindler apre un campo di lavoro vicino alla sua città natale , stilando l’elenco degli ebrei che lo avrebbero seguito : la lista di Schindler.

Oskar Schindler, rispetto al film di Spielberg, era molto più sfaccettato “Agente dell’Intelligence militare tedesca contribuì a costruire il falso attacco che diede ad Hitler il pretesto per invadere la Polonia. Ma passò anche informazioni segrete sui lager all’Organizzazione per il soccorso e il salvataggio degli ebrei , che gli diede a sua volta il denaro per riscattare i prigionieri delle Ss” secondo rivelazioni dell’amante di Goeth

Schindler dopo la guerra “..fuggì con una Mercedes imbottita di diamanti , frutto dei suoi traffici al mercato nero , che però gli fu confiscata dalla resistenza cecoslovacca. tentò nuovi affari in Argentina , ma dichiarò bancarotta. Finì a Francoforte , squattrinato e sostenuto dalle donazioni dei suoi ex prigionieri. Mentre Israele lo riconosceva tra i Giusti. Ora è sepolto a Gerusalemme”dice Keneally

schindlers-list

http://pensierimadyur.blogspot.com/2008/02/la-vita-di-schindler-dopo-la-guerra.html

Spielberg sorvola su alcuni personaggi chiave della storia “Moshe Bejski, che per Schindler falsificava documenti e che dopo la guerra diventò uno dei giudici di spicco della Corte suprema israeliana. O Mietek Pemper, segretario nei campi, che di nascosto copiò centinaia di carte perché servissero come denuncia nel dopoguerra. Oppure Emilie , moglie di Schindler , da lui ripetutamente tradita e infine abbandonata in Argentina. Donna forte, generosa , in prima linea nell’assistenza agli ebrei salvati dal marito”

Ma non la bambina con il cappotto rosso nella scena più toccante del film di Spielberg. La piccola Genia Dresner era accudita da un giovane medico che era di servizio il giorno della grande retata, quando furono deportati 7000 ebrei di Cracovia. lei attraversò da sola il ghetto , ma svanì nel nulla l’anno successivo. Probabilmente ad Auschwitz.

madyur

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :