Magazine Cultura

La ballata di Iza - Magda Szabò

Creato il 30 luglio 2012 da La Stamberga Dei Lettori
La ballata di Iza - Magda SzabòI Contenuti
Quando muore il marito Vince, un giudice che durante gli anni del fascismo ungherese aveva subito gravi torti, la vecchia signora Szocs si ritrova completamente sola nella modesta casa di famiglia nella campagna ungherese. È allora che la figlia Iza, una dottoressa di successo che vive sola nel rigore di Budapest, decide di portare la madre a vivere con sé. Ma nella nuova casa, perfetta e confortevole come vuole la posizione di Iza, la signora Szocs non si trova affatto a suo agio: tutto è troppo freddo e senza vita, proprio come Iza. E così, a poco a poco, la fragile donna si chiude in un mutismo impenetrabile, affievolendosi inesorabilmente fino al giorno in cui non decide di ritornare al suo villaggio per compiere un gesto inatteso e liberatorio.
La Recensione

Purtroppo i ricordi non si possono trasmettere in eredità a nessuno.

L’anziano Vince, giudice in pensione, è morto di cancro dopo una lunga e penosa malattia. Lascia un’inconsolabile moglie, Etelka, e un’affezionata figlia cresciuta ed educata a costo di enormi sacrifici, Iza.
Risoluta a non permettere alla madre di continuare ad abitare da sola in una casa malandata e piena di ricordi, Iza, rifiutando l’offerta dell’ex marito Antal di trasferirsi a vivere con la vecchia donna, la porta con sé a Budapest, confezionandole un’esistenza dorata nel tentativo di eliminare il più possibile i suoi ricordi del passato e di risparmiarle ogni affanno e dolore.

Angosciante, claustrofobico, opprimente al punto da risultare quasi insopportabile. Le ore di lettura si susseguono lente al ritmo della continua incomunicabilità tra i personaggi, prime tra tutte le due colossali protagoniste del romanzo: Etelka, la vecchia, ancorata a un mondo rurale primonovecentesco ormai anacronistico, e Iza, la ragazza, immersa integralmente nella modernità degli anni Sessanta.
Tra le due donne, ognuna ansiosa di dimostrare tutto l’amore possibile verso l’altra, si erge una barriera di incomprensione insormontabile: Etelka è incapace di vivere nel mondo moderno e di adattarsi allo stile di vita condotto dalla figlia nella capitale, sradicata dalla casetta in provincia che per decenni ha condiviso con il defunto Vince; la fredda Iza soffre di manie di controllo, smania nel disciplinare ogni momento della propria vita e di tutti coloro che la circondano, ed è del tutto incapace di provare empatia persino nei confronti della madre, che opprime e angustia ogni qualvolta cerchi un modo di soddisfarla. La vicenda di Etelka e Iza è un balletto che coinvolge due figure che tentano di avvicinarsi senza riuscire mai a convergere, anzi, ottenendo a ogni passo solo di allontanarsi ulteriormente. Le loro vite si intersecano con quelle di personaggi minori non meno minuziosamente sfaccettati: Vince, padre di Iza, la cui morte apre il romanzo e che il lettore impara a conoscere attraverso i ricordi dei suoi congiunti; Antal, cui è mancata una famiglia e un’infanzia, e che per questo è tuttora legato a Etelka da un profondo affetto filiale; Lidia, infermiera di Vince e nuova fidanzata di Antal, passionale e spontanea – la nemesi di Iza; Domokos, scrittore che ama leggere la vita come materiale da letteraturizzare. Iza si erge al centro della ragnatela intessuta dalle loro relazioni reciproche, irraggiungibile, e allontana tutti loro con la propria intransigenza.
Il passaggio dal passato alla modernità nell’Ungheria novecentesca; il rapporto tra genitori e figli; l’incapacità di mitigare un’indole rigida a costo di opzionare una solitudine senza scampo; la miseria; la mestizia della vecchiaia; l’incancellabile persistere del fantasma dei defunti; questi i temi di un romanzo scritto in modo impeccabile che tuttavia non mi sento di consigliare a chiunque per la sua insostenibile gravezza che perdura dal tragico inizio al tragico finale.

Giudizio:+3stelle+
Articolo di Sakura87
Dettagli del libro
  • Titolo: La ballata di Iza
  • Titolo originale: Pilàtus
  • Autore: Magda Szabò
  • Traduttore: Ventavoli B.
  • Editore: Einaudi
  • Data di Pubblicazione: 2008
  • Collana: Super ET
  • ISBN-13: 9788806193225
  • Pagine: 304
  • Formato - Prezzo: Brossura - 12,00 Euro
La ballata di Iza - Magda Szabò

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La pace

    pace

    La pace ritorna solo festeggiandolanon c'e' posto per l'odio e la tristezza c'e' l'amore nel mondo che ci aspettatutto il mondo cammina nell'inferno per donare... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La tristezza

    tristezza

    La tristezza e' un cane abbandonatola gente non dona niente a quel cane la gente piangelacrime cadono dalla faccia di un bambino di un'adulto e delle donne com... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La preghiera

    preghiera

    Scarica Titolo: La preghiera Autore: Beatrice da Vela Formato: pdf Categoria: Racconti Licenza: La Preghiera by Beatrice da Vela is licensed under a Creative... Leggere il seguito

    Da  Camphora
    CULTURA, LIBRI
  • La cinciotta

    cinciotta

    è arrivata l'altro giorno. Tutta paffuta di freddo, se ne stava appollaiata impassibile sulla ringhiera del balcone, e non si è mossa neppure quando ho... Leggere il seguito

    Da  Silviapare
    CULTURA, FOTOGRAFIA, LIBRI
  • I Giganti del Teatro: Magda Mercatali e Vincenzo Pirrotta

    Giganti Teatro: Magda Mercatali Vincenzo Pirrotta

    Postato il aprile 30, 2012 | TEATRO | Autore: Laura Cavallaro«Il vostro potere è l’ignoranza», questa è l’ultima battuta che Ilse pronuncia prima di venire... Leggere il seguito

    Da  Dietrolequinte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • La Stirpe

    Stirpe

    Meljean Brook Per definizione La stirpe è uno steampunk ed è un genere che ho letto molto poco, due romanzi soltanto. Non so se sono stata fortunata nella... Leggere il seguito

    Da  Labellaeilcavaliere
    LIBRI
  • La strada

    strada

    Giacomo Balla, Ritratto di Benedetta MarinettiC’è una strada che passa attraverso la donna e che porta ad un lontanissimo cancello, in fondo, laggiù, da cui si... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines