Magazine Informazione regionale

La Basilicata pervasa dai sapori un anno intero

Creato il 01 febbraio 2014 da Makinsud

I taralli al naspro rappresentano un dolce carnevalesco tipico delle regioni del Sud Italia, ma a sventolare più in alto la bandiera è certamente la Basilicata. Si tratta di taralli tradizionali resi speciali dalla sua glassa, golosità simbolo del carnevale La tradizione racconta che anticamente venivano addirittura offerti su vassoi adornati da vari pizzi e merletti ed accompagnati dal Rosolio, liquore tipico del Sud. Questi taralli sembrano delle vere e proprie ciambelline e l’aspetto e il gusto sono davvero straordinari che anche Homar Simpson le preferirebbe alle sue solite donuts .

taralli al naspro1

Difficoltà: media

Cottura: 10 minuti

Preparazione: 40 minuti

Dosi: 30 pezzi circa

Costi: bassi

INGREDIENTI PER I TARALLI:

  • 250 g di farina 00
  • 50 g di zucchero
  • 3 uova intere
  • buccia grattugiata di 1 limone non trattato
  • 20 g di alcool o di anice
  • 1 pizzico di sale
  • 1 tazzina di olio di oliva

INGREDIENTI PER IL NASPRO:

  • 220 g di zucchero
  • 80 g di acqua
  • succo di 1/2 limone

PREPARAZIONE:

In una terrina cominciamo ad impastare la farina setacciata con le uova e lo zucchero e poco alla volta inseriamo gli altri ingredienti nel seguente ordine

:o
lio,alcool o anice, buccia grattugiata di limone e un pizzico di sale. Lavoriamo per almeno 10 minuti finché l’impasto non risulti morbido ed elastico.
Una volta pronto cominciamo a dare alla pasta la classica forma di tarallo. Per prima cosa dividiamo l’impasto in tante piccole parti che poi andremo a lavorare singolarmente con il palmo della mano finché la sua forma non sarà quella di un bastoncino. Dopodiché non ci resta che unire a cerchio le due estremità, schiacciando leggermente sulla chiusura in modo da evitare che si aprano durante la cottura. Una volta pronti tutti i taralli bisogna semplicemente cuocerli in forno per circa 10 minuti a 180°, possibilmente poggiandoli su carta da forno.

taralli al naspro2

Terminata la cottura e intiepiditi possiamo iniziare a preparare la glassatura. Prendiamo un tegame abbastanza capiente e a fiamma bassa facciamo sciogliere lo zucchero con l’acqua finché il composto non risulti caramelloso. A questo punto possiamo spegnere la fiamma e incorporare prima il succo di limone al composto ottenuto e poi poco alla volta inserire nel tegame i taralli affinché vengano ricoperti completamente di naspro.

taralli al naspro 3

Terminata anche quest’ultima operazione, adagiamo i taralli su un vassoio e una volta raffreddati la sua glassa ne risulterà solida e consistente.
Come si è visto la ricetta è molto semplice da realizzare, basta seguire piccole accortezze e il gioco è fatto.

Buona Dessert!

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :