Magazine Scienze

La BBC impone rigore alle sue trasmissioni scientifiche

Creato il 18 luglio 2014 da Andrea Scatolini @SCINTILENA

Probabilmente l’andazzo di servizi finti e trasmissioni scientifiche che di scientifico non hanno proprio niente dilaga in tutto il mondo, partito probabilmente come fenomeno di bassa cultura sui canali pay per View (in Italia Sky) su canali pseudoscientifici con programmini di un’ora, si é diffuso anche sui network piú conosciuti con conseguenze disastrose: complottismo, allarmismi, conoscenze distorte, errori e orrori che vengono propinati come veritá perché se ne parla in TV.

la BBC che é un network serio ha deciso di dare uno stop a questa deriva culturale, decidendo di selezionare e scremare gli ospiti in trasmissione.
Non è vero che la scienza deve dare voce a tutte le diverse teorie allo stesso modo; la scienza deve essere imparziale e deve dare risalto alle teorie accreditate.
Nella BBC, soprattutto per quanto riguarda i cambiamenti climatici indotti dalle attivitá umane, si era posto un problema reale in quanto gli ospiti in studio avevano tutti lo stesso peso e lo stesso spazio, cosí che qualsiasi ciarlatano tuttologo poteva mettere in discussione le conoscenze e i dati scientifici reali.
Quindi la BBC ferma, o prova ad arginare, il fenomeno.
Ufologi, occultisti, e gente varia é stata messa alla porta.

Adesso rischio di far arrabbiare molte persone italiane, ricercatori seri, speleologi che hanno partecipato a trasmissioni in Italia mettendoci la faccia, e con serietá hanno dimostrato il rigore delle proprie ricerche:
Ma vogliamo parlare di Mistero e di Voyager?

Ripeto, con tutto il rispetto per tutti gli speleologi che sono riusciti a comparire in queste trasmissioni, cercando di non farsi trascinare dalla bassa cultura che aleggia intorno ai conduttori.
W la BBC!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog