Magazine Cultura

La berlusconite

Creato il 29 novembre 2010 da Casarrubea

Definizione

La berlusconite
La berlusconite è una malattia del comportamento umano a diffusione endemica. Non riguarda, cioè,   intere aree del nostro pianeta e non ha i caratteri di una pandemia. E’ tipicamente italiana e, come tutte le malattie, ha una sua eziologia, una sua evoluzione nel tempo, una sua conclusione. Essa consiste in una sorta di deficienza immunitaria e quindi in una predisposizione ad assumere comportamenti al di fuori degli stili di vita consueti delle persone normali. La loro induzione è graduale e dipende da diverse concause. Un tempo si sarebbe chiamata frenesia o monomania religiosa, tipica di coloro che si identificavano con qualche santo dai poteri taumaturgici. Essa oggi si associa alle parassitosi sociali e si manifesta mediante scelte che sottraggono ingenti risorse collettive a tutto vantaggio di singoli o ristretti gruppi di persone.

Eziologia

La causa principale è di natura soggettiva e risiede nella storia personale del soggetto o delle comunità che ne  sono afflitte. Ma vi sono anche cause storiche dovute all’insieme dei fattori che nel tempo hanno influito sull’insorgenza di questa malattia italiana mai estinta: dagli anni Venti del secolo scorso ai nostri giorni.

Sintomi

Perdita di memoria; tendenza ad assumere atteggiamenti acritici, irascibilità e insofferenza, bisogno  di circondarsi di gruppi sempre più ampi capaci di ubbidienza e di asservimento; spregiudicatezza nell’agire; drastica riduzione del senso etico della vita unito all’impoverimento della sfera dei valori. Decadimento del senso dello Stato e di tutti i valori istituzionali, o la loro totale distorsione; bisogno di atteggiarsi a santi protettori.

Quadro clinico

L’ammalato smarrisce il senso della realtà e della sua identità e si reputa al centro dell’Universo. E’ perennemente colto da manìe di persecuzione e vede in modo allucinato nemici ovunque. Agisce più per istinto che per raziocinio e ritiene di poter fare tutto, senza vincoli di sorta. Ha manifestazioni di grandezza e delirio di onnipotenza che possono apparire, ad un occhio profano, come punti di forza. Egli, perciò, riesce ad esercitare notevoli influenze sulle persone dal carattere debole e facilmente condizionabili, specie se affetti da complessi di inferiorità, stati di bisogno, o tendenze al possesso di oggetti e persone. Una sottospecie di berlusconite è la dalemite che ha come tendenza quella di mettere assieme capre e cavoli per improponibili soluzioni atte a sconfiggere la malattia.

Terapie di breve periodo

L’ammalato è difficilmente guaribile. Tuttavia alcuni interventi possono servire a lenire questo male. Le cure possono essere rivolte alle interazioni tra il soggetto, per lo più  inconsapevole del suo status, e l’ambiente umano che lo circonda. Trattandosi di un disturbo della personalità di origine sociale, la terapia deve inizialmente rivolgersi alle modalità di approccio collettivo verso il soggetto. Tanto più consapevole è l’atteggiamento sociale, tanto meno è possibile essere condizionati dalla malattia.

Terapie di medio periodo

I migliori risultati terapeutici si ottengono  nelle interazioni in grado di disaggregare le forme del consenso e di produrre, anche nel soggetto ammalato, forme di messa in discussione della sua identità. Giovano anche alcune terapie di gruppo in appositi centri specializzati.

Terapie di lungo periodo

Sono in fase di sperimentazione alcuni vaccini che, a quanto pare dai primi risultati, saranno in grado di bloccare le interazioni e di isolare i casi patologici.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La quiete di Budapest

    quiete Budapest

    Budapest non è caotica. Ha vie di grande traffico, abituata, come è stata, già dalle sue origini, al commercio, agli scambi, a trovare i suoi approdi lontani. M... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA, VIAGGI
  • La Valtellina del berlusconismo

    Valtellina berlusconismo

    Quando nell’aprile 1945 i fascisti decisero, con i loro più fidati gerarchi e ministri di Salò, di tentare l’ultima battaglia contro i partigiani e le forze... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Con la testa nel cielo

    testa cielo

    Si svolgerà domani (20 febbraio, dalle 10 alle 19,30), nella sala delle conferenze della Cantina Borbonica di Partinico (Pa), un convegno di studi sul tema:... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Allons enfants de la Patrie…

    Allons enfants Patrie…

    Nicola Cosentino (a destra) Una volta la sensibilità delle coscienze dei rappresentanti del popolo bastava a sollevare questioni che avevano a che fare con l’us... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Orwell, la Nato e la guerra contro la Libia

    Orwell, Nato guerra contro Libia

    Leggere il seguito

    Da  Domenicolosurdo
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • La sfida Brunetta/Rossellini

    sfida Brunetta/Rossellini

    Circa un anno fa, il ministro della Pubblica amministrazione e dell’innovazione, Renato Brunetta, ebbe a liquidare Roberto Rossellini, come esempio del tutto... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • La neotrasformazione passiva: il berlusconismo

    neotrasformazione passiva: berlusconismo

    Credere, consumare, comunicareIn un lontano convegno di Cagliari del 1967 sul tema Gramsci e la cultura contemporanea, il sociologo Alessandro Pizzorno ricordav... Leggere il seguito

    Da  Bruno Corino
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA