Magazine Cucina

La caponata di melanzane,

Da Patiba @patiba1

come le Sarde a beccafico, possono essere servite come ricco antipasto nei pranzi cerimoniali. Questo classico piatto, secondo gli intenditori, può esssere pienamente apprezzato solo il giorno successivo alla preparazione.

La ricetta in Dialetto siciliano, da Cucina che vai natura che trovi, "Il Vespro" 1978
caponata.JPG

È una ricetta antichissima che si prepara nell'intera Sicilia, sia pure con alcune vaianti. Vi diamo la versione classica: tagliate a dadi quattro belle melanzane nere con tutta la scorza, mettetele in un colapasta, salatele abbondantemente, pressatele con un coperchio ed un peso e lasciatele così per per qualche ora in modo che perdano il loro liquido amaro. Affettate finemente due cipolle e soffriggetele nell'olio. Quando saranno trasparenti, unite due pomodori pelati senza semi, tutt'e due tagliati fini. Dopo qualche minuto, alla salsa aggiungete 200 gr. di olive verdi in salamoia e tagliate a pezzi, 150 gr. di capperi freschi e dissalati, 2 cuori di sedano ben lavati e anch'essi tagliati a pezzi. Salate e fate cuocere il tutto a fuoco basso. Sciacquate le melanzane, asciugatele e friggetele. Unitele al sugo e fatele cuocere ancora per qualche minuto. Poi per finire con un cucchiaio e mezzo di zucchero ed un bicchierino d'aceto di vino, mescolate e lasciate raffreddare.

Amiata2009Mauro037.jpg


Ingredienti

per 4 persone

650 gr. di melanzane, 40 gr. di olive versi private del nocciolo, 1 cucchiaio di piccoli capeeri sott'aceto, 1 abbondante cucchiaio di pinoli, 200 gr. di pomodori perini maturi pelati e privati dei semi, 1 cucchiaio colmo di uva sultanina fatta rinvenire in acqua tiepida, 1 cucchiaio di zucchero, ¼ di bicchiere di aceto rosso (se l'aceto è forte, riducete il quantitativo a 2 o 3 cucchiai), 1 cipolla, 4 coste bianche e tenere di sedano, olio quanto basta per friggere, sale e pepe.

Preparazione

  • Lavate e asciugate le melanzane, poi tagliatele a piccodli dadi. Sistematele sopra un setaccio e cospargetele con il sale. Lasciatele riposare per un'ora abbondante, in modo che abbiano tutto il tempo di emettere la loro acqua amarognola. Risciacquate le melanzane con acqua corrente, asciugatele con cura e fatele friggere nell'olio bollente in una padella di ferro. Appena saranno pronte, estraetele con la paletta forata e deponetele sopra un foglio di carta da cucina assorbente, affinchè perdano l'eccesso di unto.

  • Ritagliate ora a piccoli pezzetti di circa tre centimetri le coste di sedano e fatele friggere nel medesimo condimento bollente usato per le melanzane. Estraetele quando saranno diventare ben dorate e croccanti e unitele ai dadini di melanzane.

  • Togliete dalla padella quasi tutto l'olio usato e, nel poco rimasto, fate rosolare la cipolla affettata fine e i pomodori pelati, privati dei semi e tagliati a filetti. Dopo una decina di minuti aggiungetevi un cucchiaio colmo di zucchero, ¼ di bicchiere di buon aceto (se l'aceto è forte, riducete il quantitativo a 2 o 3 cucchiai), le olive, i capperi, i pinoli, l'uvetta strizzata e il composto di sedano e melanzane e condite il tutto con sale e pepe macinato al momento.

  • Lasciate cuocere dolcemente a fuoco basso per circa 15 minuti, mescolando spesso; quindi versate la preparazione su un piatto di servizio e lasciatela raffreddare completamente prima di portare in tavola.

In Sicilia la caponata ha molte varianti: in alcune zone viene arricchita con pezzetti di peperoni fritti o con abbondante basilico tritato.

Vino

Bianco di Partinico (Sicilia) servito a 10°C, Etna rosato (Sicilia) servito a 15°C, Chiaretto della Riviera del Garda (Lombardia) servito a 15°C.

 

come le Sarde a beccafico, possono essere servite come ricco antipasto nei pranzi cerimoniali. Questo classico piatto, secondo gli intenditori, può esssere pienamente apprezzato solo il giorno successivo alla preparazione.

La ricetta in Dialetto siciliano, da Cucina che vai natura che trovi, "Il Vespro" 1978
caponata.JPG

È una ricetta antichissima che si prepara nell'intera Sicilia, sia pure con alcune vaianti. Vi diamo la versione classica: tagliate a dadi quattro belle melanzane nere con tutta la scorza, mettetele in un colapasta, salatele abbondantemente, pressatele con un coperchio ed un peso e lasciatele così per per qualche ora in modo che perdano il loro liquido amaro. Affettate finemente due cipolle e soffriggetele nell'olio. Quando saranno trasparenti, unite due pomodori pelati senza semi, tutt'e due tagliati fini. Dopo qualche minuto, alla salsa aggiungete 200 gr. di olive verdi in salamoia e tagliate a pezzi, 150 gr. di capperi freschi e dissalati, 2 cuori di sedano ben lavati e anch'essi tagliati a pezzi. Salate e fate cuocere il tutto a fuoco basso. Sciacquate le melanzane, asciugatele e friggetele. Unitele al sugo e fatele cuocere ancora per qualche minuto. Poi per finire con un cucchiaio e mezzo di zucchero ed un bicchierino d'aceto di vino, mescolate e lasciate raffreddare.

Amiata2009Mauro037.jpg


Ingredienti

per 4 persone

650 gr. di melanzane, 40 gr. di olive versi private del nocciolo, 1 cucchiaio di piccoli capeeri sott'aceto, 1 abbondante cucchiaio di pinoli, 200 gr. di pomodori perini maturi pelati e privati dei semi, 1 cucchiaio colmo di uva sultanina fatta rinvenire in acqua tiepida, 1 cucchiaio di zucchero, ¼ di bicchiere di aceto rosso (se l'aceto è forte, riducete il quantitativo a 2 o 3 cucchiai), 1 cipolla, 4 coste bianche e tenere di sedano, olio quanto basta per friggere, sale e pepe.

Preparazione

  • Lavate e asciugate le melanzane, poi tagliatele a piccodli dadi. Sistematele sopra un setaccio e cospargetele con il sale. Lasciatele riposare per un'ora abbondante, in modo che abbiano tutto il tempo di emettere la loro acqua amarognola. Risciacquate le melanzane con acqua corrente, asciugatele con cura e fatele friggere nell'olio bollente in una padella di ferro. Appena saranno pronte, estraetele con la paletta forata e deponetele sopra un foglio di carta da cucina assorbente, affinchè perdano l'eccesso di unto.

  • Ritagliate ora a piccoli pezzetti di circa tre centimetri le coste di sedano e fatele friggere nel medesimo condimento bollente usato per le melanzane. Estraetele quando saranno diventare ben dorate e croccanti e unitele ai dadini di melanzane.

  • Togliete dalla padella quasi tutto l'olio usato e, nel poco rimasto, fate rosolare la cipolla affettata fine e i pomodori pelati, privati dei semi e tagliati a filetti. Dopo una decina di minuti aggiungetevi un cucchiaio colmo di zucchero, ¼ di bicchiere di buon aceto (se l'aceto è forte, riducete il quantitativo a 2 o 3 cucchiai), le olive, i capperi, i pinoli, l'uvetta strizzata e il composto di sedano e melanzane e condite il tutto con sale e pepe macinato al momento.

  • Lasciate cuocere dolcemente a fuoco basso per circa 15 minuti, mescolando spesso; quindi versate la preparazione su un piatto di servizio e lasciatela raffreddare completamente prima di portare in tavola.

In Sicilia la caponata ha molte varianti: in alcune zone viene arricchita con pezzetti di peperoni fritti o con abbondante basilico tritato.

Vino

Bianco di Partinico (Sicilia) servito a 10°C, Etna rosato (Sicilia) servito a 15°C, Chiaretto della Riviera del Garda (Lombardia) servito a 15°C.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La crostata di zucchine

    crostata zucchine

    Odiate zucchine. Tremende e viscide zucchine. Soprattutto quando mi venivano servite bollite insieme a carote e patate perchè avevo mal di pancia... Leggere il seguito

    Da  Saramartina21
    CUCINA, RICETTE
  • La Baklava

    Baklava

    Poco fa vi ho parlato dello strudel e di come certamente derivi dal Baklava; non poteva dunque mancare un’accenno a questo antichissimo piatto tipico dell’area... Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE
  • La Bouillabaisse

    Bouillabaisse

    è la più tipica e famosa zuppa di pesce marsigliese divenuta ben presto tipica di tutta la francia e ben presto estesasi a tutta l’area mediterranea. Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE
  • La torta magica

    torta magica

    Chi può resistere ad una torta con un nome così, non di certo la bimba che c'è in me!Appena l'ho vista su Coquinaria postata da Franci 54 ho voluto provare... Leggere il seguito

    Da  Bruna48
    CUCINA, RICETTE
  • La Pissaladière

    Pissaladière

    Questa specie di focaccia, tipica della zona di Nizza, è particolare e molto saporita.Su una base di pasta di pane vengono poste delle cipolle passate e delle... Leggere il seguito

    Da  Zibaldoneculinario
    CUCINA, RICETTE
  • La perfezione dell'uovo sodo

    perfezione dell'uovo sodo

    Lui, lei e l’altro.LuiKazumi Kurigami, giapponese, fotografo e regista.LeiFaye Dunaway, americana, attrice.L’altroL'uovo sodoLa cucina economica vi svela la... Leggere il seguito

    Da  Alessandratioli
    CUCINA, RICETTE
  • La tiella di Alessio

    tiella Alessio

    Della Tiella Barese, abbiamo ampiamente parlato, grazie ad un altro barese doc, Gianrico Carofiglio che ce la racconta in un suo grande romanzo: le perfezioni... Leggere il seguito

    Da  Anginapectoris
    CUCINA, RICETTE

Dossier Paperblog

Magazines