Magazine Media e Comunicazione

La comicità di Checco Zalone su Canale 5 con “Resto umile World Show”

Creato il 02 dicembre 2011 da Iltelevisionario

La comicità di Checco Zalone su Canale 5 con “Resto umile World Show”Canale 5 risponde allo strepitoso successo di Fiorello su Raiuno con lo spettacolo Resto umile World Show con Checco Zalone, in onda il 2 e il 9 dicembre in prima serata. Il programma televisivo nasce sull’onda del successo del recente tournée dal vivo, «anche se nel mio show di televisivo c’è molto poco» afferma il comico pugliese.

Zalone proporrà le imitazioni di Renzo Bossi il “trota”, Roberto Saviano, il governatore della regione Puglia Nichi Vendola e un’inedita parodia di Michele Misseri. «Con Bisio ci siamo inventati un programma di cucina, una speciale edizione di Cotto e mangiato, nella quale Misseri viene invitato a presentare una ricetta» ha svelato il comico in un’intervista al Corriere del Mezzogiorno. «Non c’è da meravigliarsi se un giorno lo vedremo davvero ospite di una trasmissione di cucina». In merito all’imitazione cult di Vendola, «In una scena rimane sconcertato dall’ignoranza di alcuni bambini che non hanno mai letto Rousseau, ma poi questi stessi bambini lo mettono in crisi con domande personali». Invece, sulla sfida con Fiorello, Zalone ha dichiarato: «Sì, in effetti se ne è parlato così tanto che l’altro giorno la conferenza stampa sembrava la sua. Sul piano degli ascolti è impossibile pensare di avvicinarsi. Per cui faccio un appello a tutti i pugliesi: guardateci almeno voi così facciamo un terzo dei suoi ascolti». Nello show di Zalone ci saranno altri omaggi pugliesi con Al Bano che «partecipa alla canzone di solidarietà Maremoto a Porto Cervo. E poi intervisto Kekko dei Modà vestito da Giuliano Sangiorgi dei Negramaro: se ne cantano di tutti i colori».

Zalone nello show sarà affiancato da un corpo di ballo, Seconda Chance, e dall’attrice e modella Youma Diakite. Inoltre il comico ospiterà anche Laura Pausini, Claudio Bisio, Daniele Silvestri, Rocco Papaleo, Al Jarreau e Giorgio Albertazzi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog