Magazine Cinema

La commedia di Dio

Creato il 20 settembre 2010 da Robydick
La commedia di Dio1995, João César Monteiro.
E' lo stesso regista, Leone d'argento con questo film (il più celebre di una trilogia), ad interpretare il raffinatissimo João de Deus, uomo di mezza età tendente alla seconda delle metà, artista del gelato e adoratore feticista, elegantemente perverso (strana affermazione ma garantisco che è corretta), del corpo femminile.
La specialità di Deus è Paraiso, un gusto che lo ha reso celebre e la sua gelateria è meta di cultori, donne in particolare, delle sue dolci prelibatezze. Le sue specialità hanno nomi d'invenzione, come i profumi e proprio come Profumi definisce i lori sapori, le loro essenze.
Maniacale al lavoro sull'igiene e sulla perfezione del gesto, anche nel preparare un cono, indottrina nei dettagli le cameriere a riguardo, non disdegnando di circuirle, accompagnarle in piscina e sodomizzarle quando occorre. A casa è solitario e riservato, ambienti ricercati, cuoco preciso. Movenze e posture sempre lente, personaggio serafico, approccia al divino col gusto, esprime nel gelato il suo rapporto col mistico, accompagna con musica classica ed operistica le sue "performance", è anche collezionista, di peli pubici femminili. Una serata in compagnia virginale gli procurerà immenso piacere ma gli sarà anche fatale.
Poco meno di tre ore di film incantevole che non dà pace all'emozione, carico di sensualità, eros, piacere del gusto, spesso comico e grottesco, alcune battute di Deus, sicuro di sé ed estremamente disinibito anzitutto nel linguaggio, sono irresistibili. C'è uno stile che non saprei definire, ma ha una magia: travolgente anche se sia il protagonista che la macchina da presa che il montaggio sono estremamente lenti, privi d'affanno, e non sono pochi nemmeno i lunghi piani sequenza a camera fissa. Forse è la curiosità che ispira, continuamente ti chiedi cosa accadrà successivamente, e Deus effettivamente mai ti deluderà. Forse anche la cadenza ed il suono della lingua portoghese contribuisce, anzi senza forse. Vedere un film come questo doppiato sarebbe un crimine contro l'arte!
Oggi ha 15 anni questo film incredibile ma garantisco personalmente sulla sua bellezza senza tempo anche in futuro. Lo riguarderò sicuramente.
L'accostamento tra piacere della vita e del palato mi ha ricordato uno splendido film, sempre in lingua portoghese, visto poco tempo fa: Estomago. Consiglio molto anche quest'ultimo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dio ti vede

    «La transizione dalla religione popolare alla religione organizzata è contrassegnata da un cambiamento nelle credenze – da quelle che hanno conseguenze concrete... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • DIO è morto.

    morto.

    Lo so che il titolo del post era scontato, e che gli appassionati di Heavy Metal e Rock già lo avrannno saputo, ma volevo comunicare che è morto Ronnie James... Leggere il seguito

    Da  Cbm
    CULTURA, MUSICA
  • Dio con la minuscola

    Legati come ci sentiamoal motore immobile ci vuole un saltoper dire «dio è vivo»(dio con la minuscolaè amore, non offesa).Legati come schiaviavevamo sempre dett... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Che Dio mi guardi

    guardi

    ,non voglio dirti: addio,poiché questo significherebbe che ogni cosa è ormai trascorsa.I passeri, la musica, e le semplici passeggiate serotine nei quartieri... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Dio è morto

    morto

    Pensavo che ‘Dio è morto’ è una bella canzone. Non solo perché cita Nietzsche, ma solo a livello di slogan. Non solo perché l’anafora di ‘Ho visto’ riecheggia... Leggere il seguito

    Da  Zarizin
    CULTURA, MUSICA
  • «Non abbastanza prove, Dio»

    «Non abbastanza prove, Dio»

    John Loftus è un ex-predicatore protestante divenuto ateo. Ha conseguito tre lauree in Filosofia della Religione e argomenti simili e ha una laurea in Teologia. Leggere il seguito

    Da  Andream
    ALTRO LIBRI, CULTURA, LIBRI, RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Il Dio dell'amore...

    dell'amore...

    Il Dio dell'amore ordina che chi viola il sabato sia lapidato a morte (Numeri 15:32-36):32 Mentre i figli d'Israele erano nel deserto, trovarono un uomo che... Leggere il seguito

    Da  Andream
    CULTURA, RELIGIONE, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines