Magazine Attualità

La dichiarazione di Abant

Creato il 01 luglio 2012 da Istanbulavrupa

La dichiarazione di AbantScrivo questo post con una settimana di ritardo: me ne scuso, ma non credo sia troppo tardi per parlarne. Come annunciato sul blog, ho partecipato nei giorni scorsi al 27° meeting di Abant: il periodico incontro per parlare in libertà dei temi decisivi per il futuro della Turchia, che per la prima volta quest’anno ha visto la partecipazione soprattutto di studiosi, intellettuali, diplomatici e giornalisti stranieri che vivono in Turchia (i giornalisti erano però pochissimi e io ovviamente l’unico italiano: ma c’erano due compatrioti che insegnano in università turche); in effetti, il titolo annunciato di “ospiti della Turchia che parlano di Turchia” non mi aveva per niente convinto, io non mi sento un ospite ma già un italo-istanbuliota: ed è infatti diventato qualche giorno prima – dopo una più accurata riflessione e magari qualche protesta, visto che tra i partecipanti “stranieri” c’erano cittadini turchi – “Different Perspectivs on Turkey” (sul processo di democratizzazione, sull’economia, sulla politica estera, sulla stampa, sui rapporti con l’Ue). I meeting di Abant vengono organizzati dalla Gazeteciler ve Yazarlar Vakfı (Fondazione dei giornalisti e scrittori, che fa capo al movimento d’ispirazione islamica di Fethullah Gülen), in un posto incantevole immerso nel verde e sulle sponde di un lago – quello di Abant per l’appunto, a 3 ore o poco più di bus a nord di Istanbul, dopo Izmit/Nicodemia – che a me ha ricordato la Svizzera, soprattutto quando tre mucche scampanellanti sono passate sotto la finestra della mia camera. Sinceramente, non ho molto apprezzato il format della sessione plenaria permanente: avrei preferito piccoli gruppi di discussione; ma l’occasione è stata estremamente utile per discutere in modo davvero aperto e senza tabù con persone particolarmente interessanti (di kemal-leghisti come dicevo neanche l’ombra, anche se una collega americana – animata da fastidiosissima spocchia – non ha potuto evitare i soliti mantra della propaganda anti-Akp), anche al di fuori degli orari di formale riunione – con alcuni spero di rimanere in contatto e di poter approfondire nel corso del tempo discussioni e scambi d’idee preliminari. Un’altra critica che mi sento di fare agli organizzatori è quella di aver riservato troppo poco tempo – e solo in extremis – alla discussione della dichiarazione finale: questo è il testo in inglese al quale ho contribuito con un paio di ben assestati ‘emendamenti Mancini’ (abrogativi, più che altro), sono pronto a rispondere a ogni vostra osservazione o curiosità.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Bocconcina

    “La notoriamente non vera affermazione di Scilipoti secondo la quale non mi avrebbe offerto alcuna candidatura è smentita da una serie di sue dichiarazioni... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La riconoscenza

    riconoscenza

    Il nostro è un paese straordinario! La generosità delle persone la si ritrova nei momenti più difficili, quando ce n’è più bisogno E purtroppo le occasioni non... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • La chimica e la democrazia.

    Nell'edizione online del Guardian di lunedì', 9 aprile, trovo questa informazione, ulteriormente sviluppata nell'articolo in questione. Future riots could be... Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • La valigia

    I composti del verbo fare hanno forme di coniugazione talvolta poco corrette ma ormai d’uso comune. Disfare, per esempio. Disfo la valigia o la disfaccio? Sarà... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • La soluzione

    Produci…consuma…crepa… Poi ci sono le vie di mezzo. Vediamo di giungere alla soluzione. Produci, consuma, crepa…che lo si neghi o no, questo è il paradigma dell... Leggere il seguito

    Da  Davideciaccia
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La Spagna come la Grecia?

    Spagna come Grecia?

    Come avrete potuto leggere ovunque l'Eurogruppo (forse...) ha approvato un bailout della Spagna fino ad un massimo di 100 miliardi Spagna, Eurogruppo: Prestiti... Leggere il seguito

    Da  Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • la fortezza

    C’è quasi buio e fa caldo ma solo da una parte e io lo so il perché, stiamo salendo e alla nostra destra c’è il muro che ha assorbito i raggi del sole fino a... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ