Magazine Salute e Benessere

La dolce droga

Creato il 18 febbraio 2014 da Spacquola

zuccheroÉ una polvere bianca e cristallina. Originaria dei paesi dell’est e spacciata ad un costo pari a 24000 dollari al kilo. I primi a farne uso si sono ritrovati presto dipendenti. All’inizio si è presentata come un lusso per i ricchi, ma il suo uso si è rapidamente esteso a tutta la popolazione, grazie alla grande produzione che ne ha reso i costi accessibili a tutti. La salute generale della popolazione si è deteriorata velocemente, non solo fisica, ma anche mentale ed emozionale. Le persone diventarono facilmente irritabili, irascibili, obese, malate e sul principio della schizofrenia. Questa polvere bianca non è cocaina o eroina, si chiama zucchero.
Ogni anno un tipico americano mangia il suo peso in zucchero, tipicamente 50 cucchiaini al giorno, la maggior parte di questo zucchero è nascosto nei cibi processati. In Italia la situazione è un po’ “migliore”, considerando un consumo di circa 26 kg pro capite all’anno. Lo zucchero causa probabilmente piú problemi di salute che qualsiasi altro cibo mangiato singolarmente.
È normale aver voglia di qualcosa di dolce, i creatori della pubblicitá Ferrero ne sanno qualcosa. Vi ricorderete sicuramente la frase famosa della signora benestante con il cappello dorato: “Ambrogio, avverto un leggero languorino”. Specialmente dopo mangiato sentiamo una voglia di dolce, che sia un frutto o un pezzetto di cioccolato. Questa voglia che caratterizza l’uomo proviene dalla sua predisposizione per la frutta, specialmente quella dolce. Dovremmo sí soddisfare questa voglia, ma non con ferrero rocher, cioccolata, torte e gelati, bensí con della frutta dolce (anche se non dopo mangiato perché fermenterebbe nello stomaco, la frutta va sempre mangiata a stomaco vuoto).

Da dove proviene lo zucchero

bietolazucchero
Lo zucchero “raffinato” proviene dalla canna da zucchero o dalle bietole da zucchero. Entrambe, nel loro stato naturale sono una leccornia! Che significa “raffinato”? Il succo di questi prodotti della natura é bollito ad alte temperature e lavorato meccanicamente e chimicamente, processi durante i quali tutte le vitamine, i minerali, gli enzimi, i grassi, le proteine e praticamente qualsiasi nutriente contenuto viene rimosso finché solo il saccarosio, lo zucchero appunto, rimane.

Tutti lo sanno: lo zucchero fa male. Quando si mangiano carboidrati raffinati come lo zucchero, il corpo deve ritirare preziosi minerali come il calcio, il magnesio e il potassio (minerali alcalini) per poter metabolizzare questo prodotto incompleto. A volte cosí tanto calcio deve essere rubato dalle proprie risorse per neutralizzare lo zucchero, che le ossa e i denti ne perdono tantissimo. Il risultato è osteoporosi delle ossa e indebolimento dei denti, ed è piú facile sviluppare delle carie. Lo zucchero fornisce solo calorie vuote sottoforma di saccarosio e ruba invece preziosi minerali ed elementi dal nostro corpo. Lo zucchero è un impostore e un ladro.
Studi dimostrano come lo zucchero affetti il metabolismo e giochi sfavorevolmente sui livelli di zucchero nel sangue. C’è persino una connessione tra il consumo di zucchero raffinato e il comportamento criminale tra i giovani. Lo zucchero induce alla depressione come ben descritto nel libro di William Dufty “Sugar Blues” –Il mal di zucchero.
I quattro problemi piú comuni creati dallo zucchero sono: carie dentali, obesitá, diabete e ipoglicemia e problemi cardiovascolari (del cuore). Lo zucchero non serve a niente, è distruttivo, crea dipendenza fisica e mentale ed è responsabile, o co-responsabile, di molte malattie; è una droga a tutti gli effetti. Quindi perché è cosí diffuso? Com’è possibile che si trova in praticamente tutti i prodotti confezionati, processati e bevande? Come fa una droga cosí deteriorante ad arrivare ai nostri bambini? Lo zucchero è un additivo economico, aumenta il volume dei prodotti in vendita, a risparmio del produttore. Durante gli anni ’60 la quantitá di zucchero utilizzata in prodotti preconfezionati è raddoppiata. Milioni di dollari sono spesi ogni anno in pubblicitá in difesa e promozione di questo dolcificante. Lo zucchero e i suoi cugini sono pubblicizzati come “ricarica veloce”, “fonte di energia” e “calorie di cui abbiamo bisogno”. Ovviamente i produttori di cereali, di fast-food, di bevande e di cibi preconfezionati ci devono pur guadagnarci.

La maggior parte delle persone si domanda “Chi io? Non aggiungo mai zucchero alle mie bevande o al cibo”. La maggior parte dello zucchero che consumiamo è nascosto. Per esempio un pezzetto di torta puó contenere dai 10 ai 14 cucchiaini, una bevanda gasata e zuccherata (soft drink)ne contiene 10, una tazza di gelato contiene in media 12 cucchiaini di zucchero e ogni biscotto mangiato un altro cucchiaino. ¾ dello zucchero che si consuma non si vede neanche! E non vi preoccupate per sostitutivi “piú salutari”…non ce ne sono! Ad esempio, molte persone che si preoccupano della loro salute utilizzano lo zucchero di canna o lo zucchero crudo. Questi sostitutivi dello zucchero bianco hanno appena qualche residuo di vitamine e minerali, quasi nessuno in veritá. È come discutere se ci si ubriaca prima con del whiskey o dello scotch. Anche il fruttosio, considerato piú salutare perché proviene dalla frutta è una semplice illusione. Il fruttosio, se consumato con il frutto intero è un ottimo carburante, quando invece è separato dal frutto e reso polvere bianca, è un prodotto tossico e distruttivo. Non promuove di certo la salute. Lo stesso vale per tutti gli altri parenti come il destrosio, la molassa, lo sciroppo d’acero e il miele. E sí, anche se il miele è un po’ meglio degli altri dolcificanti raffinati e puó essere estratto attraverso pochi procedimenti e senza riscaldamento, contribuisce a osteoporosi, obesitá, carie e altre malattie. Il miele è prodotto dalle api per il proprio consumo, è il nettare delle piante processato dall’ape, la quale aggiunge acido formico (velenoso per l’uomo) e viene rigurgitato. Il contenuto minerale del quale il miele è pregiato è anche una mistificazione. Dovremmo mangiare 200 cucchiai di miele al giorno per raggiungere il fabbisogno giornaliero di calcio, 91 cucchiai per il fabbisogno di potassio e 267 cucchiai per soddisfare il bisogno di fosforo. Sul miele discuteró in un altro articolo, mi basta indicare che anche se il fattore etico puó essere discusso (sia giusto o no rubare il miele alle api e rimpiazzarlo con dell’acqua zuccherata), il miele usato tutti i giorni è disruttivo e non fa bene.

L’uso dello zucchero ha un doppio problema: la mala combinazione con gli altri alimenti. Se il cibo è naturalmente dolce, non abbiamo bisogno di piú zucchero, e qualsiasi cosa che zuccheriamo è intrinsecamente incompatibile con il dolce. Tutti gli zuccheri mescolati con grassi, proteine e carboidrati complessi sono una combinazione abominevole che finisce in fermentazione, aceto e alcool.

L’unico modo per evitare lo zucchero raffinato è non comprare prodotti preconfezionati – cerali, brioches, biscotti, merendine, torte e pasticcini, ma anche pane e prodotti surgelati in apparenza “salati” contengono una buona dose di zucchero, fare attenzione quando si mangia fuori, dal fast-food al ristorante, evitare bevande gassate e non aggiungere zucchero al cibo e bevande che si intende consumare. Il consumo e l’utilizzo dello zucchero è indifendibile.

La nostra voglia di dolce ci ha aiutato in passato nella selezione della frutta commestibile, riconoscere quando le bacche e i frutti avevano raggiunto la maturitá. Il nostro palato ci ha guidato nella selezione dei cibi salutari e per noi naturali. In tempi recenti questa voglia di dolce è stata totalmente perversa e non siamo piú in grado di riconoscere il buon cibo dal buon divertimento, e ricerchiamo lo stimolo massimo del gusto, cibi super dolci – o super salati – e super gustosi.
Quando mangiate della frutta, non solo soddisfate la vostra “voglia di qualcosa di buono”, ma rifornite il vostro organismo del carburante piú pregiato ricco di valore nutritivo – vitamine, minerali, amminoacidi nella forma piú disponibile e utilizzabile dal corpo umano, promotori di una salute reale, piena e vibrante. Consumando frutta e verdura cruda e di stagione vi sentirete “puliti dentro e belli fuori”.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :