Magazine Cultura

La festa del Tonno o delle Donne

Creato il 08 marzo 2012 da Rory

La festa del Tonno o delle Donne

Non chiedetemi perché tiro fuori la lingua. Comunque bevevo un’aperiTavor.

Vi scrivo per farvi capire i livelli epici che raggiungono i membri della mia famiglia.

Dopo aver affrontato il disagio di entrare in un supermercato, faccio ritorno a casa, dove trovo mio cuggino-mio cuggino, il quale mi fa gli auguri e mi dice “dai andiamoci a prendere l’aperitivo”. E andiamo, dico io. Al bar troviamo un suo amico non particolarmente simpatico, il quale vedendomi mi apostrofa così (riporto il dialogo):

Amico: “Bionda e che ci fai qui, non vai a vedere gli uomini che si spogliano?”

Io: “Ma per chi mi hai presa? Non mi piacciono queste cose. Preferisco, al massimo, spettacoli privati”.

Amico: “EHHH sei sempre la solita. Vabbé tanto si sa che ti piace…”

Io: “Ma cosa?” (con il coooosa da educanda ottocentesca)

Amico: (vi edulcorerò per motivi d’eleganza) “Conoscere biblicamente gli uomini”

Bah. Ma perché, secondo voi sono cose che si notano? E si notano in me? Ma tralasciando, volevo dire due parole sulla festa delle Donne. Innanzi tutto, trovo demenziale andarsi a vedere le robe tipo California Dream ecc ecc, anche perché a me il nudo versione quarto di bue non eccita  e fa venire il malanimo. Secondariamente, per quanto riguarda la festa, mio padre che è uno che ci tiene alla parità, mi ha sempre raccontato qual è la sua vera matrice e mi ha sempre impedito di festeggiare, perché secondo lui si è perso il significato primigenio della ricorrenza ed è diventato solo un evento consumistico, volto a depauperare il ruolo delle donne nella società e per me non ha tutti i torti. Mia mamma la pensa alla stessa maniera. Quindi niente mimose per me, anche perché odio i fiori recisi. Ne ho comprato solo un ramoscello da un poveretto al semaforo e l’ho regalato alla mia sarta, perché è tanto una  brava signora.

Comunque ho apprezzato come hanno festeggiato alcune donzelle di Genova, esclusivamente perché la cosa mi è parsa molto trash.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • delle donne 4 - La rossa

    delle donne rossa

    Dante Gabriel Rossetti, Lilith Così, sempre diversa, lontana, remota, distante da tutto il resto del mondo.Lunare quanto noi siamo terrestri, fredda... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • delle donne 5 - La mora

    delle donne mora

    Valentin Serov Drammatica.Intensa, profonda, introspettiva, con gli occhi sempre spalancati su se stessa e sul mondo.Un mondo tutto contrasti, tutto fortissime... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • delle donne 6 - La grigia

    delle donne grigia

    Giovanni Boldini, Donna con gatto Oggi invecchiare - e dimostrarlo - è diventata una sfida ancora maggiore di quella (illusoria) con cui alcuni cercano il filtr... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • delle donne 7 - La cangiante

    delle donne cangiante

    James Tissot, Portrait of the Vicomtesse de Montmorand C'è una naturale ironia, nel guardarsi allo specchio e nello scoprirsi così, gradevole e... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • delle donne 8 - La grassa

    delle donne grassa

    Francesco Montemezzano, Ritratto di dama seduta, con fazzoletto e cagnolino Eccola, quella che vorrebbero mettere fuori legge. Come se i chili in più (ma "in... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • delle donne 9 - La puntuta

    delle donne puntuta

    Egon Schiele, Elizabeth Kederer Perché se alla donna tornita, in carne, morbida o francamente "grassa", nell'immaginario collettivo si associa la maternità,... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • Donne

    Donne

    Miriam/Maria, ultima dell’elenco di Matteo dopo quattro donne misteriosamente gigantesche, offre alla cristianità il suo punto di partenza, l’anno zero della su... Leggere il seguito

    Da  Alboino
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines