Magazine Salute e Benessere

La fine del mondo non è un problema. Essa estinguerebbe, anzi, ogni problema.

Da Spiritualrationality

La fine del mondo non è un problema. Essa estinguerebbe, anzi, ogni problema.

La fine del mondo non è un problema. Essa estinguerebbe, anzi, ogni problema.

E’ invece l’atmosfera da fine dei tempi, è la paura della catastrofe cosmica a offrire spunto alla riflessione. Segno, questo, del fatto che abbiamo ormai raggiunto uno stadio in cui è il destino della terra in quanto tale a essere messo in discussione. La possibile evoluzione non riguarda pertanto ogni singolo uomo che abita il nostro pianeta ma, al tempo stesso, l’intera natura animata e inanimata. Di conseguenza, debbono esservi segnali decifrabili muovendo non solo dalla storia dell’uomo, ma anche da quella della terra. Consideriamo qui la paura, e in particolare la sensazione da fine dei tempi, come uno dei passaggi obbligati e inevitabili del nostro percorso. Con essa non solo si perde qualcosa, la si guadagna anche. E’ la crisi che precede la trasformazione. Bisogna viverla. La morte deve essere attraversata.

Il ciclone che si annuncia attraverso una grande depressione non può essere evitato, nè di fatto, nè sul piano morale e intellettuale – non importa se si tratti di disgrazia personale o cosmica, ovvero della fine del mondo. Solo così è possibile superare entrambe. La strada da percorrere conduce al di là del punto zero, conduce oltre la linea, oltre il muro del tempo, e attraverso di esso. Nella crisi scompaiono le dimensioni (un’ altra illusione ottica). La prossimità della morte modifica spazio e tempo. Anche nella capanna nordica, refugium per la meditazione, nella tenda, circondata dalla gelida tormenta che ulula nella tundra, può prendere la formula dell’estremo svuotamento: «Dio è morto».

Che ci si trovi di fronte a un cambiamento non solo di storia universale, ma anche di storia della terra, dovrebbe essere ormai diventato un argomento se non convincente, quantomeno degno di considerazione. Quando dopo una lunga fase di quiete le profondità cominciano a sommuoversi, cambia il manto della terra, del quale è parte non soltanto l’uomo, anche gli animali e le piante, così come il suolo e l’atmosfera vi appartengono. Quando il pesce di Sindbad si muove, sono in pericolo non solo gli uomini, ma anche gli alberi e gli uccelli.

La fine del mondo non è un problema. Essa estinguerebbe, anzi, ogni problema.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La lettera

    lettera

    1999, Manoel de Oliveira.A Parigi una giovane donna d'alta borghesia sta vivendo un periodo difficile, delusione d'amore. Il fidanzato ufficiale non le garba... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • La musica

    musica

    Ho la musica dentro lei mi abitaquando mi alzo lei già mi aspettaquando cammino lei mi cammina davantiio sto sempre danzando nella mia carnesto sempre sentendo... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA, POESIE
  • la gioia

    gioia

    A una festa sontuosa, ti ho cercato, tra vestiti splendenti e sorrisi come di manichini C’era solo una serie di maschere, non ostante la musica e le luci, tu no... Leggere il seguito

    Da  Apolide
    POESIE, TALENTI
  • La peste

    peste

    di Albert CamusVoto: 8 e 1/2 (su 10) su aNobii: - Non avete ancora capito. - Che cosa? - La peste. - Ah. - No, non avete ancora capito che consiste nel... Leggere il seguito

    Da  Phoebes
    CULTURA, LIBRI
  • La differenza

    differenza

    di Rosalba Colombo Nella pagina culturale del Corriere della sera di ieri ho trovato e letto con un misto di interesse/orgoglio/nostalgia e tristezza, una... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • La finestra

    finestra

    Nel buio vorrei cercarla. Per poter scappare, una vera e propria fuga da tutto, da tutti.Primo giorno "vero" di scuola. Ho aspettato fuori, oltre un'ora sotto u... Leggere il seguito

    Da  Istinto
    MATERNITÀ, PER LEI
  • La Jetée

    Jetée

    è un film del ‘62 di nemmeno mezz’ora che parla di e con frammenti.Frammentata è l’impostazione che vede un susseguirsi di fotografie in bianco e nero commentat... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA

Dossier Paperblog