Magazine Società

La ghiandaia che volò 15.000 km

Creato il 15 maggio 2013 da Lateatnight @LateAtTweet
La ghiandaia che volò 15.000 kmQualche giorno fa abbiamo parlato dell'esperimento più vecchio del mondoche da quasi 90 anni prosegue con le stesse modalità con cui è stato concepito.
I progetti di ricerca odierni invece possono contare sulle nuove tencologie per effettuare studi in modo più approfondito ed efficace. È il caso del progetto spagnolo Migra portato avanti dall'organizzazione SEO/Birdlife il cui scopo è quello di studiare il comportamento degli uccelli migratori e che da un paio d'anni ha potuto migliorare i propri metodi grazie al GPS.
Dal 2011 questo progetto ha iniziato a marcare alcuni esemplari di uccelli con dei piccoli ricevitori satellitari del peso di soli 25 grammi. L'obiettivo è quelli di marcare 15 esemplari per ognuna delle specie di volatili che vivono sul territorio iberico. Attraverso la pagina web del progetto è possibile seguire gli spostamenti dei 142 gli esemplari di 18 specie differenti già marcati con questo sistema.
La ghiandaia che volò 15.000 kmPrima dell'arrivo della tecnologia satellitare gli uccelli migratori venivano marcati con degli anelli sulle zampe che permettevano di riconoscere gli esemplari oggetto di studio ogni qual volta venivano incontrati. Essendo necessario incontrare fisicamente questi esemplari si poteva conoscere solamente alcune delle loro tappe, ma non era possibile ricostruire i loro spostamenti.
Ora è possibile avere una "telemetria" completa: si può sapere esattamente dove si trovanono in ogni momento, la loro velocità, l'altezza di volo le soste obbligate e tanti altri fattori chiave.

La ghiandaia che volò 15.000 km

Un nibbio reale con il rilevatore satellitare

Questo tipo di informazioni hanno una grande importanza sia per poter proteggere le specie in pericolo sia per contrastare la propagazione di virus pericolosi come quello dell'influenza aviaria o quello del Nilo Occidentale.
Grazie a tutti questi dati è stato ad esempio possibile seguire una piccola ghiandaia marina, un uccello di circa 30cm, che ha attraversato l'intero deserto del Sahara in soli 4 giorni (dal 24 al 28 Aprile 2013) e che durante la sua migrazione per sfuggire al freddo dell'inverno europeo è stata in grado di percorrere più di 15.000km.
La ghiandaia che volò 15.000 km
Altri dati permettono di studiare come esemplari della stessa specie possano avere comportamenti diversi. È il caso delle due cicogne bianche marcate, una di esse ha viaggiato per più di 3.000km per passare l'inverno al caldo del Senegal, mentre l'altra si è spostata di soli 70km in linea retta dalla "residenza estiva".
I responsabili del progetto fanno notare come questi cambi di abitudini possano essere considerati come uno degli indicatori del cambio climatico in corso. Oltre alla cicogna bianca che ha deciso di non migrare vengono portati esempi di altre specie che non migrano più verso l'Africa, ma, come le cicogne nere ed alcune specie di aquile, passano l'inverno sulla costa del Mediterraneo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La carbonara

    carbonara

    carbonara Seduta in cucina, lei sfogliava nervosamente un libro di ricette. Guardava di continuo l’orologio, in attesa del ritorno di lui, fumando una... Leggere il seguito

    Da  Hydepank
    SOCIETÀ
  • La “straniera”

    E’ il silenzio. Che sia portatore di tempesta è presto a dirlo e neppure sicuro:  la Valle d’Aosta ha da sempre la digestione lenta e sonnecchiosa. Valle... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Come la grecia? e com'e' la grecia?

    Come grecia? com'e'

    Uno Speciale di Passaggio a Sud EstLa trasmissione, andata in onda venerdì 14 dicembre, fa il punto sulla Grecia all'indomani del via libera dell'Eurogruppo all... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • La Regione chiuderà la Cogne?

    Regione chiuderà Cogne?

    Esempio di nuvola trattata a caldo.Ritorno sull’argomento perché molto importante, riguarda la nuova strategia del governo sui rifiuti. Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • La chiamavano la Stalingrado d'Italia...

    Una storia gloriosa, partita da lontano, con gli scioperi alla Breda che furono determinanti per creare la coscienza antifascista e fondamentali per incrinare l... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • La democrazia, la memoria e Beppe Grillo

    democrazia, memoria Beppe Grillo

    Troppa democrazia fa male: questo motto scherzoso l’ho sentito dire per la prima volta da un Amica parlando dell’educazione dei figli. Leggere il seguito

    Da  Leragazze
    PARI OPPORTUNITÀ, SOCIETÀ
  • La Turchia, la censura, i libri

    Turchia, censura, libri

    Si è fatto un gran parlare, sulla stampa italiana (tradizionale e soprattutto internettiana), della revoca in Turchia del bando su molte pubblicazioni di... Leggere il seguito

    Da  Istanbulavrupa
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine