Magazine Cultura

La giornata contro il femminicidio

Da Paritismo @MgFarina

Parliamo ancora di violenzadi Giuliana Pedroliapparso su www.laccentodisocrate.it num. 22
Anche se a volte ci ritroviamo a dire…ancora? Beh, non bisogna smettere. Di parlare della violenza, di segnalare casi, di raccontare fatti; soprattutto nei confronti delle donne, non bisogna smettere mai. Perché purtroppo la violenza non smette mai, nonostante se ne parli, si denunci, ci si muova.Ma quando ho letto quel pezzo di giornale, mesi fa, una frase mi è rimasta in mente più di altre:Ci siamo fatti conoscere presso la associazione industriali della nostra zona - e a parlare era la responsabile di un centro che protegge le donne in una ricca e grassa città del nord. Non nel profondo sud, non tra le comunità del terzo mondo, non in un ceto sociale povero e disagiato.Ma presso associazioni di ceti medio alti, perché lì stanno le nuove (o vecchie?) vittime. È comunque una realtà che si sta scoprendo ora. E’ nei ceti sociali privilegiati che si sta scoprendo adagio adagio la violenza, l’hanno definita emergenza nell’emergenza. I dati Istat confermano che oltre il 46% delle donne che subiscono violenza sono laureate, il 29% hanno la licenzia media, il 17,5 la licenza elementare. Perché la violenza non vuol dire solo botte, violenze sessuali, ma anche essere spaventate, terrorizzate, frustrate da quell’atmosfera terribile che un marito compagno fidanzato costruisce tutt’attorno. Sempre più in alto nella scala sociale. E la cronaca degli ultimi mesi conferma: un notaio prima ed un primario poi, hanno messo fine alla vita delle loro compagne per non volerle lasciare andare. Ma perché solo adesso? Facile immaginarlo, queste donne hanno da perdere molto di più di una donna che viva una vita ”normale”: come si fa, con una denuncia, a rompere la facciata che una famiglia cosiddetta per bene si è costruita? Come si fa a raccontare che quel dirigente tanto stimato, quel professore così colto, quell’intellettuale tanto apprezzato, la sera si trasforma in un mostro e picchia, minaccia, controlla, telefona, sospetta? Esiste inoltre anche una comprensibile forma di vergogna ed anche la paura di perdere quello che spesso con sacrifici si è costruito nel lavoro e nella società.  E poi, chi crederà a quella donna che ha tutto, ma di che si lamenta? Perché spesso, risulta che la “lei”, è una manager di un certo livello, una donna in carriera, una brava professionista, che a casa non sa o non può reagire o difendersi e si cala nel ruolo spaventoso della vittima. Chi alla fine denuncia, dicono i professionisti antiviolenza, fa fatica a dimostrare la triste vicenda e spesso, se non vuol finire uccisa nell’androne di casa, come successo a Milano nel giugno di quest’anno, deve nascondersi, fuggire, magari all’estero, trovare un nuovo incarico e cambiare vita. Ho letto di un caso in cui il carnefice ha irriso la situazione e con la sua dialettica fatto ricadere la colpa di segni e lividi sulla consorte, tanto da convincere le forze dell’ordine che erano state chiamate dai vicini.Il guaio più grosso? Che alcune di queste donne rinunciano a denunciare, ma quando questo avviene, rinunciano ad essere aiutate, perché non credono in un futuro migliore, perché lui le raggiungerà sempre, perché da sole non sanno più stare. Quella è la loro vita e senza non possono vivere. Non è così, naturalmente, ma è facile per noi dire che è sbagliato, facile da dire per noi che abbiamo la nostra autonomia e la nostra libertà.Ma non corriamo il rischio di giudicare una situazione che fortunatamente non possiamo nemmeno immaginare, sarebbe un giudizio ingiusto e gratuito. 
DOVE LE DONNE POSSONO TROVARE ASSISTENZA GRATUITA e altri indirizzi:Associazione donne Maltrattate, casa accoglienza   02 55015519Telefono rosa  011 530666 – 06 37518282Telefono donna   800 920927Associazione aiuto donna   035 212933D.i.Re. Donne in Rete contro la violenza Onlus  www.direcontrolaviolenza.itAssociazione Casa delle Donne Maltrattate, Milano  www.cadmi.org  Telefono Rosa, Torino  www.mandragola.com/tel_rosaDifferenza Donna, Roma  www.differenzadonna.ittTelefono Donna, Como  www.telefonodonnacomo.itCadom, Monza  www.cadom.itAssociazione Nazionale Volontarie Telefono Rosa, Roma  http://www.telefonorosa.it  Telefono Donna - Servizio di Psicologia c/o Azienda Ospedaliera Niguarda cà Granda,  Milano www.telefonodonna.it/  Associazione "Donne in genere ONLUS", Roma www.centrodonnalisa.it/Cerchi d'Acqua Onlus, Milano  www.cerchidacqua.org/  Casa delle Donne Onlus, Brescia www.retedonne.brescia.it/scheda-casa-delle-donne.php

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L'albero da frutto (la ragione)

    L'albero frutto ragione)

    Di Roberto Rossi Quanto scriverò potrà sembrare banale a fronte dei problemi che in questo periodo tutti noi stiamo vivendo. Credo, però che al di là... Leggere il seguito

    Da  Paritismo
    CULTURA, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • La persona e il sacro – Simone Weil

    Pubblichiamo la recensione ad opera di Francesca Bertolani de “La persona e il sacro” di Simone Weil. Qui trovate la puntata in cui Francesca, ospite in... Leggere il seguito

    Da  Frequenzedigenere
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • La vita contro

    vita contro

    Recensione documentario: Irene Dionisio “Così è se vi pare. Il Movimento per la Vita in Italia”C215, Lost ParadiseIl bel documentario di Irene Dionisio... Leggere il seguito

    Da  Femminileplurale
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • La paura del diverso

    discriminare [di-scri-mi-nà-re] (discrìmino) v. tr. 1 Far differenza o distinzione tra persone o tra cose; differenziare, distinguere: discriminiamo, nel... Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • La rivoluzione di Malala Yusufzai

    rivoluzione Malala Yusufzai

    La ragazza con il libro in mano non è solo un simbolo, ma una speranza. Malala ha dato una grande lezione al mondo. Una ragazza che legge un libro è più... Leggere il seguito

    Da  Mirella
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • La “figlia” orgoglio di papà Ricci

    “figlia” orgoglio papà Ricci

    Dopo aver parlato della puntata andata in onda il 7 settembre, inerente alle semifinali di Veline, mi seguo anche le semifinali che sono andate in onda ieri ed... Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Mastico la gomma ergo cogito

    Mastico gomma ergo cogito

    La gomma americana. C’è chi la mastica svogliatamente, come se ti facesse un favore. Chi lo fa invece con forza e dedizione come se da quello dipendessero le... Leggere il seguito

    Da  Leragazze
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ

Dossier Paperblog