Magazine Cucina

La leggenda del cioccolato

Da Alfa
La leggenda del cioccolato
Narra la leggenda che un giorno il Serpente Piumato, il grande dio bianco che aveva insegnato agli uomini a costruire i templi e coltivare la terra, fu indotto con l’inganno a bere una pozione avvelenata. Egli cadde malato e, per cercare la guarigione, decise di partire per una terra lontana.
Prima di partire, però, volle lasciare agli uomini il suo ultimo dono. Egli regalò loro il cibo degli dei, dicendo che si chiamava "xocolatl" e insegnando come doveva essere coltivato.
Quindi, promettendo che un giorno sarebbe tornato, salì su una nave che lo condusse oltre l’orizzonte, verso il tramonto.
Quando fu scomparso alla loro vista, gli uomini in sua memoria coltivarono la pianta, traendone una bevanda amara che, arricchita col peperoncino, era il complemento dei loro pasti. Lo "xocolatl" dava energia e i guerrieri lo bevevano in abbondanza prima di scendere in battaglia.
Un giorno dal mare occidentale giunse una strana nave. Su di essa stava un uomo dalla pelle chiara, accompagnato da uomini alti e dalla fluente barba, con il corpo e la testa ricoperti da lucenti scaglie di serpente, su cui svettavano piume meravigliose.
Allora il Re pensò che la profezia si stesse compiendo e che il Serpente Piumato fosse ritornato. Così gli mandò in dono lo "xocolatl" e oro ed argento e gemme preziose, invitandolo a riprendere possesso del suo regno.
Cortès e i suoi guerrieri spagnoli riempirono subito i forzieri coi preziosi, ma apprezzarono molto anche lo "xocolatl", che però preferirono far bollire e bere caldo. Quindi, pieni di energia, marciarono su Mexico per conquistarlo e depredarlo dei suoi tesori.
Fu così che lo "xocolatl" giunse in Europa, assieme agli altri tesori delle Americhe.
La leggenda dell'origine del cioccolato è stata proposta nella Bottega del mistero il 24 ottobre scorso.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La ragazza con la pistola

    ragazza pistola

    1968, Mario Monicelli.Vincenzo Macaluso non voleva a quella sicca sicca, voleva quella chiù chiatta, ma chilli fitusi di picciotti sbagliarono il ratto, 'sta... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • La ribollita dietetica

    ribollita dietetica

    Lo avevamo promesso ed eccoci a parlare della ribollita. La “famosa” ribollita che ha una infinità di versioni, proprio come la minestra di pane, della quale... Leggere il seguito

    Da  Pranzodifamiglia
    CUCINA, CUCINA ITALIANA, RICETTE
  • La valigia

    valigia

    L’uomo trascina l’enorme valigia con evidente difficoltà. Dev’essere pesantissima, non riesce neppure a sollevarla da terra, la sospinge a fatica. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • La horde

    horde

    Regia di Yannick Dahan e Benjamin Rocher Francia 2009 Un gruppo di poliziotti trasgredisce a ogni regola deontologica e cerca vendetta come nel Far West. Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CINEMA, CULTURA
  • La morale

    la vita morale dell'uomo è uno dei soggetti che l'artista può trattare, ma la moralità dell'arte consiste nell'uso perfetto di uno strumento imperfetto. (O.... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Perchè amo la fantascienza

    Perchè fantascienza

    Da 2001: Odissea nello Spazio: Quando si stancava dei rapporti ufficiali, dei memorandum e delle minute, inseriva lo schermo-notizie formato foglio protocollo... Leggere il seguito

    Da  Sekhemty
    CULTURA
  • ERMANNO CAVAZZONI con "La galassia dei dementi" (La nave di Teseo) in radio a...

    ERMANNO CAVAZZONI galassia dementi" nave Teseo) radio LETTERATITUDINE

    ERMANNO CAVAZZONI con "La galassia dei dementi" (La nave di Teseo), ospite del programma radiofonico Letteratitudine trasmesso su RADIO POLIS (la radio delle... Leggere il seguito

    Il 18 luglio 2018 da   Letteratitudine
    CULTURA, LIBRI

Magazines