Magazine Società

La Leopolda ha rimosso completamente le donne (troppo ingombranti?)

Creato il 31 ottobre 2013 da Tafanus

TafanusQuesto approfondimento sul rapporto fra la Leopolda e le donne, dovuto alla penna di Silvia Balestra, voglio dedicarlo a quelle donne - non sono poche - che si sono lasciate sedurre (o corrono il rischio di farlo) dal piacione di Frignano sull'Arno,  scambiando "piacionismo" con modernità. Il piacionismo di questo Fonzie fuori tempo massimo NULLA ha da spartire coi problemi delle donne.

Una cosa così sarebbe stata intollerabile persino se ad organizzarla fosse stato un qualsiasi Giovanardi (il vecchio che arretra). Proposta da Matteo Renzi ("il nuovo che avanza" - nel senso della sua superfluità), dovrebbe far MOLTO riflettere le donne. "Moderno" non è muoversi sul palco avanti e indré come un pippobaudo venti centimetri più basso, e già appesantito dalle troppe cene elettorali, scartando uno dopo l'altro i Baci Perugina per trarne i renzini "segue ovazione". Moderno sarebbe finalmente affrontare problemi e criticità suggerendo prospettive e soluzioni, accompagnate dal quel noiosissimo ma indispensabile corollario di "chi fa cosa, dove, quando, come, con quali soldi". Mi rendo conto... stà robaccia non chiama l'applauso, e non porta voti. Ben vengano dunque, le Silvia Balestra, che sembra non siano interessate ai renzini, e che sono così cieche da non aver colto tutta la sostanza dei programmi in rima baciata del Bischero di Frignano. Tafanus

Silvia-balestra
Forse perché poco cool, la questione femminile è del tutto ignorata da Renzi. Vecchiume da cui tenersi alla larga, come le bandiere di partito. Che delusione, se alle donne ci si rivolge solo come a elettrici da sedurre... (di Silvia Balestra - l'Unità del 31 Ottobre 2013)
Giovani, carini, molto occupati. Si direbbe un passo avanti: i candidati alla segreteria del maggior partito della sinistra italiana rappresentano il nuovo, anzi il moderno, con la comunicazione come primo pensiero e una confezione raffinata, soprattutto nel caso di Renzi, segretario in pectore.
Il passo indietro, invece, è che sono tutti maschi e questa volta non c’è nemmeno, come nelle primarie dell’anno scorso, una presenza femminile di testimonianza. Si dirà che siamo abituati a questa prevalenza del maschile, e ce ne faremo – sempre a fatica, ovvio – una ragione. Un po’ più grave, invece, che la questione femminile risulti totalmente assente dal dibattito. Parafrasando Renzi, il suo immaginifico linguaggio e i suoi baricchismi che sembrano piacere tanto ai giornali e al pubblico mainstream “né di destra né di sinistra”, potrei dire che lo “stupore” è tutto mio.
Non un cenno, nel discorso finale alla Leopolda, sul nostro vergognoso posizionamento nelle classifiche mondiali della disparità di genere, sui 47 centesimi di media guadagnati da una donna italiana per ogni euro guadagnato da un uomo, sulle pensionate che percepiscono in media il 31 per cento in meno dei pensionati. Ci sarà forse tempo per precisare, per rimediare, per mettere a fuoco, ma, qui e ora, la sensazione, assai sgradevole, è che l’argomento non sia considerato abbastanza glamorous
Insomma, in tutta quella modernità di parole e simboli, in quel patinato nuovismo, la questione femminile pare vecchia, polverosa, meglio tenersene alla larga come da altro vecchiume poco performante in termini di immagine (simboli di partito, diritti, donne, uff che vecchiume!).
Indicativo per esempio che nell’estetica molto americana delle success stories che Renzi propone a modello, anche quelle tutte molto chic, dal re del cachemire al re  del food, donne non se vedano. Un’altra volta: tutti maschi.
Altra sensazione: pare che le donne di contorno al leader, anche loro giovani, carine e molto occupate, facciano da supporto e fureria. E c’è da sperare che saranno loro, con i fatti, a smentire di essere soltanto volti nuovi per i talk-show e poco più.
C’è dunque nell’aria una doppia delusione. La prima, più politica, per un aspirante segretario di un partito grande, popolare, vivo, che aspira a guidare il Paese, che sembra scordarsi di una questione essenziale e primaria come la parità, prima di tutto economica e di diritti, tra i sessi. E la seconda, più culturale, per una generazione emergente, i nati nei Sessanta e nei Settanta, che pare riprodurre , anche se più “modernamente”, tic e difetti del passato. Se il “nuovo”, il “moderno” e il “cool” è l’attenzione per le donne intese come massa elettorale da sedurre, poi, la delusione si moltiplica. Si può perdonare al nuovo che avanza di avere simboli e linguaggi non nuovissimi (la Vespa, Jovanotti, il blairismo, il merito…), ma non di espellere dal suo discorso, perché poco affascinante, un’emergenza vera, quella della condizione femminile, che colloca il Paese, ben più di altre emergenze, ai piani bassi e bassissimi delle classifiche mondiali.

Silvia Balestra


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Leopolda. Renzi modera il meeting dei suoi sostenitori

    Leopolda. Renzi modera meeting suoi sostenitori

    Photo credit: Sailko / Wikimedia Commons/ CC BY-SA 3.0. Continua l’appuntamento della Leopolda a Firenze, un grande palcoscenico per parlare di comuni e... Leggere il seguito

    Da  Retrò Online Magazine
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Leopolda. E i ricchi risero

    Leopolda. ricchi risero

    Anna Lombroso per il SimplicissimusA volte ho la tentazione di adottare un approccio lombrosiano nell’osservare i commedianti in teatro: fatti salvi il... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • THE RENZI SHOW #leopolda #congressopd #matteorenzi

    RENZI SHOW #leopolda #congressopd #matteorenzi

    Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco: devo proprio essere messo male per affidarmi a un proverbio del buon vecchio Trap per trovare un po’ di speranza,... Leggere il seguito

    Da  Albertomax
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • A proposito dell’ultima “Leopolda”

    Effettivamente era lecito aspettarsi qualcosa di più dal discorso di domenica di Renzi, qualcosa di meno generico delle solite idee di cui il sindaco di... Leggere il seguito

    Da  Laotze
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • La Ggente

    Ggente

    Sono uno a cui piace la gente. A cui piace guardare le facce in metropolitana, ascoltare le storie più varie. Uno che da sempre solidarizza e comprende. Leggere il seguito

    Da  Zesitian
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La strillona

    strillona

    Visto che ormai siamo nel pieno del weekend (beato chi si è fatto anche questo ponte!) ho pensato di non tediarvi con post con ragionamenti trascendentali ma... Leggere il seguito

    Da  Siboney2046
    LIFESTYLE, PER LEI
  • La Casa

    Confesso che l’originale, ai suoi tempi, mi aveva traumatizzato parecchio (l’immagine della strega posseduta che faceva capolino da sotto la botola è stata una... Leggere il seguito

    Da  Blackarcana
    FANTASY, LIBRI