Magazine Politica

La lobby di Dio – il rapporto tra Comunione e Liberazione e la Lega

Creato il 06 febbraio 2011 da Funicelli

Nel suo ultimo libro Ferruccio Pinotti parla di Comunione e Liberazione: dopo aver raccontato la sua storia, il suo modo di concepire la sussidiarietà (la statalizzazione dello sato tramite rapporti di lobbing con le regioni) e i suoi rapporti con la politica (la Dc prima e FI poi), Pinotti racconta del legame tra Cl e la Lega Nord. Due entità molto più legate di quanto si sarebbe tenuti a credere:

A questo punto dovrebbero cominviare a intuirsi i due principali cardini teorici che hanno permesso a due mondi apparentemente così inconciliabili di convergere sulla stessa strada. E cioè federalismo (“de-statalizzazione”) da una parte e integralismo dall'altra.

Gli ismi che uniscono Lega Nord e Cl” li ha definiti con grande acutezza lo psicologo Enrico Magni, firmando nel luglio del 2009 sul quotidiano online “Leccoprovincia.it” un lucido editoriale che è utile citare: “Lega Nord e Comunione e Liberazione sono l'espressione di due integralismi territoriali. Tutte e due sono nate ai piedi delle Alpi, tutte e due hanno nell'organizzazione materiale il punto di forza, tutte e due hanno nella trascendenza un oggetto di riferimento. [..] Tutte e due hanno un oggetto persecutorio che va vinto e che è diverso nelle varie forme, apparenze, sostanze. Gli extracomunitari per la Lega Nord sono coloro che rubano il lavoro ai locali e portano insicurezza sociale, per gli altri sono portatori di un credo diverso che può destabilizzare la tradizione religiosa. Per tutte e due il lavoro, il fare e la ricchezza sono il prodotto di un'appartenenza che è sinonimo di sacrificio e etica. In apparenza le due organizzazioni possono sembrare in contrasto , ma nel profondo hanno molte radici in comune che andrebbero ulteriormente analizzate e approfondite”.
La lobby di Dio, pagina 62

Quando è avvenuto questo matrimonio di interessi?

La riconciliazione è avvenuta nel 2008, durante il convegno dal titolo “Federalismo fiscale e sussidiarietà”, organizzato a Verona dalla sezione locale di Compagnia delle opere. I ciellini vi invitarono a parlare il sindaco leghista Flavio Tosie lo fecero interloquire con Giorgio Vittadini, storico leader della Cdo. [..] E alla fine ci pensò lo stesso Vittadini a spiegare le ragioni di quell'invito a Tosi: “Noi dialoghiamo a tutto campo – disse – e la Lega al dil degli aspetto folcloristici tipo ampolle del Po, quando ragiona sui fatti è assolutamente interessante [..] Siamo alieni dallo schierarci con questo o quel partito, guardiamo al pragmatismo, ma non possiamo non essere interessati a un federalismo molto sussidiario come quello prospettato nell'ultima versione: allora tanto di cappello a uno come Calderoli, che lo sta sviluppando con molta capacità di dialogo”.

Comunione e Liberazione si è convinta così che la Lega, sulla base di un comune sostrato culturale volto alla destrutturazione dello stato centralista e all'affermazione di certi integralismi, poteva incarnare il vero orizzonte politico post-berlusconiano; la Lega dal canto suo, ha capito al volo invece che per “ambire a diventare quello che trent'anni fa era la Democrazia Cristiana” non poteva prescindere dal rapporto con un ambiente cattolico come quello di Cl, che “continua a rappresentare un considerevole blocco sociale e, perchè no, di voti”.
La lobby di Dio, pagina 64

Da questo spunto si inizia a capire quali siani i poteri forti dietro questo governo, che spinge per un federalismo in salsa leghista, che tiene in vita Berlusconi nonostante tutto. Li abbiamo visti assieme al meeting di Rimini nel 2009 e nell'estate scorsa: la Lega Nord e Cl: "insieme per destrutturare lo stato, per sminuzzarne le competenze e gestirle a livello locale attraverso il braccio operativo di Comunione e Liberazione, la Compagnia delle Opere. Le parole d'ordine sono sussidiarietà e federalismo, ma la traduzione concreta di questi concetti si articola nell'affidamento progressivo della sanità ai privati, nella scelta dei docenti su base regionale, in lucrosi business come quello dei trasporti e dell'energia, in trasferimenti di soldi a società private che gestiscono pezzi sempre più ampi del pubblico".

Altri pretesti di lettura:

.. a pagina 19
“Nemmeno la mafia a Palermo ha tanto potere. Negli ospedali, nell'assistenza, nell'università”.
Eugenio Scalfari sul potere della Compagnia delle Opere in Lombardia. “La repubblica”, 13 ottobre 2008.

.. a pagina 52
“Berlusconi è come De Gasperi”
Raffaello Vignali, ex presidente della Compagnia delle Opere, 7 aprile 2006.

.. a pagina 359
“E' entrato a far parte di Cl un personaggio come Marco Barbone, l'omicida di Walter Tobagi”.
Marco Barbone è responsabile della comunicazione della Compagnia delle Opere.

...a pagina 48
"Puoi essere un corruttore, un tangentista, un terrorista, ma se vai da loro e scopri l’incontro con Gesù potrai tranquillamente entrare nell’orbita di Cl."
Mino Martinazzoli, più volte ministro della Repubblica nelle file della Democrazia cristiana.

...a pagina 137
"È un meccanismo diabolico: io curo i rapporti con il politico, lui mi dà i finanziamenti, io gli assumo la gente, lui si prende i voti."
Arturo Zannelli, già direttore della Compagnia delle opere Calabria e marito di Caterina Merante, teste chiave dell’inchiesta Why Not.

"Una Chiesa privata, ben sintonizzata con gli umori della destra italiana e dominata dall'affettuosa confidenza con banchieri e imprenditori .....è il linguaggio di un conservatorismo moderno che si esprime la strana indulgenza Ciellina per i malfattori, contrapposta alla severità con cui additano i moralisti.”
Gad Lerner, “la Repubblica”, 28 agosto 2010

Il link per ordinare il libro su ibs.
Technorati: Ferruccio Pinotti


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Lega è ostaggio di Berlusconi

    E’ tutto chiaro? Sì, la Lega è ostaggio di Berlusconi, adesso non vuole più le elezioni. Le ha mai davvero volute? Dopo minacce, insinuazioni e forzature si... Leggere il seguito

    Da  Loriscosta
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Domenica la Lega a Pontida: bestiale

    Domenica Lega Pontida: bestiale

    Si aggira per vie e calli, sale conferenze e auditorium un noto taroccatore di curriculm vitae, un politico che lucrava sui biglietti aerei quando era... Leggere il seguito

    Da  Massimoconsorti
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La Lega Sud

    O Terzo polo, secondo Luca Ricolfi. Il passaggio più stimolante è questo: E questo non perché il Nord stia tutto con la Lega, ma perché, al Nord, le differenze... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Per Naoto Kan la liberazione di Liu è auspicabile

    Il premier giapponese Naoto Kan ha dichiarato che la liberazione da parte della Cina di Liu Xiabao, Premio Nobel per la Pace, è “auspicabile”. Leggere il seguito

    Da  Nippolandia
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • La Lega Nord occupa la biblioteca

    Lega Nord occupa biblioteca

    Fa un certo effetto essere bloccati dalle forze dell’ordine all’ingresso della biblioteca. Fa un certo effetto scoprire che quest’oggi non si studia perché il... Leggere il seguito

    Da  Palotto
    POLITICA, POLITICA ITALIA
  • Pronto? E’ la Lega Nord?

    Pronto? Lega Nord?

    Bersani parla alla Lega. Nel farlo mi ricorda l’esilarante (e deprimentemente vero) video di Salis e Fornario sul Pd a caccia di alleati (se non ci avete... Leggere il seguito

    Da  Cristiana
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • La Lega oltre la Lega

    Il prossimo fine settimana On the Nord sarà in trasferta, ad Albinea (Reggio Emilia), ospite di Ancora Oltre – Il campeggio di Prossima Italia. Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ