Magazine Viaggi

La mobilità come stile di pensiero per una costumer strategy

Creato il 02 febbraio 2010 da Thegoodones

La mobilità come stile di pensiero per una costumer strategy

Per necessità o virtù, che ci piaccia o no, la mobilità si identifica come un nuovo modello di riferimento, comportamentale e professionale. La precarietà e la complessità odierna va affrontata con una attitudine, più indipendente, flessibile e creativa di prima.

Occorre essere nomadi per sopravvivere o condurre questa fase di cambiamento, con un’identità aperta e multiforme, capace di muoversi da New York a Milano, da Google Italia a Google USA, con un pensiero creativo che non processa ma combina in modo originale elementi e stimoli a disposizione di tutti, una rielaborazione che rispetta l’individuo e favorisce le risorse del suo microcosmo; la rilevanza culturale locale diventa il codice linguistico tra marca e consumatore e apre una nuova dimensione di servizi più estemporanei ma paradossalmente più accoglienti, specie quando pensiamo al nomade e alla sua relazione tra casa e viaggio.

Il mercato turistico conosce bene la diffusa capacità di scelta dei nuovi consumatori sempre più consapevoli dei benefici che derivano dalla fruizione di una vacanza breve e vicino a casa, sempre più autonomi nell’organizzare da soli i propri viaggi nella convinzione di poter “fare meglio, spendendo meno”. E in questo quadro di mobilità diffusa può diventare necessario abbandonare la convenzionale segmentazione dei consumatori per tipologia di viaggio (mare o montagna) o di tratta (breve o lunga distanza) e procedere invece per una proposta di aggregazione emozionale. Network sociali turistici per persone che condividono attività e interessi simili o che sono interessati a esplorare interessi e attività degli altri simili alle loro (date un click a NetGlobers , il social network powered by EuropAssistance).

Il consumatore è al centro di nuove forme di turismo personalizzato, piani perfetti di evasione costruiti sulle passioni personali e secondo forme di aggregazione a comunità che non l’omologhino a uno standard.

In quest’ottica possiamo affrontare la comunicazione one-to-one mettendo in sinergia il canale WEB, quello postale e l’evento sul territorio. Dal blog, all’email fino agli strumenti dei social network, il WEB offre un ambiente interattivo e bidirezionale, consente di ascoltare, di ricevere e non solo di inviare. Dall’altra parte il direct marketing può agire attraverso la creatività di nuovi formati e materiali e una personalizzazione per ogni fase della relazione con un cliente, dall’acquisizione alla fidelizzazione. L’evento sul territorio si pone come esperienza centrale per vivere e interagire con i valori della marca.

Proviamo a prolungare l’emozione della vacanza come lo si fa quando mostriamo le foto ai nostri amici. Proviamo a mantenere i contatti con gli amici conosciuti durante la vacanza, proviamo a mantenere solidi nel tempo quei legami che durante il viaggio si rafforzano. Proviamo a farlo con la partecipazione e la condivisione di ognuno dei partecipanti favorendo i loro legami attraverso i link e le modalità espressive dei network sociali. Raccontare le proprie storie, esprimersi, confrontarsi e continuare a relazionarsi. Una community costruita non sui valori istituzionali della marca ma sulle emozioni di coloro che hanno vissuto la marca.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog