Magazine Opinioni

La pace rotta di Oslo

Creato il 22 luglio 2011 da Kris @zinfok

La pace rotta di OsloOslo. La città del Nobel per la Pace. Una città che, da dopo la fine della seconda guerra mondiale, non aveva più subito attacchi offensivi. Oggi, alle 15.20, un'autobomba esplode a poca distanza dalle sedi del governo. Nessuno sa con certezza a chi sia diretto e da chi sia stato commesso. C'è grande confusione: si pensa ad Al-qaeda sempre per quella storia delle caricature di Maometto, che gli integralisti reputarono offensivi, quindi degne di punizione. Sembrerebbe questa la punizione, anche se a pubblicarle per prima fu la Danimarca. Solo successivamente, un giornale norvegese le rese note. Le voci ufficiali da parte del governo, confermano che non c'è una teoria ben precisa sugli artefici dell'attentato.
La pace rotta di OsloLa pace di Oslo è stata fatta deflagrare, fatta esplodere con quel palazzo. Le autorità hanno consigliato di restare a casa, di evaquare il centro della città. Il Premier norvegese parla di situazione drammatica, soprattutto dopo il folle gesto di un pazzo che, travestito da poliziotto, ha sparato sulla folla, in un campo estivo dei giovani Laburisti a Utøya.  I morti sarebbero più di 20. 
Qualunque sia la causa, è sicuramente da condannare. Il mondo si stringe intorno alla Norvegia, ma l'equilibrio, già instabile dell'Europa, torna a vacillare anche sul piano sociale, mentre lo spauracchio della xenofobia si fa sempre più imponente.  

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog