Magazine Cucina

La polenta

Da Silva Avanzi Rigobello

Ci sono alcuni piatti che fanno talmente parte delle abitudini di famiglia che non ci si fa quasi più caso. Quando si preparano spesso è perché non si ha voglia di impegnarsi, di stare a pensarci su più di tanto. Ci sono, no, le sere in cui si mette insieme una cena che non richiede tutto ‘sto sforzo?!
La polenta è uno degli elementi che appartengono a questa filosofia di cucina.
Una bella polenta condita con ingredienti diversi è appagante e risolve felicemente la cena. Almeno per noi Veneti… per i quali fare la polenta è un’abitudine che richiede sì tempo e attenzione, ma è nel nostro DNA da secoli.

20140511-000745.jpg
Si fa dunque la polenta portando a bollore 1 litro d’acqua salata con 1 cucchiaino di sale grosso, abbassando la fiamma e versando a pioggia 250 gr di farina di mais “bramata” sempre mescolando con una frusta.
Quando tutta la farina è assorbita, si alza di nuovo il fuoco, ma facendo attenzione che il bollore non sia troppo vivace.
Ci vorranno 40 minuti perché la polenta sia pronta. Durante questo periodo si mescola ma non in continuazione, soprattutto all’inizio. Si intensifica “l’unto di gomito” verso la fine, quando inizia ad addensarsi. Bisogna fare molta attenzione perché non si attacchi. La polenta è pronta quando mescolandola inizia a staccarsi dalle pareti sfrigolando.
A questo punto si versa su un vassoio da portata o sul tagliere e si condisce come si desidera.

Questa è arricchita con funghi porcini saltati semplicemente in padella con aglio e prezzemolo, rosmarino e lardo di Arnad, che a contatto con la polenta calda si fonde un po’ e rende l’insieme fantastico.
Naturalmente si può scegliere di condirla con un qualsiasi altro ingrediente come salsiccia rosolata, formaggio Gorgonzola, perfino ragù o qualunque altra cosa vi suggeriscano l’esperienza e la fantasia.
Un chiarimento tecnico: la polenta “bramata” è quella a grana leggermente più grossa ed è perfetta per queste preparazioni o per accompagnare gli umidi; il “fioretto” è quella macinata molto fine ed è più adatta per i dolci come gli zaletti per esempio (post del 23 ottobre scorso).


Archiviato in:Piatti unici Tagged: Farina di mais bramata, Funghi porcini, lardo, polenta, rosmarino

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Bigné! La Pasta Choux!

    Bigné! Pasta Choux!

    Quando si va in pasticceria è inevitabile notare i dolci forse più comuni in Europa: i Bigné!Ripieni, glassati, con la granella, ci sono una miriade di maniere... Leggere il seguito

    Da  Maritoallaparmigiana
    CUCINA, RICETTE
  • La nutellotta

    nutellotta

    Incredibile come un dolce cosi,' possa trasformarti le giornate dandoti un po' di energia.Un periodo cosi' non lo ricordavo da tempo,siamo spettatori di tanti... Leggere il seguito

    Da  Lisa51
    CUCINA, RICETTE
  • La Cotognata

    Cotognata

    Ci sono alcune cose che mi ricordano proprio l’inverno e le mele cotogne sono una di quelle. E se pensiamo alle cotogne, inevitabile finire per fare una... Leggere il seguito

    Da  Forchettinagiramondo
    CUCINA, RICETTE
  • La pastiglia del mese

    pastiglia mese

    Pastiglia di Natale al biscotto LeoneStessa forma e stessa croccantezza di sempre in uno stopponcino di zucchero che profuma di feste. Leggere il seguito

    Da  Dolcemporiofirenze
    CUCINA, RICETTE
  • La sbrisolona

    sbrisolona

    Una ricetta d'altri tempi, sembra risalga a prima del '600...stupisce per la sua semplicità di ingredienti e perché è così facile da fare...niente robot,... Leggere il seguito

    Da  Ilcuorearrosto
    CUCINA, RICETTE
  • La ricetta... giusta!!!

    ricetta... giusta!!!

    LIQUORE AL CIOCCOLATO (dosi valide per 750 ml) Ingredienti: 100 gr di cioccolato fondente; 3 dl d'acqua; 400 gr di zucchero semolato; 2 dl d'alcool etilico; un... Leggere il seguito

    Da  Debora
    CUCINA, RICETTE
  • La Carbonara Valdostana

    Carbonara Valdostana

    La carbonara valdostana non ha nulla a che vedere, se non il nome con la sua omonima laziale, la prima è infatti un primo piatto di origine alquanto giovane... Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE

Magazines