Magazine Cinema

La profezia dell'armadillo

Creato il 23 febbraio 2014 da Misterjamesford
La profezia dell'armadilloAutore: ZerocalcareOrigine: ItaliaAnno: 2012Edizione: Bao Publishing



La trama (con parole mie): Calcare è un normalissimo ragazzo cresciuto nel quartiere di Rebibbia - famoso per il leggendario mammut, prima ancora che per il carcere -, legato ai suoi sogni di fumettista e all'amicizia con Secco, che conosce dai tempi del liceo.
Spalleggiato da un fido compagno immaginario dalle sembianze di un armadillo, Calcare dovrà metabolizzare la scomparsa dell'amica dei tempi della scuola - se non qualcosa di più - Camille, cercando di vincere la malinconia ed il senso di perdita grazie a massicce dosi di ironia, fantasia a profusione ed uno sguardo assolutamente personale sulle comunissime vicende quotidiane.
La profezia dell'armadillo
Tolto il caso eclatante di Leo Ortolani, esploso ormai un decennio fa con Rat Man ed ancora oggi uno dei fumettisti italiani più seguiti, da tempo mancava, nel panorama delle "nuvole parlanti" nostrano un vero e proprio terremoto in grado di scuotere scenari e fondamenta tutte: a sopperire a questa mancanza è giunto come un fulmine a ciel sereno Zerocalcare, giovane autore che potrebbe essere inserito nella stessa categoria del succitato Ortolani, che durante l'ultimo quinquennio ha raccolto fan e critiche entusiastiche fino ad approdare addirittura in sala, grazie ad un progetto ispirato proprio da questo albo che presto verrà portato sul grande schermo da Valerio Mastandrea.
Fin dall'introduzione - splendida, addirittura più interessante di molti degli episodi narrati nel volume - vengono tessute le lodi di questo disegnatore e sceneggiatore dalla fervida fantasia e dall'ironia spiccata, pronto a prendersi gioco della malinconia con il sorriso seguendo una strada che, di norma, permette a chi la percorre di incassare meglio i colpi che riserva il Destino.Quello, però, che va ridimensionato, è l'eccessivo entusiasmo che ormai ruota attorno al buon Calcare, che amo incondizionatamente per aver debitamente massacrato Malick ed il pippone The tree of life in queste pagine ma che resta decisamente ancorato alla definizione di "carino" più che a quella di "genio", che nell'ambito del fumetto è ristretta, almeno per quanto mi riguarda, ad una manciata di nomi che si contano sulle dita di una mano o poco più.Tutto questo senza nulla togliere a La profezia dell'armadillo, una bella storia in grado di riportare a galla le memorie del sottoscritto dei tempi dei primi albi di Mondo Naif targati Star Comics, divisa in episodi singoli che come tessere di un mosaico finiscono per comporre un affresco decisamente più grande e complesso che tocca argomenti importanti come l'amore, l'amicizia, la morte ed il superamento del dolore.Molto riuscite le rappresentazioni di persone, coscienza e chi più ne ha più ne metta, raffigurate grazie a riferimenti a Musica, Cinema ed immaginario pop, così come alcune intuizioni effettivamente geniali - l'uso ed il significato della profezia dell'armadillo che da il titolo all'intero albo - disseminate tra le pagine: meno dirompente di quanto mi aspettassi, invece, la parte comica, che mi era stata dipinta come irresistibile - roba da sghignazzate in solitaria durante la lettura - ma che perde inesorabilmente il confronto con i primi albi del già citato Rat Man che, all'epoca, ebbi occasione di leggere.Un'esperienza comunque interessante, questa avuta con il lavoro di Zerocalcare, al quale senza dubbio darò altre possibilità e che mi ha dato modo di confrontarmi dopo anni con un prodotto underground italiano a fumetti: una sorta di ritorno al passato dolceamaro che, speriamo, possa essere rappresentato al meglio dalla sua futura controparte figlia della settima arte, senza essere snaturato dal passaggio dalla pagina stampata alla pellicola.
MrFord
"Oggi canto del mio braccio che mi ha tradito 
e del sorriso che non trovo più 
oggi canto del mio amico che mi è morto accanto 
e della sua morosa, che non crescerà."
Tre allegri ragazzi morti - "Ogni adolescenza" - 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La religiosa

    religiosa

    Regia: Guillaume Nicloux Cast: Pauline Etienne, Isabelle Huppert, Martina Gedeck, Louise Bourgoin Francia 1768. La giovane Suzanne (Pauline Etienne) viene... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA, OPINIONI
  • La duchessa

    duchessa

    Una serata a palazzo, nel piano nobile, dietro le mura, le storie del passato concilieranno il sonno? Titolo: La duchessa Cast: Keira Knightley, Ralph Fiennes,... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • La citazione del venerdì

    citazione venerdì

    Su, su, svelti, veloci, piano, con calma, non vi affrettate. Non scrivete subito poesie d’amore che sono le più difficili, aspettate almeno un’ottantina di anni. Leggere il seguito

    Da  Monica
    CINEMA, CULTURA

Magazines