Magazine Cultura

La rabbia dentro (2012)

Creato il 02 aprile 2013 da Sonjli
La rabbia dentro (2012)Una famiglia incasinata, tanti sogni già infranti e una grande rabbia dentro:
Lidia deve confrontarsi con tutto questo in un'epoca, la fine degli anni '70, che la porta sulle piazze a lottare per un'utopia e una bandiera "sotto cui potersi riposare, dopo averla difesa".
Ma proprio il giorno del suo diciassettesimo compleanno comincia un periodo particolare, con incontri, amicizie, altre delusioni ma anche nuovi sogni.
"Sembra che siamo diventati grandi. Non lo so se mi piace. Sono troppo giovane per essere grande ma non possiamo fare altro che andare avanti." 
(Da Amazon con furore)
Con questo post mi tirerò dietro odi e rancori per almeno sette anni. Perché sette? Così, perché il sette mi piace. Ho letto qualche tempo fa un libro consigliato dal solito Iguana che ne parlava indubbiamente bene. Quando ci sono di mezzo libri autoprodotti però ho sempre un dubbio atroce sul leggerli o meno per due semplici motivi:
  1. Di solito leggo libri di amici-de-blogghe e se va a finire che mi fanno schifo la tendenza a scriverne si azzera per paura di attirarmi gli odi e i rancori di cui sopra
  2. Per leggere ci vuole tempo. A me almeno, ce ne vuole parecchio. Quindi tendo ad andare "a colpo sicuro" e il rischio di leggere cose di bassa qualità, con l'autoproduzione, è piuttosto alto
Bene, adesso potete odiarmi e trollare a manetta nei commenti. Grazie. Data la premessa che dovrebbe teoricamente salvarmi dalla sassaiola,  vi parlerò di questo libro, "La rabbia dentro", scritto da Lui Tasini. Il libro parla delle avventure politico-amoroso-giovanili di Lidia.  Politico, perché la Lidia è rossa-rossa-rossa-inside, di quelle che vanno in piazza a protestare contro qualsiasi cosa non cominci con Marx e finisca per -ismo. Ma con la kefiah. Perché negli anni settanta andava così e perché, effettivamente, un pò ci crede.
Amoroso, perché in tutto il casino di quegli anni ci scappa pure la pomiciata, e magari qualcos'altro, con quel "bello e impossibile" che è il Signore di tutti i giovani rossi-rossi-rossi. E poi lui frequenta il Classico. Vedi che roba. Giovanile, perchè in realtà questo romanzo parla di giovani. Giovani veri che cercano di diventare grandi e lo fanno nell'unico modo che conoscono: urlando. E questo è il vero cuore della storia. Gli anni settanta che fanno da sfondo potrebbero essere gli ottanta o i novanta, non cambierebbe poi molto. L'importare è combattere per quello che si crede e magari imparare a diventare grandi davvero. Ma insomma, sto romanzo ti è piaciuto o no? Beh, devo essere sincero, il mio genere è completamente agli antipodi e in alcuni punti mi sono un pò annoiato. La paura di mettermi a leggere una Mocciata era immensa, invece alla fine ho letto una bella storia che farò leggere anche a mio figlio tra qualche anno, perché qui dentro ci sono argomenti forti trattati con la giusta leggerezza, nel senso buono del termine, competenza e grande passione. E poi mia moglie lo ha già voluto nel suo Kindle. Bene. Ho finito di essere serio. Chi sta leggendo queste due righe probabilmente non sa che dietro a questa recensione ci sta una scommessa: se il libro non mi fosse piaciuto "qualcuno" mi avrebbe pagato una birra; in caso contrario niente. Forte, no? Tutto da guadagnare. Ma sono un cavaliere e la birra gliela pago io, alla Lui. Primo perché è davvero una tipa tosta e simpatica, per quel poco che ho potuto scoprire sul blog dell'Iguana, e poi perché... ehm... perché... ma si, dai! Il libro è valido e merita di essere letto. Brava Lui, continua così. Pensa che questa è la prima lettura "d'amore" che ho preso in mano da, tipo venticinque anni, e l'ultima credo fossero "I promessi sposi" alle medie.
Adesso lo dovete leggere anche voi, altrimenti che marchettagrande recensione sarebbe? Lo potete comprare qui ad un prezzo esorbitante!
P.S.: Oh, Lui, nel prossimo lavoro, però, voglio almeno uno zombie, un criminale psicopatico o qualche astronave, eh!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La discesa dei luminosi

    discesa luminosi

    "La discesa dei Luminosi" di Provenzi, Loiacono.UN FANTASY COINVOLGENTE, AVVENTUROSO, MISTERIOSO E IN PARTE ANCHE DISTOPICO!“Damon non approvava la scelta dei... Leggere il seguito

    Da  Francesca Ghiribelli
    CULTURA, LIBRI
  • la casa editrice Barta

    grazie ad un amico siamo giunti ad un contatto con Andrea Settis Frugoni, neo editore per i tipi di Barta. Il suo progetto editoriale è molto interessante,... Leggere il seguito

    Da  Atlantidelibri
    CULTURA, LIBRI
  • Posta per la Locanda #3 - La bambinaia

    Posta Locanda bambinaia

    Buongiorno miei affezionati lettori e bentornati alla Locanda dei Libri, sono davvero felice di essere di nuovo qui con voi! Le mie vacanze sono finite ed è... Leggere il seguito

    Da  Clody
    CULTURA, LIBRI
  • Come trovare la gioia?

    Come trovare gioia?

    Autore: La RedazioneGio, 29/08/2013 - 10:30 Per trovare gioia, energia e libertà è importante sviluppare la capacità di superare i sensi di colpa, la vergogna... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • La vita

    vita

    Forse l’esplosione di una stella, un puntino di luce in mezzo all’erba. E poi. Poi il mistero della vita che si fa raggio e moltiplicazione, matematica e sogno... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI
  • La memoria dell’acqua: la parola agli autori

    memoria dell’acqua: parola agli autori

    Ecco un estratto dell’intervista agli autori de La memoria dell’acqua, Mathieu Reynès e Valérie Vernay, pubblicata su Actua BD: La prima cosa che affascina del... Leggere il seguito

    Da  Tunué
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La vecchina zoppa

    vecchina zoppa

    Martedì 16 Aprile 2013 20:52 Scritto da Silvana Cionfoli Corvino C'era una volta una vecchietta zoppa che andava mendicando per le vie. Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI

Magazines