Magazine Opinioni

La statistica serve a qualcosa

Da Wanderer @Inneres_Auge
La statistica serve a qualcosa 
Gli ebrei sono i meno segaioli. Una donna ebrea su cinque non si è mai "pastrugnata" come direbbe la mia amica Setarossa. Quel che tuttavia mi ha colpito è la parità tra atei e cristiani, atee e cristiane. Ora, io devo pensare che siano stati intervistati 11178, 57 agnostici, atei, cristiani ecc, quindi il campione è equamente distribuito (non è che hanno intervistato ventimila buddisti, per dire..). Le donne agnostiche sono quelle che meno affermano di non essersi mai masturbate ovvero sono quelle che godono più spesso da sole. E guardate che i maschi buddisti si masturbano più spesso dei maschi agnostici! Certo si può fare molta conclusione dato che il grafico può essere letto in due modi; cioè meno persone ci sono che dicono (dice che...) di non essersi mai masturbate e viceversa più sono quelle che implicitamente ammettono di ricorrere al sesso fai da te. S'è capito, peccato che quei geni del settimanale L'Espresso che hanno tradotto alla cazzo il testo del grafico da cui quindi risulta che gli ebrei sono quelli che dichiarano di masturbarsi più spesso. Evidentemente per il settimanale lavorano molti seguaci di questa religione oppure chi ha tradotto era troppo impegnato a registrarsi su Youporn.
Vengo al nocciolo della questione. Cosa vuol dire questa scarsa percentuale di cristiani che non si sono mai masturbati ammesso di poter estendere il risultato a tutti i fan di Cristo? Vuol dire che nonostante i secoli di bigottismo, inquisizioni, perquisizioni, pregiudizi, encicliche papali, prediche dei vari Don Mattei e vari lavaggi con risciacquo dei cervelli, i poteri clericali non sono riusciti a sconfiggere l'istinto animale!  Ci hanno provato ma non ce l'hanno fatta e forse si sono pure ricreduti, magari il buon Bagnasco è lì che smanetta su Penthouse. Per questa volta mi complimento con i cristiani: andate e diffondete il verbo di Onan.
Clamoroso: ne parla anche Cunny! 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines