Magazine Cinema

“La storia di Jack e Rose”

Creato il 04 maggio 2010 da Cinemaleo

2005: The Ballad of Jack and Rose di Rebecca Miller

“La storia di Jack e Rose”
 
“La storia di Jack e Rose”

Presentato al Sundance e al 55° Festival di Berlino (ma non solo), mai distribuito nelle sale italiane.

Certo che gli sceneggiatori hollywoodiani non si sa proprio dove vadano a trovare le loro storie… E’ il primo pensiero che viene alla visione di questo film dove tutto appare (almeno per chi americano non è) assurdo e non probabile: dal racconto ai personaggi. Alla fine però pensi che forse La storia di Jack e Rose vuole essere solo una metafora, un requiem degli anni 60-70 e dei figli dei fiori: un’epoca piena di ideali speranze illusioni… tutto miseramente fallito, almeno secondo il film. Ma forse la metafora è sulla famiglia e la sua crisi, sull’impossibilità di un rapporto corretto ed equilibrato tra le diverse generazioni… Potrebbe anche essere la metafora dell’incontro-scontro tra ieri e domani, tra utopia e realtà, tra chi rimpiange il passato e chi è proiettato decisamente verso il futuro. Ogni spettatore darà la sua interpretazione a questo strano film, certamente interessante, ma che non risulta particolarmente gradevole e comprensibile.

Rebecca Miller (moglie del protagonista, nonché figlia del celebre Arthur) mostra abilità come regista (questo è il sue terzo film): ha senso del ritmo, utilizza al meglio la macchina da presa, sa come valorizzare paesaggi e attori. Come sceneggiatrice soddisfa di meno.

Plauso incondizionato agli interpreti. Daniel Day-Lewis offre ancora una volta una dimostrazione delle sue capacità camaleontiche: tra i più grandi attori attualmente in circolazione, sa come affrontare ogni tipo di personaggio e regalare agli spettatori sempre prestazioni di altissimo livello. Camilla Belle, in altri film deludente, evidenzia qui notevoli doti interpretando con bravura un ruolo non certo facile. Catherine Keener conferma di essere una delle migliori caratteriste di Hollywood, ma non solo (giustamente ha ricevuto vari riconoscimenti per la sua performance in questo film).

p.s.

Una chicca: le canzoni di Bob Dylan costituiscono la colonna sonora del film

scheda 

premi e riconoscimenti


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • ZANNA BIANCA - Jack London - 1906

    ZANNA BIANCA Jack London 1906

    Siamo nel territorio canadese dello Yukon alla fine del XIX secolo. Un gruppo di lupi sta seguendo la slitta di due uomini in mezzo alla foresta. Da due di... Leggere il seguito

    Da  Maddina13
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Jack ... Underground di uno Squartatore !

    Jack Underground Squartatore

    domenica 18 luglio 2010 alle ore 20.00 all'Anfiteatro Romano di Terni debutterà un nuovissimo musical!!!Autore: Diego MecchiDirezione Artistica: Mariagrazia Di... Leggere il seguito

    Da  Teatrochepassione
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Rose

    Rose

    di Ilaria Seclì  Ho scordato le rose sul treno. C’era una musica lenta e aspra, di limoni inaciditi e di sansa. Porto sul vestito a fiori il sorriso e la... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA
  • I giorni del tè e delle rose

    giorni delle rose

    ESCE IN LIBRERIA LA RISTAMPA DI I GIORNI DEL TE' E DELLE ROSE, di Jennifer Donnelly, EDIZIONE SONZOGNO. 1888. Quartiere di Whitechapel, Londra. Una città nella... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • "All work and no play makes Jack a dull boy"

    "All work play makes Jack dull boy"

    Nell'immaginario collettivo ci sono alcuni personaggi che sono sinonimo di paura. Senza perdere tempo, facciamo un salto nel passato per ricordarci di alcuni de... Leggere il seguito

    Da  Wordsinsound
    CULTURA, MUSICA
  • Tara Degl’ Innocenti-The Rose

    Tara Degl’ Innocenti-The Rose

    In occasione della finale del "Premio Janis Joplin" ho recentemente apprezzato la musica di tre giovani artiste:http://athosenrile.blogspot. Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Jack "Pioneer Soundtracks"

    Jack "Pioneer Soundtracks"

    Piero Scaruffi può dire quello che vuole (e lo leggete sotto), ma questo per me rimane un disco incantevole. Partiamo da una base Tindersticks e poi....pronti a... Leggere il seguito

    Da  Martelloide
    CULTURA, MUSICA