Magazine Cultura

La voce delle cose – Carla de Falco

Da Clindi

“(…) non è arte, è una sommessa apocalisse

d’abisso formidabile

e vati oscuri.

In qualche modo

è tra i misteri più duri.”

Con questi versi, tratti dalla poesia che apre la raccolta “La voce delle cose”, Carla de Falco si presenta al lettore nella sua veste più artistica e intima: “ Nelle parti più remote del mondo /nelle pagine d’appendice / c’è un poeta triste”.

La poesia si veste dei suoi abiti più veri e ci racconta di lei, del suo compito e degli strumenti che utilizza. Un mondo di colori, odori, voci e fotografie, mantenuto sveglio dai giochi di ombre di ogni anima umana. La de Falco si fa quindi portavoce di una realtà per nulla passiva, che esprime se stessa giocando con i misteri, i sussulti e i simboli.

La raccolta si apre con l’ “Ouverture” nella quale l’autrice ci offre un “dono” disinteressato e non famelico di gradimento, ma memore di glorie poetiche passate, che si nutrono dell’eternità che hanno conquistato.

“e quando i poeti ancora avevano / la forza della tigre nell’atto della caccia / con il soffio della speranza tra le vele / abbagliavano di luce l’orizzonte. (…)”

(Continua a leggere)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines