Magazine Cultura

Le cose misteriose della Byatt...

Creato il 13 ottobre 2011 da Omar
Scrittrice nonché critica letteraria britannica, Antonia Susan Byatt è universalmente nota per il romanzo Possessione, trasposto anche in una pellicola di buon successo del 2002 con Gwyneth Paltrow come protagonista. Con la raccolta di racconti intitolata in Italia La cosa nella foresta, l'autrice ci propone una serie di short-stories dalla impostazione leggermente discostante rispetto alla consueta allure di stampo marcatamente inglese degli altri suoi lavori. Le cose misteriose della Byatt...Con questo volume infatti la Byatt preferisce pigiare sul pedale del perturbante (guardando, se possibile, ancor di più al suo nume Henry James) per dar vita ad un sapiente intreccio di fobie ancestrali e spaventi domestici. Nel racconto che da il titolo al libro, sullo sfondo di una Londra devastata dalla guerra mondiale, due bambine sfollate in una enorme dimora di campagna si addentrano in un bosco dove - paralizzate dal terrore - scorgono una cosa mostruosa (forse immaginaria, sicuramente innominata) che segna inesorabilmente la loro esistenza. Da adulte, le ragazzine torneranno a visitare il bosco confrontandosi con la terrificante esperienza. In Body Art, negli scantinati di un ospedale si annida un'inquietante collezione di mirabilia anatomiche, nel bel mezzo della quale si aggira la tormentata protagonista cercando di mettere a fuoco una opera d'arte (e, al contempo, di portare a termine una scomoda gravidanza). Nel racconto a seguire, Una donna di pietra, si narra d'un corpo femminile che perde la sensazione del tatto, tramutandosi via via in una creatura di roccia intarsiata di pietre preziose, una gabbia di spigoli grezzi da cui si libererà solo perdendosi nei paesaggi brulli del cuore dell'Islanda. Materiale grezzo è invece un racconto sull'arte di scrivere, che inizia rivelando che la migliore allieva di un frustrato insegnante di scrittura creativa è in realtà - con grande sorpresa di tutti - un'anziana signora dalle impressionanti capacità evocative.Le cose misteriose della Byatt... Il nastro rosa chiude la raccolta con una ripresa dei temi della vecchiaia e della memoria (non è difficile ravvisare nel personaggio malato di Alzheimer la scrittrice Iris Murdoch, alla cui turbinosa esistenza intellettuale la Byatt rende qui un esplicito omaggio), sui quali s'innesta lo spettro sempre affascinante del revenant. Questi cinque affondi nel macabro esprimono integralmente la volontà di una narratrice mai doma, che non si adagia sugli allori del successo raggiunto ma che invece scava ancora, sempre alla ricerca di nuovi percorsi del narrare. Appesi tra tran-tran quotidiano e speculazione onirica, i racconti costituiscono una raccolta vivace, pregna di suggestioni disturbanti ma anche di acuminati sguardi sulla condizione umana. Una lettura insomma necessaria. La cosa nella foresta - A. S. Byatt (Ed. Einaudi)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le Braci

    Braci

    Libro: Le Braci, di Sándor Márai. Lettrce: Ragazza, sui 25 ani. Capelli scuri, lisci, sciolti sulle spalle. Vestiva un abito nero a fiori rossi, vagamente... Leggere il seguito

    Da  Librimetro
    CULTURA, LIBRI
  • Le “impiraresse”

    “impiraresse”

    “Maria! Tina! Zanze(Angela)! Rosina…“ I nomi risuonano allegri e veloci nel campiello ancora ombroso di prima mattina, la bionda, la morettina e quella sempre... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI
  • Le vacanze

    vacanze

    Avevo in mente di scrivere su due argomenti, uno sulla scia dell’analisi di Marcuse sullo spostamento della produzione verso il Sud del mondo, l’altro sulle... Leggere il seguito

    Da  Monsieurenrouge
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Le pornographe

    pornographe

    Dopo 16 anni il regista di film porno Jacques Laurent torna a girare, ma le cose sono irrimediabilmente cambiate…La provocazione è pane per i denti di Bertrand... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Le parc

    parc

    Ideato nel 1994, il balletto Le parc di Angelin Preljocaj è entrato stabilmente nel repertorio del Ballet de l’Opéra de Paris, così come altri successivi... Leggere il seguito

    Da  Pioggiadinote
    CULTURA, DANZA, PALCOSCENICO
  • Le Sirene

    ...Alle Sirene giungerai da prima,Che affascinan chiunque i lidi loroCon la sua prora veleggiando tocca.Chiunque i lidi incautamente afferra Delle Sirene, e... Leggere il seguito

    Da  Ladridibellezza
    CULTURA, OPINIONI
  • Le Roy

    Le Roy è la singolare fusione trono / credenza creata da AL & JO per l’autunno / inverno 2011. La parte centrale è composta da un’anta con unico ripiano... Leggere il seguito

    Da  Aljo
    ARTE, CULTURA

Dossier Paperblog

Magazine