Magazine Opinioni

Le giuste corde

Creato il 14 novembre 2013 da Francosenia

Mary Ann Vecchio screams as she kneels over the body of fellow student Jeffrey Miller during an anti-war demonstration at Kent State University, Ohio, May 4, 1970. Four students were killed when Ohio National Guard troops fired at some 600 anti-war demonstrators. A cropped version of this image won the Pulitzer Prize.

L'anno è il 1970, di maggio, il luogo è Los Angeles, il Bitter End West, per la precisione. E' ancora solamente il tardo pomeriggio e Michey Newbury, in cartellone per la serata, sta discutendo con David Steinberg. E' di pochi giorni la notizia che quattro ragazzi sono stati uccisi dalla guardia nazionale che ha aperto il fuoco sugli studenti radunatisi per protestare contro l'invasione della Cambogia. La voce di Neil Young si era già alzata, a dare voce a tutti quei ragazzi dell'altra America.

trilogy OhioSingle

La discussione si fa animata quando si comincia a parlare di canzoni, di musica. Il country, di cui Newbury è uno dei rappresentanti, sembra lontano da quelle rivendicazioni, più vicino ai Nixon che ai neri che protestano nelle scuole del sud contro la segregazione razziale. Per esempio, il vecchio inno sudista, Dixie, suonato dalle bande scolastiche in apertura e in chiusura delle gare sportive, ora viene contestato apertamente - argomenta Steinberg. Ma Newbury non è affatto d'accordo, non c'è niente che possa rendere una canzone come quella patrimonio dei segregazionisti - ribatte. Poi, si sofferma a ricordare come fosse stato proprio Lincoln a far suonare quella canzone sui gradini della Casa Bianca proprio il giorno della fine della guerra civile. Quella non è affatto una canzone razzista, incalza, anzi - sai che ti dico - stasera la voglio proprio suonare!
Quindi, va ad avvertire il proprietario del locale, Paul Colby. Ci potrebbero essere contestazioni, forse è meglio lasciar perdere - cerca di convincerlo, Colby. Ma Newbury è irremovibile: "e tu, chiama le squadre antisommossa!"
Tra il pubblico, per la serata ci sono Joan Baez, Odetta, Cass Elliot dei Mama's and Papa's. Arrivò, ad un certo punto, anche Barbara Streisand che, rivolta a Kris Kristofferson, cercava di convincerlo ad andare da qualche altra parte, ma Kris insistette perché rimanessero. Non aveva torto.
Newbury attacca con la chitarra il tema di Dixie, rallentato e arpeggiato quasi fino a renderlo irriconoscibile. Poi, la voce sommessa comincia, struggente e quasi ossessiva ...

Oh I wish I was in the land of cotton
Old things they are not forgotten
Look away, look away, look away Dixieland
Oh I wish I was in Dixie, away, away
In Dixieland I take my stand to live and die in Dixie
Cause Dixieland, that's where I was born
Early Lord one frosty morning
Look away, look away, look away Dixieland

Non si sente più alcun altro suono per tutta la sala. Odetta, la famosa folk-singer nera, rimane seduta in prima fila con le lacrime agli occhi. Mickey Newbury alza la testa e la vede. E' un tutt'uno, guardarla e proseguire con la canzone di quelli che stavano, stavolta, dalla parte giusta ...

Glory, glory hallelujah
Glory, glory hallelujah
Glory, glory hallelujah
His truth is marching on

Solo, appena un lampo. Poi, dopo, conclude la sua trilogia americana con i versi e le note di una ninna nanna, All my Trials, la ninna nanna degli schiavi giamaicani, la canzone che era stata adottata dal movimento dei diritti civili, cantata da Pete Seeger e da Joan Baez. "Taci bambina non piangere ..."

So hush little baby
Don't you cry
You know your daddy's bound to die
But all my trials, Lord will soon be over

Alla fine, sono tutti in piedi ed applaudono. Ha avuto ragione, Mickey Newbury, ed ha toccato le corde giuste. Lo ha fatto, come sapeva fare Woody Guthrie, prima di lui, e come saprà fare Bruce Springsteen, dopo di lui.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le sembianze di Calderoli

    sembianze Calderoli

    «Quando vedo le immagini della Kyenge non posso non pensare, anche se non dico che lo sia, alle sembianze di orango», questa l’inqualificabile dichiarazione –... Leggere il seguito

    Da  Giulianoguzzo
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Le classi e le lotte

    classi lotte

    Oltre la lotta di classe di Robert Kurz Quando si parla di "classe" e di "lotta di classe", ai marxisti tradizionali viene una lacrima all'occhio. Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Le stupide fan di Putin

    stupide Putin

    Leggevo in giro tra una pagina feisbuk e un blog che la millenaria Cher si è rifiutata di fare un mega concertone coi controcojoni per la cerimonia di apertura... Leggere il seguito

    Da  Halfblood
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Le Quattrocento Tasse

    Quattrocento Tasse

    L’idea è molto semplice: i consumatori spendono cifre elevate (dell’ordine delle centinaia di euro) per l’acquisto di smartphone e tablet? Benissimo: tassiamoli! Leggere il seguito

    Da  Ilbocconianoliberale
    ECONOMIA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • LE BRAGHE DI MICHELANGELO #rinascimento #censura #controriforma

    BRAGHE MICHELANGELO #rinascimento #censura #controriforma

    Accanto all’ammirazione di tanti dei privilegiati ammessi alla visione in corso d’opera, il Giudizio finale di Michelangelo, ancor prima d’essere portato a... Leggere il seguito

    Da  Albertomax
    ATTUALITÀ, OPINIONI, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Le candele votive accese a Berlino

    candele votive accese Berlino

    C’è da rabbrividire a leggere certi quotidiani nostrani che sulla sola base dell’incidente dei liberali, fuori dal Parlamento tedesco, vaneggiano di una Merkel... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    OPINIONI, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Guerra in Siria: le armi in campo

    Guerra Siria: armi campo

    Mentre l’attenzione dei media internazionali è concentrata sui fatti di Crimea, in Siria continua ad imperversare la guerra civile. Anche la seconda sessione... Leggere il seguito

    Da  Bloglobal
    OPINIONI, POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ