Magazine Consigli Utili

Le numerose proprietà benefiche dell’origano

Da Dietainforma @espriweb

25 novembre 2013 17:01 Sara Alimenti naturali salutari e curativi

proprietà antiossidanti proprietà antibatteriche proprietà anti infiammatorie origano
L’origano non è solo un’ottima spezia, ma è anche una pianta ricca di proprietà benefiche. Esso, infatti, è famoso sin dall’antichità per le sue proprietà antibatteriche ed antiossidanti. L’origano può essere utilizzato per trattare disturbi delle vie respiratorie, disturbi gastrointestinali, disturbi del tratto urinario e dolori mestruali. Può anche essere applicato localmente per contribuire a trattare una serie di malattie della pelle, come l’acne e la forfora. Questa pianta, oltre a contenere molte sostanze importanti, quali le fibre, il ferro, il manganese, la vitamina E, il calcio, gli acidi grassi omega, il manganese ed il triptofano, è anche una fonte ricca di vitamina K, una vitamina che promuove la crescita ossea, il mantenimento della densità ossea e la produzione di proteine per la coagulazione del sangue, e di antiossidanti. Questi ultimi aiutano l’organismo a proteggere le cellule dagli effetti dei radicali liberi ed a migliorare la sua capacità di combattere le infezioni. L’origano è anche un potente antimicrobico, in quanto contiene un composto chiamato carvacrolo, e anti-infiammatorio, in quanto contiene il beta-cariofillene, che risulta utile contro alcune malattie, come l’osteoporosi e l’arteriosclerosi. Alcuni ricercatori hanno scoperto che questa pianta è addirittura in grado di proteggere l’organismo dal cancro perché incoraggia l’arresto del ciclo cellulare e l’apoptosi. Secondo alcuni scienziati, esso può contribuire a rallentare o prevenire la progressione del cancro al seno. L’origano può essere anche utilizzato per trattare problemi di freddo, dolori muscolari, bronchiti, mal di denti, gonfiori, mal di testa, problemi cardiaci, allergie, parassiti intestinali, mal di orecchie, stanchezza, crampi muscolari e per allontanare gli insetti. Alcune di queste affermazioni, però, necessitano ancora di qualche altra conferma scientifica.

http://www.medicalnewstoday.com/articles/266259.php

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :