Magazine Cucina

Le origini del Braulio: a Bormio visite guidate alle cantine dell’amaro

Da Lilimadeleine

Le origini del Braulio: a Bormio visite guidate alle cantine dell’amaroNel mio personalissimo olimpo degli amari, ce n'è uno che regna sovrano: il Braulio (seguito dall' Amaro del Capo. Del Cynar, invece, adoro la pubblicità mentre il Fernet ...no, troppo amaro!).

Fidato compagno di pranzi e cene luculliane, amico al quale affidare la propria digestione, persino ingrediente - all'occorrenza - da mettere nella grolla e al raduno degli Alpini: sul Braulio si può sempre contare.

E anche passeggiare: se state gironzolando per Bormio, in Valtellina, molto probabilmente state camminando qualche metro sopra le grandi botti di rovere dove l'amaro riposa almeno due anni.

Perché nel centro storico di Bormio, o meglio nei cunicoli sotto le case del centro che un tempo servivano gli abitanti per fuggire in caso di invasione nemica, 140 anni fa è nato il Braulio. E ancora oggi qui viene prodotto dalle Cantine Peloni (in via Roma).

Le origini del Braulio: a Bormio visite guidate alle cantine dell’amaro

Cantine che per tutta l'estate, fino al 4 settembre, saranno visitabili gratuitamente: ogni martedì e venerdì alle 17, infatti, partono tour guidati per scoprire tutto sulle origini del Braulio.

Le origini del Braulio: a Bormio visite guidate alle cantine dell’amaro
Tranne la ricetta, scoperta nel 1875 dal farmacista Francesco Peloni (ah i bei tempi nei quali i farmacisti scoprivano di tutto, dalla Coca Cola agli amari!), valtellinese doc e appassionato di montagna.

Proprio sul Monte Braulio, lo scienziato raccolse erbe e piante officinali che, miscelate con altri ingredienti, costituiscono la ricetta dell'amaro, tuttora rimasta segreta. Quel che si conosce, sono le quattro essenze principali: achillea moscata, bacche di ginepro, assenzio e radici di genziana.

Se la storia del Braulio e la sua produzione vi interessano, prenotatevi per una visita guidata gratuita: potete farlo direttamente al negozio Braulio in via Roma 27 oppure chiamando lo 0342 903406.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Contest Le intolleranze? Le cuciniamo!

    Contest intolleranze? cuciniamo!

    Un mesetto fa circa mi è stato chiesto di aiutare nell’organizzazione di un contest molto speciale dedicato al mondo del “Free”. Nichel-free, Gluten-free,... Leggere il seguito

    Da  Missmou
    CUCINA, RICETTE
  • Le Tentazioni…

    Tentazioni…

    …Sono ovunque: appostate dietro al banco di un gelato che non dovremmo mangiare, infilate in un paio di scarpe che al momento non ci possiamo permettere,... Leggere il seguito

    Da  Morgatta
    LIFESTYLE, MODA E TREND, PER LEI
  • Le Castagne

    Castagne

    La castagna è il frutto del castagno e deriva dai fiori femminili racchiusi da una cupola che poi si trasforma in riccio.Come tutti gli alimenti di origine... Leggere il seguito

    Da  Una Favola In Tavola
    CUCINA, RICETTE
  • Le mani

    mani

    Quando ho visto questa foto (già pubblicata) ho cercato di ritagliarmi un dieci minuti per mettere ordine là, dove tutto era confuso, presente, ma confuso. Leggere il seguito

    Da  Benben73
    HOBBY, LIFESTYLE
  • Le sebadas

    sebadas

    sono il dolce della tradizione pastorale sarda; consistono in i grossi ravioli di sfoglia che racchiudono un ripieno di pecorino o formaggio molle e sono... Leggere il seguito

    Da  Laghezzi
    CUCINA, RICETTE
  • Le acciughe al verde

    acciughe verde

    sono un antipasto tipico Piemontese, dove il pesce azzurro si sposa con una salsina detta "bagnet" fatta di prezzemolo, aglio, peperoncino e olio. Leggere il seguito

    Da  Simba72
    CUCINA, RICETTE