Magazine Cultura

Le Prix de rester humain di Azam Hadj Heydari

Creato il 20 gennaio 2011 da Sulromanzo

Le Prix de rester humainGli editori francesi: un grido dall'Iran.

“Nel momento in cui mi condussero all'interno del caseggiato, nella camera delle torture, udii il grido di una bambina di cinque o sei anni. Quando fui più vicino mi accorsi che piangeva, perché vedeva frustare sua madre.

Il carnefice continuava a dirle: 'quando mi dirai il nome di tua madre, smetterò di colpirla'. La piccola disse: 'Fatemeh', che era il proprio nome.

Non disse il nome di sua madre. Allora furono trasferite nella sezione 209.”

 

L'editore francese Jean-Claude Gawsewitch nella collana “Il grido” (Coup de Gueule) ha pubblicato nel giugno scorso “Le Prix de rester humain” della scrittrice iraniana Azam Hadj Heydari.

 

“Il prezzo per restare umani” è una storia autobiografica narrata in prima persona. È una testimonianza audace, scritta con un linguaggio piano, ma intenso e schietto. I fatti raccontati, dolorosi e scandalosi, emergono tra i paragrafi senza inciampo.

Certe atmosfere ricordano da vicino i campi di sterminio nazisti.

Azam Hadj Heydari comunica con equilibrio la feroce indifferenza dei carnefici, la loro soddisfazione di seviziare in nome di un fanatismo religioso. Spesso i personaggi, gli ambienti, gli episodi ci destabilizzano, perché la nostra mente è avvezza ad un altro tipo di violenza e ad un altro tipo di comunanza.

 

Per comprendere ciò che rivela la storia di Azam dobbiamo aprirci ad un altro sentire e dare peso allo spirito più democratico dell'Iran e dell'islam.

 

Quello narrato in “Le Prix de rester humain” è il percorso di emancipazione spirituale e intellettuale di una donna. È un cammino di scelte coraggiose per la propria vita e per la democrazia di un paese, l'Iran, soffocato da secoli di dittature teocratiche: gli Scià, Ruhullah Musavi Khomeini e oggi Mahmud Ahmadinejād.

 

Azam Hadj Heydari suddivide il libro in cinque parti, che sono le tappe della sua libertà e del suo riscatto.

Descrivendo la sua ribellione nei confronti del padre e dei fratelli, rivela come gruppi religiosi fanatici manipolino le menti, specialmente quelle degli uomini, portandoli piano piano ad un disprezzo profondo per la vita e per il prossimo.

La scrittrice mostra un mondo familiare dove i sentimenti naturali, quali l'amore e la solidarietà, sono così fortemente repressi che non vengono più sentiti e tanto meno esternati.

Gli uomini col tempo raggiungono un'a-sensibilità totale a causa di una distorsione delirante della religione.

Vediamo Azam opporsi a qualsiasi manipolazione e dare inizio al suo cammino di ricerca.

Incontra il movimento dei Mujaheddin, dove trova un ambiente aperto e altre donne che vivono la sua stessa condizione e i suoi stessi ideali. Diventa lei stessa una Mujaheddin e, impegnandosi su quel versante, le si apre un nuovo orizzonte.

 

È necessario distinguere i Mujaheddin dell'Iran dai Mujaheddin dell'Afghanistan. I primi sono un movimento creato dai seguaci del leader democratico iraniano Mohammed Mossadeq, mentre i secondi sono un gruppo terroristico legato ad Al-Qa'ida.

 

Azam Hadj Heydari partecipa alle attività dei Mujaheddin, fino a che non viene catturata dai Pasdaran di Khomeini e rinchiusa nel carcere per più di cinque anni in condizioni terribili.

Le pagine dedicate alla prigionia sono piene di sentimenti autentici e profondi.

La sera i prigionieri facevano dei giochi per non perdere la lucidità e per sostenersi emotivamente. Descrivevano le città, i villaggi, le strade per tenere viva la memoria.

 

“Ella mi disse: 'Azam, se un giorno sarai liberata non dimenticare la città di Kerman, non perdere la sua notte piena di stelle'

poi mi abbracciò forte e se ne andò… durante la notte udii gli spari… ogni notte numerosi prigionieri venivano fucilati”.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • “Le acrobate”

    acrobate”

    1997: Le acrobate di Silvio Soldini Uno dei più bei film italiani (e non solo) degli ultimi tempi. Accostato più volte ad Antonioni per lo stile asciutto, Silvi... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Le "paroline"

    "paroline"

    I miei studenti si lamentano sempre di avere problemi con le PAROLINE italiane. Con paroline intendono sia le preposizioni ed i pronomi, sia tutte quelle... Leggere il seguito

    Da  Scuolasara
    CULTURA
  • Le Vent.

    Fra cap’e collo, su Ponte Mollobada, te s’arza la sottanasta ariva’ la tramontanaFra cap’e colloSu Ponte MolloTiettelo stretto er foularinoNon è mica er... Leggere il seguito

    Da  Vix
    CULTURA, MUSICA
  • Le iene

    iene

    Regia: Quentin TarantinoAnno: 1992Voto: 8/10Pagina di IMDBPagina di I Check Movies Sì, ormai è risaputo, su Tarantino devo ricredermi. Mi piace. Anche nella... Leggere il seguito

    Da  Vomitoergorum
    CINEMA, CULTURA
  • Le Congiunzioni

    Congiunzioni

    Per i primi due anni di scuola Primaria ci siamo limitati a presentare agli alunni le congiunzione e ed o, evidenziando per la prima la funzione della e che... Leggere il seguito

    Da  Maestrarosalba
    CULTURA, FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Le Passanti

    Passanti

    Venerdí scorso in concomitanza con l'inaugurazione dello spazio Stalloni54 a Reggio (Ex Stalloni, Via Dante Alighieri 11), ha preso vita "Le Passanti", mostra... Leggere il seguito

    Da  Mery12
    CULTURA, FOTOGRAFIA, LIFESTYLE
  • Le mummie

    mummie

    Più passa il tempo più mi rendo conto di quanto sia valsa la pena comprare questi tre libri:Ieri, incuriosito dalle immagini di un cartone, Edo mi ha chiesto... Leggere il seguito

    Da  Eramegliounpescerosso
    LIBRI