Magazine Cultura

Le Sirene

Creato il 29 novembre 2011 da Ladridibellezza
...Alle Sirene giungerai da prima,
Che affascinan chiunque i lidi loro
Con la sua prora veleggiando tocca.
Chiunque i lidi incautamente afferra
Delle Sirene, e n'ode il canto, a lui
Nè la sposa fedel, nè cari figli
Verranno incontro su le spoglie in festa.
Le Sirene sedendo in un bel prato,
Mandano un canto dalle argute labbra,
Che alletta il passeggier: ma non lontano
D'ossa d'umani putrefatti corpi
E di pelli marcite, un monte s'alza.
Tu veloce oltrepassa, e con mollita
Cera de' tuoi così l'orecchio tura,
Che non vi possa penetrar la voce.
Odila tu, se vuoi; sol che diritto
Te della nave all'albero i compagni
Leghino, e i piedi stringanti, e le mani;
Perchè il diletto di sentir la voce
Delle Sirene tu non perda. E dove
Pregassi o comandassi a' tuoi di sciorti,
Le ritorte raddoppino ed i lacci.
Poichè trascorso tu sarai, due vie
Ti s'apriranno innanzi; ed io non dico,
Qual più giovi pigliar, ma, come d'ambo
ragionato t'avrò, tu stesso il pensa.
Questi sono alcuni versi tratti dal canto XII dell'Odissea di Omero, qui Circe mette in guardia Ulisse  dalle Sirene e gli dà consigli per resistere al loro canto che porta tutti coloro che lo ascoltano a morte certa.
 Ogni volta che mi accosto a questo poema mi sento rapita nella sua trama e mi sembra di rivivere la storia in prima persona, immediatamente però non posso fare a meno di ricordare il famoso sceneggiato televisivo realizzato da Franco Rossi  con Bekim Femhiu e Irene Papas che ho avuto la fortuna di vedere nel lontano 1969.
All'epoca ero una bambina ma lo ricordo nei minimi particolari e ancor oggi, secondo me,  esso risulta migliore di tanti altri modernissimi film sull'Odissea così pieni di straordinari effetti speciali.
La straordinarietà di quello sceneggiato, però, fu soprattutto  la preziosa partecipazione del grande poeta Giuseppe Ungaretti che leggeva alcuni versi del poema all'inizio di ogni puntata, ricordo perfettamente la sua voce vibrante e intensa che riusciva ad incantarmi tanto quanto la storia stessa.
Ricordo le domeniche davanti al televisore in attesa dello sceneggiato che per quei tempi era all'avanguardia per effetti speciali che oggi sicuramente faranno sorridere ma  appena appariva l'immagine di Ungaretti tutti ci fermavano quasi a trattenere il fiato e ci lasciavamo rapire dalla sua interpretazione.
Ho cercato invano il video di Ungaretti che legge l'Odissea ma nemmeno nelle teche rai ne rimane traccia invece lo sceneggiato, se vi interessa, è in circolo su youtube ed è possibile  scaricarlo da emule ma purtroppo senza quella preziosa prefazione.
Per consolazione, si fa per dire, voglio riportare la bellissima intervista che Pier Paolo Pasolini fa al M°Ungaretti sulla "normalità"

L'ispirazione nello scrivere, che io ritengo oramai persa, questo post l'ho avuta mentre ho in studio  uno dei Notturni per sole voci femminili e orchestra "Sirènes"  di Claude Debussy , raffinato compositore e pianista  considerato uno dei massimi esponenti dell'Impressionismo Francese.
In questo notturno le voci femminili si intrecciano con gli strumenti dialogando in modo seducente e il continuo movimento dei colori sonori evoca all'ascolto immagini sensuali di code che schiaffeggiano l'onde e spruzzi gioiosi di sirene ammaliatrici. 
Voglio quindi condividere con voi il brano eseguito dal coro e dall'orchestra della Scala diretto dal  M°Claudio Abbado e se è possibile trasmettervi la gioia che io provo nell'eseguire questo mirabile brano.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Queen Anne's Resurrection - Viaggio III Sirene e Vampiri a Bordo - 2° parte

    Queen Anne's Resurrection Viaggio Sirene Vampiri Bordo parte

    Introduzionedi Alessandro Manzetti Continua il Viaggio III della Queen Anne's Resurrection, a tema Sirene e Vampiri a Bordo. Dopo la prima parte che ha visto... Leggere il seguito

    Da  Alessandro Manzetti
    CULTURA
  • Le pornographe

    pornographe

    Dopo 16 anni il regista di film porno Jacques Laurent torna a girare, ma le cose sono irrimediabilmente cambiate…La provocazione è pane per i denti di Bertrand... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • Le parc

    parc

    Ideato nel 1994, il balletto Le parc di Angelin Preljocaj è entrato stabilmente nel repertorio del Ballet de l’Opéra de Paris, così come altri successivi... Leggere il seguito

    Da  Pioggiadinote
    CULTURA, DANZA, PALCOSCENICO
  • Hai mai visto le sirene da quassù?

    visto sirene quassù?

    di Lele Mastroleo©Gianfranco Budano: Santa Maria di Leuca…dopo il sentiero che costeggiava il campo comunale ed i tre pini che limitavano la vecchia dimora di... Leggere il seguito

    Da  Cultura Salentina
    CULTURA
  • Le Roy

    Le Roy è la singolare fusione trono / credenza creata da AL & JO per l’autunno / inverno 2011. La parte centrale è composta da un’anta con unico ripiano... Leggere il seguito

    Da  Aljo
    ARTE, CULTURA
  • le presidente

    presidente

    no, però scusate, ma chi potrebbe dare credito, nonostante il millantato "incredibile movimento in rete che sta cambiando il Paese", a una che dice "la... Leggere il seguito

    Da  Aa
    CULTURA, LIBRI
  • Le Havre

    Havre

    Mi basta un semplice dettaglio.Una sola frase, un solo volto, una sola inquadratura, e vi saprò riconoscere con assoluta certezza un film a caso del regista... Leggere il seguito

    Da  Zaziefromparis
    CINEMA, CULTURA

Magazines